Connect with us

Attualità

Il restyling del Colosseo divide l’opinione pubblica

Published

on

«Ancora un passo avanti verso la ricostruzione dell’arena, un progetto ambizioso che aiuterà la conservazione e la tutela delle strutture archeologiche recuperando l’immagine originale del Colosseo e restituendogli anche la sua natura di complessa macchina scenica». Così il ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, ha commentato l’esito della procedura di gara per la progettazione e la realizzazione del nuovo piano pavimentale dell’arena dell’Anfiteatro Flavio.

Il bando era stato pubblicato il 22 dicembre 2020 con scadenza fissata al 1° febbraio 2021. La commissione, selezionata da Invitalia e composta da Salvatore Acampora, Alessandro Viscogliosi, Stefano Pampanin, Michel Gras e Giuseppe Scarpelli, ha rilasciato parere favorevole nei confronti del progetto presentato da Milan Ingegneria, illustrato ieri nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno partecipato anche lo stesso ministro e la direttrice del Parco Archeologico del Colosseo, Alfonsina Russo.

MyZona

“La nuova arena dell’Anfiteatro Falvio, così come previsto dal Documento di Indirizzo alla Progettazione (DIP) elaborato dagli architetti, archeologi, restauratori e strutturisti del Parco Archeologico del Colosseo, sarà leggera, reversibile e sostenibile. Il progetto vincitore, infatti, è stato realizzato sulla base del DIP, redatto ai sensi del Codice dei Contratti per consentire al progettista di avere piena contezza di ciò che viene richiesto dall’amministrazione per il perseguimento degli obiettivi posti a base dell’intervento e delle modalità con cui tali obiettivi devono essere conseguiti.” (Ministero della Cultura)

Evviva! Che gioia e quanti complimenti, i riflettori che si (ri)accendono sul patrimonio culturale italiano ci fanno sognare di turismo e riaperture, ma non è così semplice. Dove la luce non arriva, nelle zone d’ombra, dietro i “sorrisoni” e i trailer patinati, lontano dalla Capitale, nei “bassifondi” dei beni culturali, non tutti sono sono altrettanto contenti.

Per capire bene tutto quello che è successo ieri dobbiamo tornare al 2014, quando l’archeologo e docente Daniele Manacorda suggerisce tramite i social di restituire all’arena del Colosseo la sua originale pavimentazione. Franceschini accoglie l’idea e infatti il 1° settembre 2015 l’arena del Colosseo viene inserita tra i Grandi Progetti Beni Culturali con un finanziamento di ben 18,5 milioni di euro. Ovviamente la proposta di Manacorda scatenò la furiosa reazione dei colleghi e della comunità scientifica. Alcuni, come l’archeologo Adrea Carandini, si dissero in accordo con il progetto, altri, uno su tutti lo storico dell’arte Tommaso Montanari, hanno sempre espresso un parere assolutamente contrario.

Per difendersi da tutti gli attacchi Manacorda nel novembre 2014 rilascia un’ illuminante intervista a Il Manifesto, in cui spiega le ragioni della sua proposta e attacca duramente l’atteggiamento di alcuni professionisti della cultura italiani:

“Ha detto bene: i paradossi a volte permettono di capire meglio la realtà. Per molti la cultura è cosa «esoterica», che necessita di un mediatore sociale per essere decifrata. Noi archeologi e storici dell’arte giochiamo a fare gli esoterici: guai se i musei sono affollati, se le didascalie sono comprensibili o se si fanno ricostruzioni virtuali. Se per alcuni la cultura dell’intrattenimento ha effetti negativi nei confronti del patrimonio culturale, allora significa che anche cinema e teatro non sono cultura. Restituire la sua arena al Colosseo è una questione estetica, ma è un’estetica che produce conoscenza: è una reintegrazione. “

L’archeologo spiega inoltre, a dispetto degli strenui sostenitori della storicità del monumento, ovvero di tutti quei processi che lo hanno portato ad essere come è oggi, che la pavimentazione è mancante a causa delle ricerche e degli scavi archeologici che hanno appunto, in tempi moderni, asportato il piano originario e messo in luce i piani ipogei. Secondo Manacorda quindi, lo scavo archeologico non solo deve essere considerato al di fuori di questa “storicità”, ma è nostro compito colmare la lacuna che noi stessi abbiamo creato. “Quel monumento non è più come lo vedevano nel XIX secolo. Quando è cambiato il contesto, è mutato anche lui. Nel Medioevo, l’anfiteatro è stato smontato per costruire palazzi. Noi non dobbiamo riportarlo a quella forma, ma risarcirlo dei buchi fatti dagli archeologi.”

Un durissimo attacco a un certo tipo “giurassico” di mentalità – “La responsabilità spesso è di chi dovrebbe svolgere la funzione d’innovazione culturale e di stimolo e indossa invece i panni di sacerdote o vestale della tutela”- le risposte sono presto arrivate.

Montanari infatti così scriveva sul Fatto Quotidiano nel dicembre 2020: “ll Colosseo diventa un contenitore per qualcos’altro. Cosa, si vedrà: “Ogni possibile evento della vita contemporanea”, secondo l’archeologo che ha sussurrato all’orecchio del principe una simile scempiaggine. Nel giugno 2018 un grande party di beneficenza culminato nella proiezione del Gladiatore di Ridley Scott (film irto di errori storici) ha permesso di capire quale potrebbe essere il futuro prossimo dell’anfiteatro. Il punto è che il monumento in sé è considerato un “inutile dente cariato” (così l’ex sottosegretario ai Beni Culturali Luigi Covatta, esprimendo sostegno al progetto): invece di educare a leggere i monumenti antichi, invece di sottrarli alla morsa del traffico, invece di prendere atto della loro storia e delle loro lacune, vogliamo inserirli a forza nel nostro presente. Ossessivamente presi da noi stessi, pieghiamo tutto al narcisismo effimero: un estremo consumismo, non sostenibile, del patrimonio culturale. E niente insegna il precedente infausto dell’Arena di Verona, ormai completamente inconoscibile come monumento e letteralmente mangiata da spettacoli in gran parte di infima qualità.

Ora, tralasciando il dibattito sulle ragioni scientifiche di un simile intervento sul monumento più conosciuto d’Italia, e mettendo da parte le ripicche tra accademici, una critica in particolare che viene mossa al ministro, un quesito che ci siamo posti tutti è: era proprio necessario? In piena pandemia, serviva spendere 18,5 milioni di Euro per ripavimentare l’arena del Colosseo?

L’Italia è, insieme alla Cina, il Paese che ospita il maggior numero di siti del patrimonio mondiale dell’UNESCO nel mondo, senza contare la costellazione di realtà territoriali di interesse culturale e storico sparsa sul tutto il territorio della penisola. Questi i “bassifondi”, che non brillano di luce propria come il Colosseo o come Pompei, ma che sono parte fondamentale del nostro retaggio e della nostra storia. Questi “piccoli” si reggono grazie al lavoro, alla ricerca e alla dedizione di migliaia di professionisti il cui impegno non solo troppe volte non viene riconosciuto ma appare ormai completamente dimenticato. In Italia centinaia di siti archeologici e musei rimangono chiusi per l’assenza di fondi, i monumenti si deteriorano per la mancanza di manutenzione e le opere vengono troppo spesso stipate e chiuse nei magazzini per l’assenza di spazi espositivi e di personale retribuito. In quest’Italia dove si cercano attraverso bandi pubblici profili professionali altamente qualificati senza però prevedere una adeguato stipendio, in quest’ Italia in cui Ales – società strumentale del Mibact – comunica di non poter rinnovare i contratti in scadenza il 31 dicembre dello scorso anno “a seguito di quanto stabilito dal DPCM 3 dicembre 2020 (…) che (…) per fronteggiare l’emergenza epidemiologica (…) ha decretato la sospensione delle mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e altri istituti della cultura (…) siamo spiacenti comunicarle la cessazione del rapporto di lavoro”. I quest’Italia dove c’è bisogno di testimonial e influencer per riconoscere la legittima dignità delle decine di migliaia di lavoratori dello spettacolo colpiti in modo violentissimo dalla crisi economica generatasi dalla pandemia, proprio in quest’Italia, questi 18 milioni di euro, non potevano essere redistribuiti per riequilibrare l’enorme disparità tra i “grandi monumenti” e le realtà periferiche?

Sia chiaro, no è morale spicciola. Manacorda ha ragione: non ha senso sigillare le testimonianze del passato e trasformarle in ruderi dorati; troppo spesso i giovani professionisti della cultura e della comunicazione si trovano a combattere con amministratori vetusti che intralciano la divulgazione e la crescita piuttosto che incoraggiarle. In un mondo ideale i fondi dovrebbero essere disponibili per tutti i luoghi del patrimonio e per tutti i suoi lavoratori. Ma questo non è un mondo ideale, quindi, per favore, non dimentichiamoci dei “bassifondi”.

Foto: https://www.facebook.com/ministerodellacultura/photos/a.190659273710/10159138275773711/

Archeologa, nata e cresciuta in Abruzzo, vive a Roma dal 2009. Dopo la laurea magistrale conseguita presso l’Universita “La Sapienza” di Roma ha proseguito gli studi frequentando la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dello stesso ateneo. Appassionata di storia e viaggi, avrebbe voluto essere Lara Croft, è diventata un “Ummarell”.

Continue Reading

Attualità

Tokyo 2020: su il sipario con “Moving Forward”, l’arte di guardare attraverso le ferite

Published

on

Tokyo

Moving forward, non poteva esserci altro titolo alla cerimonia di apertura dei giochi olimpici Tokyo 2020. Una cerimonia in una città che non ha avuto paura di mostrare le ferite di un tempo difficile come quello che stiamo vivendo, con condizioni che avevano messo in forse, per il secondo anno di fila, anche la possibilità di effettuare i giochi stessi. Ferite da far rimarginare, crepe, frammenti da rimettere insieme. Non sono i giapponesi a insegnarci l’arte del kintsugi?

Un minuto di silenzio con tutti i presenti (pochi per la verità) in piedi, comprese l’imperatore Naruhito e il presidente del Cio, Thomas Bach, è stato osservato allo stadio Olimpico in conclusione della parte iniziale della cerimonia di apertura, quando è stata ricordata la pandemia – con personaggi vestiti di bianco, medici, infermieri, pazienti – e i suoi momenti più drammatici.

MyZona

Una sequenza di immagini di cui le mascherine hanno fatto tristemente parte integrante e non solo come dispositivi di protezione. Sempre nelle battute iniziali, è stata la volta dei tapis roulant, delle cyclette e delle spin-bike in dotazione di alcuni figuranti comparsi nel buio. Strumenti di allenamento individuale, a sottolineare i tanti mesi di isolamento, con delle luci a segnare delle connessioni: come a scandire attraverso immagini un altro slogan di questo tempo: “Distanti ma uniti”.

Lo speaker ha dunque invitato tutti ad alzarsi per onorare la memoria delle vittime. In precedenza, erano state mostrate alcune immagini del lockdown in tutto il mondo, tra le quali quelle di una piazza Duomo di Milano completamente vuota.

Leggi anche: Le prime Olimpiadi della storia

Come da tradizione, la delegazione della Grecia è stata la prima a sfilare nella cerimonia di apertura di Tokyo 2020, con i portabandiera e gli altri con la mascherina. Subito dopo gli atleti del Team dei Rifugiati. L’Italia Team è poi entrata dopo nello stadio Olimpico di Tokyo  sfilando nella cerimonia di apertura dei Giochi della 32/a Olimpiade moderna. In testa i portabandiera Jessica Rossi ed Elia Viviani. Gli azzurri hanno vestito la tuta bianca con un sol levante tricolore davanti, e quasi tutti hanno sventolato una piccola bandiera biancorossoverde. Le divise, firmate Armani, non sono state esenti da ironia sui social: “Sembrano dei Teletubbies bianchi” ha scritto qualcuno: “Rebus olimpico: perché c’è una pizza tricolore sulla pancia?”. In realtà, almeno nelle intenzioni dello stilista, i toni della divisa avrebbero dovuto richiamare alla purezza dello sport. E bisogna contare che le giacche sono tutte realizzate facendo ricorso a materiali ecosostenibili (poliestere tricot shiny riciclato) e personalizzate pure con la stampa delle prime parole dell’inno nazionale.

Leggi anche: La storia dei Giochi moderni

I primi Giochi in ‘bolla’ ostentano comunque numeri in grande stile: oltre 200 paesi, 306 gare in programma per 42 discipline, con alcune new entry: surf, arrampicata, karate e skate, novità volute dal Cio per fidelizzare il pubblico più giovane. Emozione poi al passaggio di Paola Egonu scelta tra le persone che hanno accompagnato la bandiera olimpica: “Sono molto onorata per l’incarico che mi è stato dato”, ha commentato alla vigilia.

Continue Reading

Attualità

Green Pass per cinema e teatri dal 5 agosto e ancora stop alle discoteche: il nuovo decreto

Published

on

Il consiglio dei Ministri ha dato il via libera al nuovo decreto legge Covid. Un documento che, come anticipato, contiene una serie di misure che riguardano i settori dello spettacolo e dell’intrattenimento.

Arriva l’obbligo di Green Pass per cinema e teatri, ma aumenta il numero di spettatori ammessi ad assistervi, sia al chiuso che all’aperto. In zona gialla si entrerà a cinema e teatro con Green Pass, mascherina e distanziamento, ma gli spettatori potranno salire all’aperto dagli attuali 1000 fino a un massimo di 2500 e al chiuso da 500 a 1000. Mentre in zona bianca, dove ora sono fissati limiti di capienza, viene fissato un tetto all’aperto di 5mila persone e al chiuso di 2500 persone. Le discoteche resteranno chiuse così come è precluso qualsiasi spettacolo in cui non si può garantire adeguato distanziamento del pubblico, con posti definiti.

MyZona

Dunque, gli spettacoli aperti al pubblico, anche all’aperto, saranno accessibili solo con posti a sedere pre-assegnati e a condizione che sia assicurato il distanziamento (oltre che muniti di Green Pass). Una situazione ben diversa rispetto alla Francia, dove molte più attività all’aperto sono consentite col pass sanitario anche senza distanziamento.

Leggi anche: Clapton potrebbe rinunciare agli show con Green Pass

Questi gli altri parametri introdotti: lo stato d’emergenza per il Covid dovrebbe essere prorogato fino al 31 dicembre 2021.

Il Green Pass dal 5 agosto servirà anche per accedere ai tavoli al chiuso di bar e ristoranti. Il certificato verde – spiegano fonti governative – non sarà invece necessario per consumare al bancone, anche se al chiuso.

Leggi anche: Green Pass, la situazione in Francia

Terapie intensive al 20% e al 30% per le aree mediche per diventare arancioni e rispettivamente al 30 e al 40% per entrare in zona rossa. Mentre per entrare in zona gialla sarà sufficiente il 10% di occupazione delle terapie intensive e il 15% di ricoveri. Proteste nella notte a Torino.

Continue Reading

Attualità

Green Pass: concerti, discoteche e grandi eventi – i possibili scenari

Published

on

Foto: Nicolas LB on Unsplash

Mentre sono in fase di discussione le nuove regole per la ridefinizione delle aree di rischio nel nostro Paese, si fanno strada una serie di proposte volte a utilizzare il Green Pass per scongiurare chiusure al di fuori della zona bianca. Questo, di fatto il criterio proposto dalle Regioni, nella bozza inviata al governo.

Il decreto Covid, in fase di stesura, potrebbe – analogamente a quanto successo in Francia – permettere il via libera a discoteche e grandi eventi (pensiamo a concerti con un numero importante di spettatori), limitando però l’accesso ai possessori di pass sanitario in grado di provare la doppia dose di vaccino.

MyZona

Al momento, i casi in cui il Green Pass è obbligatorio sono piuttosto limitati. Nell’arco di qualche settimana, però, potrebbe essere richiesto per ristoranti e locali al chiuso al di fuori della zona bianca.

Leggi anche: A ballare col Green Pass, tutte le proposte

Sempre su richiesta delle Regioni, c’è la possibilità di ridurre il numero delle zone, da 4 a 3, per all’assegnazione dei profili di rischio (i cosiddetti colori). Si parla anche della flessibilità nella valutazione dei parametri nelle piccole Regioni, così come l’idea di considerare il numero dei vaccinati nelle Regioni.

Si propone quota 150 tamponi ogni 100mila abitanti come numero minimo di test ogni giorno e, soprattutto, di non scendere al di sotto della soglia del 15% e 20% di occupazione massima dei posti letto in terapia intensiva e reparti ordinari (il 5% inizialmente proposto di posti occupati in terapia intensiva rasenterebbe il ridicolo).

Il Green Pass potrebbe essere richiesto per consentire spostamenti in entrata o uscita dai territori ricadenti in zona arancione o rossa. Così come per l’accesso ad alcune prestazioni sanitarie, anche in affiancamento ai pazienti. Fiere, convegni, congressi e concorsi pubblici rientrano in questo tipo di elenco.

Quello che riguarda concerti, spettacoli e proiezioni risiede in questo elenco, dove a fare le differenze saranno le linee guida.

Foto: Nicolas LB on Unsplash

Continue Reading

In evidenza