Connect with us

Cinema

“Dietro la notte”: il primo film di Daniele Falleri dal 28 aprile su SKY Cinema

Published

on

Dietro la notte primo film di Daniele Falleri

É “Dietro la notte” il primo film del regista Daniele Falleri, per anni impegnato nelle sceneggiature di opere teatrali destinate alla televisione (Carabinieri, Il commissario Manara 2). Prodotta da Fenix Entertainment spa e distribuita su SKY CINEMA sarà visibile a partire da oggi 28 aprile 2021. Il primo film del regista toscano è un thriller. Come ha ammesso lui stesso durante un’intervista, l’idea iniziale non era quella di scrivere un film di questo genere. L’opera ha preso questa piega perché la sceneggiatura lo richiedeva e lui non ha potuto fare altro che seguire la scia degli eventi.

“La storia stessa aveva bisogno di un ritmo, di un arco narrativo temporale molto compresso e quindi, a poco a poco, sono scivolato nel genere thriller. Quando me ne sono reso conto ho premuto sull’acceleratore e ho definito che quella era la cornice giusta per questa storia“.

Il film si svolge nell’arco di una notte. La protagonista è Marta (Stefania Rocca), dipendente di un prestigioso opificio e che per lavoro deve partire all’alba alla volta di Dubai per consegnare un ingente carico di diamanti che le è stato affidato. Divorziata e al momento impegnata con Bruno (Fortunato Cerlino), personaggio piuttosto goffo, di professione mago, e con un rapporto conflittuale con la figlia diciassettenne Elena (Elisa Visari). Marta condivide con la sorella Giulia (Roberta Giarrusso) il dolore e la rabbia per l’omicidio dei loro genitori avvenuto parecchi anni prima.

Messi i diamanti al sicuro e calata la notte, Marta si troverà a casa sola con Bruno. Quella che avrebbe dovuto essere una serata tranquilla e romantica, complice il fatto che la figlia Elena passi la notte da un’amica, si trasformerà in un incubo. Nessuno è chi dice di essere e niente è come sembra.

IL RUOLO DELLA DONNA IN “DIETRO LA NOTTE”

Le tre protagoniste femminili del film presentano tratti simili tra loro: sono ribelli, forti e combattive. Caratteristiche con le quali cercano di mascherare fragilità e bisogno di amore, sentimenti che spesso sono visti come segno di debolezza nella società di oggi. In questa pellicola l’unione fa la forza e grazie a ciò le tre donne avranno la meglio su quel genere di uomo che spesso non le rispetta o che tenta di calpestarle.

Non è un film femminista, questo è stato ribadito più volte dalle attrici.

“Le protagoniste del film- ha affermato Roberta Giarrusso rappresentano un po’ le donne di oggi, è un argomento molto attuale. Nonostante la loro forza, mantengono un loro mondo di fragilità e di insicurezze. Il nostro regista ha voluto creare dei tratti che rappresentano la donna moderna di oggi, che gestisce la famiglia, che lavora e che lotta nella vita di tutti i giorni. Non è un film femminista e non vuole denunciare gli uomini, vuole solo valorizzare l’identità femminile.

A questo discorso si è ricollegata Stefania Rocca (Il talento di Mr. Ripley, La bestia nel cuore): “Rappresentiamo donne che hanno la consapevolezza delle battaglie che devono portare avanti in questo momento, le donne si occupano di famiglia, di lavoro, di sentimenti. Un film assolutamente moderno da questo punto di vista“.

La più giovane del cast, Elisa Visari (A casa tutti bene, Gli anni più belli), circa questo tema molto attuale sul ruolo delle donne si è dichiarata d’accordo con le sue colleghe e ha aggiunto che “in questo film, l’unione tra di noi ci è servito molto e questo ci ha portato al finale“.

FORTUNATO CERLINO: DA BOSS DI GOMORRA A MAGO INGENUO

Fortunato Cerlino (Gomorra, Inferno) in “Dietro la notte” ricopre il ruolo di un personaggio caricaturale e non difficile da ingannare. É stato interessante vederlo vestire questi panni dal momento che siamo stati abituati a vederlo recitare in quelli di un uomo, del boss, che dell’inganno e della furbizia ne ha fatto il proprio stile di vita. Un passaggio sicuramente stimolante per un attore che si trova a vestire i panni di un personaggio così intrinsecamente differente da quello che gli ha regalato il successo.

Cerlino stesso ha affermato che il lavoro dell’attore permette di manifestare diversi tratti della propria personalità e si espone riconoscendo il fatto che “è un grandissimo privilegio poter saltare da una personalità ad un’altra, permette di immergersi ogni volta in punti di vista differenti“.

Insomma“Dietro la notte”, oltre ad essere un thriller carico di suspense che ci porta spesso a chiederci che diamine stia succedendo, porta in sé anche tematiche attuali e che vale la pena di prendere in considerazione. Con una riflessione post-visione che non guasta mai.

Ok, amo il cinema. Fin da quando, da bambina, restavo a bocca aperta davanti al Gladiatore o al Frankenstein di Mary Shelley mentre gli altri si entusiasmavano per i cartoni animati. Dopo una laurea in Scienze dell’educazione e anni di lavoro nel settore, ho lasciato tutto dopo la seconda laurea in Scienze della comunicazione per fare ciò che amo di più: scrivere di cinema. Tarantino, l’enfant prodige Xavier Dolan e l’aurea onirica di David Lynch sono punti di riferimento. Amo la scrittura perché, Bukowski docet, “scrivere sulle cose mi ha permesso di sopportarle”.

Cinema

Golden Globes poco inclusivi: le polemiche e la cancellazione della cerimonia per il 2022

Published

on

I Golden Globes sono in mezzo a un polverone, anzi a una tempesta tropicale, a causa delle rivelazioni venute alla luce nell’inchiesta del Los Angeles Times. La testata giornalistica americana ha evidenziato come l’organizzazione di stampa estera che presiede i premi, la Hollywood Foreign Press Association, abbia grossi problemi di inclusività. (Golden Globes 2021, ecco i vincitori. Emozione per il premio a Chadwick Boseman)

La polemica segue l’onda dei cambiamenti epocali che stanno avvenendo, con lotte e sacrifici, nella società statunitense e a cui Hollywood si sta contrapponendo, in alcune sue istituzioni, come retroguardia di diseguaglianze e disparità. All’interno dell’inchiesta viene fatto notare come nessuno dei membri della HPFA, negli ultimi vent’anni, sia stato di origine afroamericana e come l’ex presidente dell’organizzazione, Philip Berk, abbia definito in una delle sue mail il Black Lives Matter un “movimento di odio razzista”.

Altro tema scottante trattato nell’articolo è l’ombra che si allunga sulla possibilità della non totale imparzialità dei giudici nell’assegnamento dei premi: sembra infatti che alcune nominations e addirittura alcune vittorie, possano essere state frutto di “pressioni” da parte degli Studios. Come ha rivelato il LA Times, infatti, i membri dell’organizzazione sarebbero stati più volte influenzati con viaggi superlusso sui set per fare in modo che si avesse un “occhio di riguardo” per le pellicole.

Leggi anche: “A Quiet Place”, il film di John Krasinski dal 24 giugno al cinema

A seguito dell’articolo e delle conseguenti polemiche, la Hollywood Foreign Press ha annunciato un piano di riforme che prevedono, tra l’altro, l’aumento del 50% del numero dei propri membri entro il prossimo anno e mezzo e l’assunzione di consulenti per la diversità, oltre a restrizioni sui doni da parte degli Studi e sui pagamenti che i membri hanno ricevuto finora per far parte dei suoi comitati.

Questo piano di cambiamento non sembra però aver placato gli animi. Molte star, oltre ai vertici delle principali piattaforme (Netflix e Amazon), hanno giudicato inaccettabili i tempi (18 mesi) e i contenuti della riforma dell’associazione. I colossi dello streaming si sono tirati indietro chiedendo misure più significative sul fronte delle membership e delle regole etiche. Posizione sostenuta anche dalla NBC, emittente televisiva che trasmette la premiazione e che si è defilata dichiarando di non voler più trasmettere la cerimonia.

“Continuiamo a credere che la HPFA voglia intraprendere riforme significative. Ma cambiamenti di questa grandezza richiedono tempo e lavoro e pensiamo fermamente che l’associazione debba fare le cose per bene. Per questo non manderemo in onda i premi 2022 ma pensiamo di poterlo fare nel gennaio 2023”.

Leggi anche: Golden Globes: Nomadland è il miglior film drammatico

Questo significa per la HPFA perdere il principale sponsor, l’unico in grado di sostenere le spese organizzative dell’evento. L’organizzazione ha fatto finora affidamento sulla rete, che versava 60 milioni di dollari all’anno per assicurarsi i diritti di trasmissione. Nel 2018 aveva rinnovato il contratto con la Dick Clark Produtions per trasmettere lo show fino al 2026, per cui ora non è chiaro se questoverrà sospeso o se il network dovrà comunque pagare i 60 milioni programmati per il 2022, pur non trasmettendo la trasmissione.

Alla protesta si sono uniti anche molti attori dello Star Sistem americano, tra queste Scarlett Johansson, Mark Ruffalo e Tom Cruise, che con un gesto clamoroso ha restituito i tre premi ricevuti per le pellicole Jerry Maguire, Magnolia e Nato il quattro luglio.

La vera domanda, quella che resta sospesa è: come mai Hollywood ci ha messo così tanto a prendere posizione su un tema che è sempre stato il segreto peggio costruito dell’ambiente cinematografico, e che spesso è stato oggetto di discorsi di intrattenimento durante la ricezione dei premi? A quanto pare però, la conseguenza più influente rimane la perdita di “importanza” del premio dopo la pubblicazione del reportage sul Los Angeles Time, ad oggi la vittoria di un Golden Globe potrebbe non essere più simbolo di eccellenza e prestigio, avendo grosse conseguenze sugli incassi e la promozione delle pellicole. E questo potrebbe decretare la cancellazione definitiva dei premi.

Leggi anche: The Underground Railroad: per non dimenticare. Su Amazon Prime Video

Continue Reading

Cinema

In arrivo nelle sale “Morrison” di Federico Zampaglione: una storia di vita, amicizia e speranza

Published

on

Arriva nelle sale a partire dal 20 maggioMorrison, opera diretta da Federico Zampaglione e liberamente tratta dal suo romanzo Dove tutto è a metà, scritto insieme a Giacomo Gensini e pubblicato da Mondadori. Una storia di vita, amicizia e speranza, che mette a confronto due vite diverse ma legate dalla grande passione per la musica: Lodo, giovane e pieno di grandi sogni da dividere con la sua band, interpretato da Lorenzo Zurzolo (Baby, Sotto il sole di Riccione), e Libero, una ex rockstar in cerca del grande rilancio, interpretato da Giovanni Calcagno (Il primo Natale, Il traditore).

Nel cast anche Carlotta Antonelli (Bangla, Suburra – La serie) e Giglia Marra (Una serata speciale, Squadra antimafia – Palermo oggi), oltre all’amichevole partecipazione di Riccardo De Filippis (Giorni, Romanzo criminale) e la partecipazione di Adamo Dionisi (Suburra, The Shift). Morrison è una produzione Pegasus Entertainment e QMI in collaborazione con Vision DistributionSky Amazon Prime Video, prodotto da Ilaria Dello Iacono e Martha Capello e sarà distribuito a partire dal 20 maggio 2021 da Vision Distribution. Online è disponibile il trailer ufficiale.

Sinossi

Lodo ha vent’anni e vive le difficoltà della sua età, tra un difficile rapporto con il padre e il tentativo di conquistare Giulia, la sua coinquilina di cui è follemente innamorato. Si esibisce con i MOB, una band indie, in un leggendario locale romano: il Morrison. Un giorno, casualmente, la strada di Lodo incrocia quella di Libero Ferri, ex rockstar dalla carriera in stallo, che cerca di ritrovare il successo ma finisce per chiudersi sempre di più in se stesso, trascurando la bella moglie Luna e vivendo isolato nella sua lussuosa villa piena di ricordi. Tra sogni, fallimenti, amicizia, amori tormentati e curiosi personaggi, il loro incontro diventerà uno stimolo reciproco ad andare avanti, ma a tratti anche un difficile confronto tra generazioni e modi di essere molto diversi.

Leggi anche: ““2119, la disfatta dei sapiens”: il mondo dispotico di Sabina Guzzanti

Continue Reading

Cinema

Infortunio per De Niro in Oklahoma, ma le riprese del film di Scorsese non si fermano

Infortunio per Robert De Niro mentre era impegnato in Oklahoma per il nuovo film di Martin Scorsese, il noir “Killers of the Flowers Moon”. L’incidente non è accaduto sul set o durante le riprese

Published

on

Infortunio per Robert De Niro mentre era impegnato in Oklahoma per il nuovo film di Martin Scorsese, il noir “Killers of the Flowers Moon”. L’incidente non è accaduto sul set o durante le riprese e l’attore è tornato a New York per farsi visitare. Nessun problema per le riprese, in quanto gran parte del lavoro dell’attore è stato già svolto e non ci sono appuntamenti per lui programmati prima di tre settimane.

Il film, come ricorda l’agenzia Ansa, è tratto dal bestseller di David Grann ed è ambientato nel 1920 in Oklahoma. Si rievoca la serie di oltre 60 fra omicidi e scomparse avvenuta tra il 1921 e il 1926 di nativi americani appartenenti alla Osage Nation, in una zona ricca per la presenza nel territorio del petrolio. Crimini noti anche come il regno del terrore di Osage. La storia ripercorre anche l’indagine intergovernativa sui fatti, cui prese parte l’Fbi.

Il film vede Leonardo Di Caprio nei panni di Ernest Burkhart, e Lily Gladstone nel ruolo di Mollie Burkhart, una donna di etnia Osage che si innamora di Ernest. Nel cast di anche Jesse Plemons, Tantoo Cardinal, Cara Jade Myers, JaNae Collins, Jillian Dion, William Belleau, Jason Isbell, Louis Cancelmi, Scott Shepherd, Sturgill Simpson.

La sceneggiatura è scritta da Eric Roth e dallo stesso Scorsese.

Continue Reading

In evidenza