Harry Potter all’Aquila, successo dei mercatini di Natale a tema

“Maghi ben accetti, babbani tollerati”, recita il cartello posto davanti a uno degli stand dei mercatini di Natale dell’Aquila. Nel weekend, il capoluogo d’Abruzzo è diventato un punto di riferimento per gli amanti di Harry Potter, tra bancarelle a tema, iniziative della scuola di magia, pozioni magiche e tornei di “Miniquidditch”.

Leggi anche: Harry Potter ecco la reunion

L’organizzazione è a cura da L’Aquila Young, Escape Party Italia e Fiera della Magia.

Diverse le attività previste, a partire dalla proposta editoriale “La Gazzetta Stregata”, il negozio di “Olivander”, la pasticceria “Kowalsky”, il negozio di abbigliamento “Madame Malkin”, il discount di Erbologia “Sprite”, il negozio di scherzi magici “Tiri Wispi”, la libreria “Ghirigoro”, i banchi magici e lo spazio fotografico “Colin Canon”.

Non solo, in questi giorni c’è in ballo la sfida delle pozioni magiche, il punto di visioni magiche della Cooman, così come “Il mantello dell’invisibilità”. Si gioca anche in modalità escape room, nella “Casa di Hagrid”. Spazio, infine, allo storytelling con i racconti magici di Albus. Info: 328.4904949.

Articolo precedenteFabrique du Cinéma Awards al Teatro Sala Umberto di Roma
Articolo successivoAll’Aquila la presentazione di “Demoni, venti e draghi”, la sfida dell’uomo contro le catastrofi
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.