“Altrimenti ci arrabbiamo!” e pure a ragione, specie se vogliono farne un remake

Per chi è in cerca di un buon motivo per arrabbiarsi, ecco che il paventato annuncio del remake di “Altrimenti ci arrabbiamo!” uno dei più amati e riusciti film della coppia Bud Spencer e Terence Hill sembra farsi sempre più concreto.

Leggi anche: A Berlino il museo che omaggia Bud Spencer

MyZona

A confermarlo uno dei protagonisti, Christian De Sica qui nei panni dell’imprenditore senza scrupoli: “Ho fatto un sacco di cose quest’anno”, ha spiegato nel corso del programma di Rai1 ‘Da noi a ruota libera’, “adesso ho girato un film con Alessandro Siani che si chiama ‘Chi ha incastrato Babbo Natale’, che uscirà il prossimo Natale, e fra pochi giorni inizio un altro film che si chiama ‘Altrimenti ci arrabbiamo…’. Io farò il cattivo, mentre i ruoli di Bud Spencer e Terence Hill saranno di Alessandro Roja ed Edoardo Pesce “.

Leggi anche: il mito di Trinità dopo mezzo secolo

Il film originale è diretto da Marcello Fondato. Ben e Kid, amici rivali, si contendono una dune buggy durante una gara al luna park. La sfida viene però interrotta dai perfidi scagnozzi del capo, uno speculatore edilizio intenzionato a demolire il luna park e costruire una serie di grattacieli. Quando la dune buggy va in fiamme a causa di un incidente con questi scagnozzi, i due protagonisti fanno di tutto per averne una nuova da giocarsi a… birra e salsicce.

Foto Francesco Betti Sorbelli – schermata proprio pc, mediante kaffeine, Public Domain

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli