Capodanno, annullato il concerto a Roma

I nuovi dati dei contagi e la paura che possano aumentare anche i ricoveri incidono sugli eventi di Capodanno. Il primo a farne le spese è il concerto al Circo Massimo a Roma. L’assessore ai Grandi Eventi Alessandro Onorato ne ha ufficializzato la cancellazione.

Leggi anche: Roma a Teatro: gli spettacoli dal 13 al 19 dicembre

MyZona

“Era tutto pronto per celebrare il Capodanno in grande stile e riportare Roma al centro dei grandi eventi. Avevamo scelto per la ripartenza alcuni grandi artisti romani, una location spettacolare come il Circo Massimo e un’organizzazione impeccabile per la sicurezza. Ma in questo momento la nostra priorità è e deve essere quella di salvaguardare la salute dei romani e evitare assembramenti”. Per questi motivi, aggiunge Onorato, “siamo costretti ad annullare il concertone”.

Dopo le chiusure e le limitazioni che hanno caratterizzato l’ultima serata del 2020, anche questo anno il covid sembra essere lo sgradito protagonista della notte di San Silvestro.

Roma si apprestava a vivere il concerto con Blanco, Tommaso Paradiso e Coez.

Questi artisti, sottolinea l’assessore “avrebbero garantito una grande partecipazione di pubblico e l’interesse di tutti i media nazionali. Ma in questo momento la nostra priorità è  e deve essere quella di salvaguardare la salute dei romani e evitare assembramenti che possono aggravare una situazione pandemica che, pur sotto controllo, presenta aspetti preoccupanti. Per questo dopo aver sentito anche il parere delle autorità competenti e la Prefettura siamo costretti a annullare il Concertone di Capodanno. Sono davvero rammaricato- spiega l’assessore Onorato -. Mi sento di ringraziare Clemente Zard, Tommaso Paradiso,  Coez e Blanco per aver dato immediatamente la loro disponibilità pur con così scarso preavviso. L’ho considerato un atto d’amore per Roma”.

Leggi anche: Intervista a Massimo Cotto

“Ma in questo momento non possiamo che anteporre la salute di tutti a un’opportunità importante di ripartenza che sono convinto non tarderà a arrivare. Appena la situazione lo consentirà ci muoveremo immediatamente per far tornare Roma ad essere il palcoscenico più importante del nostro Paese per i grandi eventi di spettacolo”, ha così concluso Alessandro Onorato.

Da leggere anche

Federico Rapini
Nato a Roma grazie alle notti magiche di Italia 90, si laurea in Lettere con indirizzo storico all’Università di Roma “Tor Vergata”. Cresciuto tra la passione per la Roma ed i libri di Harry Potter punta ad una nuova laurea in Filologia. Ancora deve capire se essere un Grifondoro o il nuovo Totti

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli