AliC’è: il mio indie è differente. L’intervista

Da pochi giorni on air con il nuovo singolo Fotografia, il duo pugliese AliC’è (Nicola Radogna e Rosita Cannito) conferma la bontà e l’originalità della sua proposta, dopo gli ottimi riscontri ottenuti con il debutto di febbraio Radio Rivoluzione. Ne abbiamo parlato un po’ con loro, facendoli sbottonare un po’ sul presente, sul passato e sul futuro di una band che sembra avere tutte le carte in regola per ritagliarsi uno spazio importante nel panorama indie italiano.

Il vostro progetto AliC’è è nato alla fine del 2019. Praticamente non avete fatto a tempo a cominciare il vostro percorso insieme che la pandemia vi ha messo subito i bastoni tra le ruote. Come siete riusciti a collaborare in questi mesi?

MyZona

Il periodo che abbiamo vissuto e che purtroppo viviamo ancora resterà nella storia dell’umanità per tutto quello che ci ha sottratto. Il nostro lavoro è stato fatto a distanza con i chilometri che ci hanno separati per 3 mesi. Non è stato facile, ma sicuramente non è stato impossibile da portare avanti. Ciascuno abbozzava idee, testi, melodie e le rimbalzava all’altro che le completava, le cambiava. Insomma ci siamo adattati allo smart working!

Cosa vi ha portato a unire le vostre forze in questa nuova avventura e continuate ad avere attive anche altre esperienze?

Il progetto è nato dal nostro incontro nel privato, prima che nella musica: siamo una coppia anche nella vita di tutti i giorni, infatti. Entrambi reduci da esperienze musicali completamente diverse, abbiamo deciso di far convogliare i rispettivi, diversi bagagli a sette note in uno solo. Nasce così AliC’è. Un equilibrio raggiunto.

Leggi anche: Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino: aspettando la nuova serie di Amazon Prime Video

Il vostro primo singolo Radio Rivoluzione, uscito lo scorso febbraio per LeIndieMusic, vi ha aperto la strada per cominciare un discorso che questo vostro nuovo Fotografia dove vuole portare?

Il nostro obiettivo principale è quello di portare l’ascoltatore nella nostra dimensione. Riuscire a far vedere a lui quello che vediamo noi, quello che viviamo noi, situazioni nelle quali può riconoscersi e trovare un rifugio. Perché, diciamocela tutta, la Musica è riparo dal monocolore che a volte la vita ci pone davanti. Vogliamo essere veri e raccontare.

Il video del nuovo singolo sembra essere particolarmente evocativo del concept dietro la canzone. Davvero è possibile liberarsi di tutte le inibizioni e paure e mettersi fiduciosi sulla strada della libertà? Potete raccontarci come è nata l’idea di scrivere il brano e, successivamente, di dargli una veste video così particolare?

Pensiamo che raggiungere la libertà sia possibile, dopo una fase di accettazione della propria persona. Non è certamente un percorso facile, c’è da prendere consapevolezza dei propri limiti, perdonarsi, fare i conti con le proprie paure e fragilità. Ma il risultato finale è sorprendente. Fotografia nasce proprio da una domanda che ci siamo posti guardando una fotografia: cosa può esserci dietro quel sorriso su una foto? Il video è proprio un percorso di vita, rappresentata da una ballerina, che incontra tutte le sensazioni che fanno parte di noi ogni giorno: coraggio, paura, fragilità. Le sperimenta e si rende conto che è meravigliosa anche così, perché proprio quelle sue paure, proprio quel suo coraggio, proprio quelle sue fragilità, suonano la musica sulla quale lei danzerà per tutto il tempo.

Già da primo ascolto si nota una cura non banale della produzione e dei suoni. Quant’è stato importante lavorare con Luca Giura (Molla) in questo senso e la direzione verso la quale vi ha indirizzati è esattamente quella che vi aspettavate?

Lavorare con Molla è disarmante! La cosa eccezionale è vedere come riesce ad entrare dentro di te e a capire di cosa hai realmente bisogno per far emergere i tuoi punti di forza. Siamo grati a lui per aver creduto in quello che volevamo dire e per aver trovato una veste adatta. Il suo lavoro è proprio quello che cercavamo. Riesce a dare un senso e il giusto significato ad ogni suono utilizzato, facendolo diventare magia. La sua presenza e la sua figura sono fondamentali per noi!

Leggi anche: Il fascino immortale di Audrey Hepburn a 92 anni dalla sua nascita

A proposito di direzione musicale: la vostra proposta, pur sostanziandosi in un retroterra indie-pop, si spinge in modo abbastanza convinto verso lidi più elettronici, assorbendo anche certi umori vicini al trip hop di oltremanica, senza disdegnare incursioni in una autorialità più vicina alla tradizione italiana. Qual è la tavolozza di colori di AliC’è ed è un progetto che in futuro sarà aperto a nuove suggestioni?

AliC’è è un progetto che nasce dalla passione di entrambi per il cantautorato italiano che, però, nella nostra musica, strizza l’occhio a sonorità più attuali. Sonorità semplici ma allo stesso tempo molto ricercate. Se siamo aperti a nuove suggestioni? Non ci poniamo nessun vincolo, questo è poco ma sicuro. Come si può ben notare il nostro primo singolo è stato Radio Rivoluzione, un brano voce e chitarra. Un brano privo di basso e batteria, inusuale nel 2021. Nel secondo singolo ci sono chitarra elettriche, assoli, batteria, basso e vari synth e suoni. Vestiamo, con Molla, ogni singolo brano diversamente, non ci poniamo alcun problema.

Domanda difficile, data la situazione che stiamo vivendo, ma anche a suo modo stimolante: come immaginate un vostro concerto dal vivo non appena si potrà tornare su un palco (sempre che l’attività live sia contemplata nei vostri desideri)? Quale sarà il set e in quale contesto pensate di potervi trovare più a vostro agio?

Speriamo davvero si possa tornare prestissimo a fare concerti, perché sicuramente è una delle cose che più ci manca! Un nostro live lo immaginiamo con i nostri amici in prima fila, a sostenerci e a cantare le nostre canzoni. In live possiamo proporci sia in versione duo, chitarra e voce, sia in versione trio, con un nostro amico polistrumentista Francesco Calisi a supporto. Nell’ultimo periodo però, non ti nascondiamo, stiamo anche pensando di coinvolgere qualche altro amico musicista per presentarci con una vera e propria formazione. Dove pensiamo di poterci trovare a nostro agio? Ovunque ci sia data la possibilità di essere noi stessi e di farci ascoltare, anche chitarra e voce per strada!

Leggi anche: Wuhan, dalla militarizzazione per il covid a concerti con 11 mila spettatori. E in Italia?

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli