“Devo ricordarmi di dimenticarti”, l’esordio di Cristina Prevosti

Devo ricordarmi di dimenticarti” racconta di Clara, la quale è stata sconfitta, o perlomeno, si sente così quando Vincenza, che lei considerava una delle sue migliori amiche in assoluto, le telefona quel giorno. È seduta sul letto e sta guardando la tv. Le risponde come se nulla fosse ma dopo che l’ha ascoltata, il suo cuore inizia a battere sempre più forte, la sua interlocutrice è forse diventata pazza tutto di un colpo?

O è magari un semplice scherzo? E se, invece, si fosse inventata tutto, ogni singola parola, di sana pianta per farla stare male? In fin dei conti, parliamoci chiaro, Vincenza è proprio bruttarella e sotto sotto gelosa di lei che è molto bella, non per niente di mestiere fa la modella ed è pure lanciatissima nel mondo del Fashion.

MyZona

Figurati se il suo Alberto, che è un gran bel ragazzo, fidanzato con lei da più di dieci anni, la tradisce con una ragazza così! Ma non esiste! Eppure, purtroppo per lei, è tutto vero, glielo conferma anche lui. Dove ha sbagliato? E soprattutto come hanno potuto entrambi farle questo? Lei fino a quel preciso istante era stata la sua confidente e lui il suo primo grande amore, non avevano connesso il cervello prima di farle questo? Si sente  pertanto profondamente tradita da entrambi.

Leggi anche: ““Intelligenza² – Per un’unione di intelligenza naturale e artificiale”, il libro di Ienca nella biblioteca virtuale del Cpia L’Aquila”

Come può dunque credere ancora sia all’amicizia che all’amore? Tuttavia grazie alla vicinanza di Mara, di Isa e di Susy, anche loro dotate di una vita sentimentale molto particolare e – a tratti – incasinata, riuscirà piano piano, giorno dopo giorno, non solo a lasciarsi andare a confidenze e a fiumi di chiacchiere, ma anche a divertirsi  durante aperitivi e a cene, talora decisamente improvvisate, e organizzare di viaggi, persino all’estero, che sono una delle sue più grandi passioni, insieme alla Moda, che è poi riuscita con il suo talento, con la sua determinazione, davvero eccellente, e con tanti, tantissimi sacrifici, a far diventare il suo lavoro, allo yoga che tuttavia tende a trascurare per mancanza di tempo, e alla lettura.

Non mancano infatti numerose citazioni letterarie, per lo più di testi classici, fatte sia da Clara, l’indiscussa protagonista di questo convincente romanzo rosa d’esordio della brava Cristina Prevosti, e delle sue tre fidate amiche, che pur di aiutarla e di farle forza, sono disposte anche a raggiungerla a Milano, dalla loro amata Genova, dove lei risiede da tempo per motivi espressamente lavorativi.

Leggi anche: ““Almanda – Il viaggio”, il nuovo romanzo di Ennio Maria Petruzzella”

Tuttavia, è doveroso sottolinearlo, ad aiutarla, oltre a loro, a guardare avanti è soprattutto il suo lavoro, che la porta, seppure in una vesta nuova, non più quella di modella, a essere impegnata tantissime ore al giorno e a viaggiare di continuo, anche all’estero. E così, tra un viaggio e l’altro, un aperitivo e una cena, oltre che qualche gita in barca o festa esclusiva, incontrerà uomini molto affascinanti, che, però, non riusciranno sempre a farle dimenticare il suo Alberto, che in realtà non scomparirà del tutto dalla sua esistenza. Ci sarà forse un ritorno di fiamma e una seconda chance per loro? Chissà…

Casa Editrice: Brè Edizioni

Genere: Narrativa

Pagine: 264

Prezzo: 13,00 €

Kinbaku. Beautiful young model posing tied with rope

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli