Cioccolato all’arancia, la riflessione sulla vita di Martina Gatto

Dopo la vittoria al Roma Comic Off nel 2019 e l’eclatante successo riscosso lo scorso anno, torna in scena a grande richiesta a Roma il 24 e il 25 settembre al Teatro Belli, Cioccolato all’arancia. Vero e proprio one woman show in cui l’attrice Martina Gatto (anche autrice della pièce) intrattiene e coinvolge gli spettatori nel ruolo di una donna intelligente ma confusa, ironica ma preoccupata, talentuosa ma ansiosa. 

Per 55 minuti la protagonista si confida con il pubblico, trascinandolo e rendendo lo spettacolo interattivo e pieno di sorprese. Un testo delicato, uno sguardo fondamentali dell’opera, il fattore scatenante di una serie di grottesche vicende, realistiche per quanto incredibili, leggero sulla completezza della vita. 

MyZona

Il tempo è tra gli elementi cardine. Che sia il tempo cronologico o quello meteorologico, che sia il tempo giusto o che sembri quello sbagliato, tutto sembra adattarsi ai pensieri della protagonista, proprio mentre lei cerca di adattarsi agli eventi della sua vita. Torna dunque l’allegoria delle incertezze e della simpatia di una ragazza contemporanea, immersa nel traffico di città, che prova con semplicità e gioia a liberarsi da nevrosi, da cliché e retorica, per ritagliarsi uno spazio di autenticità, persino sotto la pioggia, con un gelato in mano.

Tutto nasce da una scoperta semplice quanto traumatica, la protagonista ha un disordine alimentare. Da lì, il monologo si dipana in un susseguirsi di aneddoti, racconti, scorci malinconici e gag. “Ci sono momenti nella vita – dice Martina Gatto -“in cui tutto ciò che abbiamo attorno sembra cambiare improvvisamente. È come se un terremoto aprisse una voragine.

Leggi anche: “Franceschini scrive a Draghi: con green pass in sala stop a contingentamenti”

Gli interrogativi prendono il sopravvento e si mette tutto in discussione, ci ritroviamo sballottati tra i sogni e la realtà, tra il volere e il dovere, tra il cuore e la testa, tra il dolce del cioccolato e l’amaro dell’arancia. In situazioni come queste, regalarsi una pausa prendendo un gelato che rinfreschi corpo e mente è quello che ci vuole. Il problema è solo uno, scegliere i gusti e fare l’abbinamento perfetto.

È meglio cioccolato normale o provare quello all’arancia? Per poi abbinarlo con menta o stracciatella? E se poi l’abbinamento non mi piace? E se volessi provare tutti i gusti? Questi e molti altri sono i dubbi che tartassano la protagonista di Cioccolato all’arancia, una ragazza ossessionata dall’ansia di prendere la scelta giusta. Per il gelato e per la vita. Perché a volte, per riconoscere quel che ci piace davvero dobbiamo avere il coraggio di perderci e anche, forse, di assaggiare quel che non ci piace”, conclude l’autrice.

Cioccolato all’Arancia è specchio della nostra quotidianità, delle perplessità e incertezze del nostro tempo e delle contraddizioni che abitano le nostre vite. Un vero e proprio flusso di coscienza che incontra interlocutori diversi, ma in fin dei conti rimane un dialogo interiore. Le parole della protagonista, plasmano e definiscono il suo pensare e se è vero che il pensiero è materia, la scena non può̀ che riflettere un mondo che è somma del pensato e del percepito, del dolce del cioccolato e l’amaro dell’arancia. 

Leggi anche: “Il Teatro Vascello riparte: svelato il cartellone settembre-dicembre”

Lo spettacolo si terrà venerdì 24 settembre ore 21.00 e sabato 25 settembre ore 18, presso il Teatro Belli di Antonio Salines, Piazza di Sant’Apollonia 11a, Trastevere. Per informazioni e prenotazioni contattare i seguenti numeri: 06 5894875 – 351 8713646.

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli