Autumn in New York: l’amore indissolubile tra Richard Gere e Winona Ryder

Con Autumn in New York mettete il delicato fascino e l’eleganza di Richard Gere. Mettete le dolci smorfie di una stravagante Winona Ryder. Aggiungete le più calde sfumature autunnali di Central Park e la magia della pista di pattinaggio davanti al Rockefeller Center. Mescolate il tutto con romanticismo q.b. Così otterrete un dolceamaro film drammatico-sentimentale che, dopo quasi 22 anni, non manca al suo appuntamento annuale in tv. Questa sera, alle 21.20, su Rai Movie.

LA TRAMA

MyZona

Will Keane, 48 anni, è un affermato ristoratore di New York e playboy di successo. Cinico sui sentimenti duraturi ed amante delle donne, si troverà a ricredersi quando conosce l’appena 22enne Charlotte Fielding. Figlia di una delle tante conquiste del passato di Will, Charlotte è una briosa ragazza un po’ naive appassionata di poesia antica e creatrice di stravaganti cappellini.

Leggi anche: Parole & Suoni, Vinicio Capossela non fu più lo stesso dopo Cèline

La sua vivacità e tenerezza conquisteranno Will e faranno nascere la passione. Ma quando la cosa sembra farsi seria, lui tenta di svincolare con la solita frase “Tutto ciò che posso offrirti è questo, quello che abbiamo ora, nient’altro finché non finisce.

Significa che non abbiamo futuro.” Questa volta però sarà lei a spiazzarlo, spiegandogli perché anche lei sa che non ci sarà nessuna storia duratura…

SPOILER ALERT

Charlotte soffre di un neuroblastoma che massimo entro un anno impedirà al suo cuore un normale funzionamento. Conscia del poco tempo che le resta, la giovane ha rifiutato ogni eroico quanto rischioso tentativo scegliendo di godersi ogni attimo.

Così sequestra l’orologio di Will con la promessa di restituirlo “quando dimenticherai che ce l’ho io“. I due vivono la storia d’amore che porterà il cinico Will a dire quel famoso “Ti amo” sulle note dei canti natalizi a Central Park e tentare il tutto per tutto quando durante le feste il tumore si espande e il cuore di Charlotte cede. Ma purtroppo neanche il miglior chirurgo trovato da Will riuscirà ad effettuare un miracolo.

Leggi anche: Denzel Washington e Frances McDormand protagonisti del Macbeth di Joel Coen

Una storia d’amore dolce e maledetta che supera la differenza d’età ed altri ostacoli più dolorosi, la lotta contro il tempo, la redenzione di un playboy, un ritrovato rapporto tra padre e figlia.. tutti ingredienti di un film (dalla trama forse prevedibile e già vista) che continua a intenerire e far sussultare i cuori più romantici.

Non solo, “Autumn in New York” colpisce anche per l’eleganza della fotografia, per il dolceamaro contrasto tra la storia d’amore d’altri tempi e la frenesia di una New York del 2000 (in cui possiamo vedere ancora le Twin Towers) colta nelle sue migliori sfumature autunnali.

Per non parlare della piacevole alchimia tra il sempre affascinante Richard Gere e la pura bellezza (dentro e fuori) di Winona Ryder. Dell’attenzione ai particolari e della delicatezza con cui la Chen ci invita a godere dell’amore senza pregiudizi e del fuggevole tempo. Non a caso il film fu lanciato con lo slogan:

“Lui si innamora per la prima volta… e lei per l’eternità”

Foto: cinématographe.it

Da leggere anche

Sara Paneccasio
Classe 2001 e studentessa di “Letteratura Musica Spettacolo” in Sapienza. Alla continua ricerca di meraviglia, di entusiasmo e di un significato in ogni cosa. Le piace lasciarsi attraversare dalle emozioni davanti ad un film, a una poesia o ad un’opera d’arte, riempire i polmoni di bellezza fino a sentire il bisogno di sospirare. Ama l’arte ai suoi antipodi: sempre con la musica in sottofondo, da Vivaldi a Lady Gaga passando per Queen, Jovanotti, Achille Lauro o Ultimo; perde il fiato davanti alle sculture di Canova, agli stencil di Banksy o alle tele di Perez. Con il cuore diviso tra Abruzzo e nord della Francia, ama viaggiare in treno o in aereo, ma mai senza auricolari o un libro di poesie e una matita tra le mani.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli