Green Pass, reazioni contrastanti in una Parigi che ritrova i grandi eventi

Berlioz, Donizetti, Mozart, Tchaikovsky , Bach, Verdi con il celebre Nabucco, ma anche Piazzolla nell’anno nel centenario. L’orchestra nazionale francese, diretta da Simone Young con il coro di Radio France. Un parterre musicale di tutto rispetto per attendere i tradizionali fuochi del 14 luglio, giorno della presa della Bastiglia.

E poi la Marsigliese, suonata quasi in sordina, con l’accompagnamento della tromba jazz di Ibrahim Maalouf per prendere corpo sull’incastro di voci di Pretty Yende (soprano), Clémentine Margaine (mezzo-soprano), Piotr Beczala (tenore), Edwin Crossley-Mercer (baritono). Fino ai fuochi, accompagnati da un’esplosione di rock anni Ottanta.

MyZona

Ma a rendere magica questa serata è stata la presenza di migliaia di persone ai Champs de Mars. Immagini di gente come non si vedevano da tempo a causa delle restrizioni di questi ultimi due anni. Un fiume di gente chiamato a disporsi liberamente in un prato che guarda la Tour Eiffel.

Per accedere non servivano prenotazioni, ma solo la mascherina (senza però controlli invasivi una volta al concerto) e il pass sanitario, il tanto discusso Green Pass che Emmanuel Macron ha deciso di rendere obbligatorio per operatori sanitari e per l’accesso ad alcuni luoghi e servizi particolari.

Leggi anche: paura per i contagi a un festival in Olanda

Proprio negli ultimi giorni ci sono state varie proteste in tal senso con manifestazioni in una ventina di città, tra cui Strasburgo, Marsiglia, Tolosa e la stessa Parigi dove alcuni manifestanti hanno raggiunto anche Place de la République al grido di “Liberté, liberté” per protestare contro le misure anti Covid-19. Tafferugli e uso di gas lacrimogeni da parte degli agenti si sono registrati nella capitale, a Lione, a Montpellier e Nantes.

Proprio la possibilità di organizzare in libertà eventi con 15-20mila persone costituisce, in ogni caso, un precedente importante in un sistema che fa leva sul Green Pass.

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli