Maiorano, il video di “Golden Rags” tra pop e sound anni ’50

Maiorano alex maiorano

Sul balcone di una palazzina anonima di una Berlino rinchiusa, all’inizio del primo lockdown, avevano improvvisato un mini-set acustico per regalare la propria musica ai passanti e ai followers dei propri canali social. Così Alex Maiorano e Nicola Battistelli avevano catturato l’attenzione in modo tale da far parlare di loro anche a Sulmona.

Da lì Alex era partito, insieme al batterista Antonio D’Alessandro, alla volta della capitale tedesca, per provare a realizzare un sogno: quello di riuscire a vivere solamente di musica.

Dopo mesi di lavoro sottotraccia, è finalmente arrivato un contratto con l’etichetta svedese Something Beautiful, insieme con un progetto per la realizzazione di un nuovo album dal titolo Luna Nuova. Una serie di registrazioni ultimate in questi ultimi due anni e che hanno visto Nicola Battistelli e Alex Maiorano al timone della parte creativa, per poi consegnare il grezzo nelle mani del produttore Nene Baratto, che ha guidato il completamento del disco nel suo studio Big Snuff.

Leggi anche “Brad Pitt riaprirà gli studi Miraval, dove i Pink Floyd realizzarono The Wall”

Da questo album è stato estratto il singolo Golden Rags, un brano che segna un cambiamento a livello di suono della band, molto più pop e anni Cinquanta, in un arrangiamento che predilige l’uso di sintetizzatori. Proprio in questi giorni è stato divulgato il videoclip del brano, realizzato dall’artista catalano Victor Puigcerver nelle campagne berlinesi in estate.

«Aver attraversato lunghi mesi senza poter fare concerti», fa sapere la band, «ci ha messo in condizione di dedicarci alla scrittura e alla registrazione di nuovi brani. Certo, ci piacerebbe tornare a suonare dal vivo a pieno regime, adesso più che mai per gustare al meglio la magia del contatto con il pubblico».

Articolo precedenteBrad Pitt riaprirà gli studi Miraval, dove i Pink Floyd realizzarono The Wall
Articolo successivoRoma Capodarte 2022, la cultura per cominciare l’anno
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.