A Fiumicino approda la mostra di mattoncini Lego più grande d’Europa

Mostra Mattoncini Lego® Roma Fiumicino

Fino al 7 gennaio 2024 il centro commerciale di Parco Leonardo a Fiumicino (Roma) ospita la mostra di mattoncini Lego più grande d’Europa. Oltre 2000 metri quadrati di spazio dedicati ai mattoncini più famosi al mondo per un totale di cento modelli esposti e sette milioni di pezzi utilizzati.

Sette milioni di mattoncini Lego per una mostra da record

Nati nel 1958 come semplici “mattoncini automatici ad incastro”, commerciabili esclusivamente in Danimarca per lo svago dei più piccoli, i Lego possono considerarsi oggi il gioco più utilizzato in assoluto da adulti e bambini. L’iconico modulo da costruzione è ormai considerato oggetto artistico, manufatto da esposizione, e viene impiegato per le più svariate creazioni, anche a grandezza naturale.

La prima mostra organizzata dalla celebre azienda danese risale al 2013 ed è stata visitata da cinque milioni di persone in dieci diversi paesi del Vecchio Continente. Da quell’evento, le esposizioni si sono moltiplicate, aumentando sempre più il livello di complessità dei modelli proposti.

Dal 15 dicembre 2022 fino al 7 gennaio del 2024, la mostra di mattoncini Lego più grande d’Europa ha scelto l’Italia per esprimere tutta la sua strabiliante versatilità; per la precisione sette milioni di pezzi costituenti cento installazioni, sono stati trasportati da dieci camion negli enormi spazi di Parco Leonardo a Fiumicino (Roma) per stupire intere famiglie di appassionati. 

Il Colosseo. Mostra Mattoncini Lego® Roma Fiumicino

Leggi anche: “I love Lego”, Foligno inaugura la mostra sulle costruzioni

Un percorso espositivo diviso in aree tematiche

Lungo 2000 metri quadrati di superficie fanno sfoggio iconici set divisi per argomento: storia, scienza, architettura, cinema, sport, musica, cultura pop.

Fiore all’occhiello dell’esposizione è senz’altro il modello del Titanic, il più grande costruito finora con i Lego.

Il celebre transatlantico britannico, naufragato il 15 aprile 1912 durante il suo viaggio inaugurale, è stato fedelmente riprodotto utilizzando mezzo milione di mattoncini, in scala 1:25, per una lunghezza di undici metri e un’altezza di quasi tre. Oltre ad ammirare il maestoso aspetto esteriore della nave, si può anche sbirciare la vita che si svolgeva al suo interno.

I tributi storici tuttavia non finiscono qui: si possono osservare le riproduzioni in scala del Campidoglio americano, della Città del Vaticano, della Lupa Capitolina, del Colosseo.

Riguardo il settore scienza e biologia, adulti e bambini possono divertirsi a esplorare il corpo umano attraverso fedeli ricostruzioni degli organi interni, dello scheletro e dei diversi apparati che compongono il nostro organismo.

Il Titanic. Mostra Mattoncini Lego® Roma Fiumicino

Leggi anche: A Pescara nasce Clap, museo del fumetto: in mostra i disegni di Andrea Pazienza e Tanino Liberatore

Incredibili emozioni con i personaggi di Star Wars e della Marvel

Per gli appassionati di musica c’è una schiera di strumenti musicali, dalle chitarre alla batteria, costruiti nei minimi dettagli, mentre gli sportivi hanno la fortuna di incontrare faccia a faccia i propri idoli con incredibili riproduzioni in scala 1:1 nel cosiddetto Viale dello Sport.

Una menzione a parte, tuttavia, merita il settore cinema, in particolare l’ala dedicata a Star Wars. Lo Star Wars District è una vasta area contenenti navi, personaggi, scene di battaglia, della serie cult ideata da George Lucas; un’esperienza immersiva per far rivivere ai visitatori le migliori avventure della saga.

I fan della Marvel invece hanno l’occasione di farsi fotografare con Thor e Captain America, riprodotti a grandezza naturale e coronare così, almeno per qualche istante, il sogno di sentirsi un supereroe.

Impossibile poi non rimanere incantanti davanti ai personaggi di Harry Potter, a quelli della Disney, al villaggio dei Puffi, o all’eccezionale Fortezza di Erebor – Montagna Solitaria. Quest’ultima, principale ambientazione del romanzo Lo Hobbit, poi trasposto in film, è stata mappata sul modello originale con una riproduzione fedele della facciata. Il modello, costato un anno di lavoro al costruttore, ha un’altezza di 2,05 metri ed è composto da oltre centoventimila mattoncini Lego.

Captain America. Mostra Mattoncini Lego® Roma Fiumicino

Leggi anche: Zerocalcare. Dopo il botto: la mostra evento alla Fabbrica del Vapore di Milano

Fun Park per piccoli e grandi costruttori

Il neologismo “Lego” deriva dalla crasi delle due parole danesi “leg godt” che insieme si traducono in “gioca bene”. Proprio per questo l’esposizione non si limita a mostrare meraviglie ma invita il pubblico a interagire con esse.

Lungo il percorso ad esempio c’è uno strabiliante set di treni elettrici, composti ovviamente da mattoncini, che possono essere attivati manualmente attraverso un pulsante. Gli spettatori così potranno veder sfrecciare davanti ai propri occhi il Pendolino, l’ICE, il TGV, che viaggiano nelle emblematiche stazioni di Varsavia, Berlino e Parigi.

Per chi non vuole limitarsi alle capitali, ma esplorare altre città europee, Lego mette a disposizione la prima mappa interattiva d’Europa fatta di mattoncini: un modo nuovo e originale per conoscere i confini tra gli Stati e le relative bandiere.

Se cento set interattivi non dovessero bastare, la galleria commerciale offre l’area divertimento Fun Park, nella quale sia adulti che bambini hanno la possibilità di sbizzarrire l’immaginazione utilizzando a proprio piacimento i famosi mattoncini. Per i piccolissimi sono previsti i Duplo, mattoncini un po’ più grandi, dalle forme arrotondate per permettere a tutti di giocare e creare in totale tranquillità.

La mostra mattoncini Lego più grande d’Europa è un’esperienza davvero unica, dove realtà e fantasia si incontrano senza alcuna barriera. Per informazioni sui biglietti e promozioni speciali è possibile collegarsi al sito web www.mostramattoncini.it

L’area divertimento Fun Park. Mostra Mattoncini Lego® Roma Fiumicino

Leggi anche: Grandi classici e omaggi a Puccini nel concerto di capodanno al Teatro del Giglio

Articolo precedenteBye bye 1899: Netflix cancella la serie e spiega il perché
Articolo successivoLa seconda stagione di “Fondazione”: oltre lo spazio e il tempo nella serie ispirata ai racconti di Asimov
Nata a L’Aquila nel 1985, Francesca Massaro consegue la laurea magistrale in Storia dell’Arte nel 2011. Nel 2016 scrive il catalogo della mostra Babele e inizia rapporti di consulenza e critica artistica per artisti aquilani e abruzzesi. Nel 2020 vince il premio letterario Fëdor Dostoevskij- sezione narrativa. Attualmente redige articoli per riviste e siti web del settore e coltiva la sua passione per la scrittura creativa.