David Gilmour omaggia Leonard Cohen attraverso il romanzo della moglie Polly Samson

Omaggio a Leonard Cohen da parte di David Gilmour, direttamente da casa insieme alla moglie Polly Samson e ai figli. Il chitarrista avrebbe dovuto partecipare a un tour di presentazione di A Theater For Dreamers, il romanzo di sua moglie ambientato nell’isola greca di Hydra nel 1960, quando sul posto c’erano poeti, pittori, scrittori e musicisti, tra cui un giovane Cohen.

Il tour prevedeva tre serate di “letture, film e musica dal vivo”, tra cui il debutto di una nuova canzone del chitarrista dei Pink Floyd intitolata Yes, I Have Ghosts e ispirata a uno dei personaggi del libro. Di qui, Gilmour e famiglia sono passati al piano B lavorando a una diretta social. Seduti attorno a due tavoli apparecchiati Gilmour, Polly Samson e i figli hanno letto alcuni passaggi del libro, risposto alle domande del pubblico e cantato due canzoni di Cohen: Bird On The Wire (al minuto 7:46) e So Long, Marianne (a 30:08).

MyZona

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli