Klimt, inaugurata la mostra dell’anno a Roma

Con oltre 200 opere in esposizione e una corposa sezione di prestiti proveniente dal Belvedere di Vienna, possiamo sbilanciarci fin da ora e dire che “Klimt. La secessione e l’Italia”, inaugurata ieri 27 ottobre 2021 e che rimarrà visitabile fino al 27 marzo 2022, si candida fin da ora ad essere la mostra dell’anno a Roma.

Tale “profezia” è ulteriormente avvalorata dalla presenza nelle stanze di Piazza San Pantaleo 10 (o Piazza Navona 2, se preferite) di alcuni capolavori del maestro di Baumgarten, come l‘immortale “Giuditta I”,  il grandioso “Fregio di Beethoven” e l’ormai famosissimo “Ritratto di signora” della Galleria d’Arte Moderna  Ricci Oddi di Piacenza, il cui recente ritrovamento nel 2019 ha rappresentato, a 27 anni dalla sua rocambolesca sparizione, uno degli eventi più significativi nel mondo dell’arte dei giorni nostri.

MyZona
Leggi anche “WELCOME! 10 anni di Swatch Art Peace Hotel”, un dialogo tra le arti al MAXXI”

Ben 49, in totale, sono le tele, le opere grafiche e le incisioni firmate da Klimt, messe a disposizione oltre che dal già citato Belvedere, anche dalla Klimt Foundation e dalla Neue Galerie di Graz, alle quali si aggiungono un cospicuo numero di quadri, oggetti di design e disegni realizzati da altri riconosciuti protagonisti della Secessione viennese – tra i quali Koloman Moser, Max Fabiani, Josef Maria Auchentaller – che dal 1897 in poi, nel culto pressoché assoluto del concetto di “opera d’arte totale”, rivoluzionarono il linguaggio figurativo, architettonico e decorativo del Vecchio Continente (è tra l’altro presente in mostra anche il celebre il famoso manifesto realizzato da Klimt per la rivista Ver Sacrum).

Insomma, la mostra promossa da Roma Culture Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali in collaborazione e co-organizzazione con Arthemisa e Zètema Progetto Cultura, e curata da Maria Vittoria Marini Clarelli, Franz Smola e Sandra Tretter, è un appuntamento al quale nessun appassionato d’arte degno di questo nome può permettersi di mancare.

L’orario di apertura è dal lunedì al venerdì ore 10:00-20.00 e il sabato e la domenica ore 10:00-22:00 (24 e 31 dicembre ore 10:00-14). Si ricorda che la biglietteria chiude un’ora prima dell’ultima ora utile per la visita.

Per informazioni e prenotazioni, il numero di telefono utile è, tutti i giorni ore 09:00-19:00, lo 060608.

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli