Connect with us

Back to the past

124 anni dal “Dracula” di Bram Stoker: un viaggio nei vampiri attraverso la storia

Published

on

Il 26 maggio del 1897 Bram Stoker pubblicava il romanzo “Dracula”. Molti erroneamente pensano che sia stato proprio lo scrittore a inventare l’inquietante figura del vampiro. Al contrario invece, le leggende e le storie su redivivi assassini divoratori di uomini si perdono nei meandri del tempo, incoraggiate dall’atavica paura della morte e di tutto quello che non possiamo conoscere e di conseguenza controllare.

Il trapasso è sempre stato accompagnato da riti precisi, la convinzione che la morte fosse solo un passaggio dal mondo dei vivi all’aldilà, infatti, imponeva che il defunto fosse preparato in un certo modo, seguendo specifici rituali, così che il viaggio all’altro mondo avvenisse senza problemi e il morto non potesse più tornare a camminare sulla terra. E ancora, se per qualche tragico scherzo del destino i defunti non fossero riusciti a passare oltre, venivano seppelliti lontano dai centri abitati, tanto meglio se tra il cimitero e il villaggio si trovava una barriera, spesso fisica, che ostacolasse il ritorno delle salme dall’aldilà.

MyZona

Dall’Europa all’Asia le credenze popolari sulla perdita improvvisa di sangue hanno sempre spaventato le popolazioni di ogni tempo. Già in alcuni testi antichissimi, ad esempio quelli Assiri, si riconoscono infatti dei cenni sull’esistenza dei vampiri.

Chi sono i primi vampiri?

Per i babilonesi i vampiri erano gli Ekimmu. La parola raggruppa tutti gli spettri dei morti riusciti a fuggire dagli inferi per tormentare i vivi sulla terra. Diventano Ekimmu tutti coloro che non ricevono una degna sepoltura o quelli che hanno subito una morte violenta. Non possiamo poi non citare Lilith, demone infero associato inizialmente alla distruzione, alla malattia e alla tempesta. La stessa Lilith diventa nella tradizione ebraica la prima terrificante moglie di Adamo, che assume la forma di demone succube e prosciuga gli uomini del seme infilandosi di notte nei loro letti.

Durante l’epoca greca e romana i testi ci narrano di “Strigi o Strigoi”. Le strigi sono una specie di “prototipo” di quello che sarà poi il notissimo vampiro della tradizione rumena/slava. Si trasformano in animali, sono quindi mutaforma. Come i vampiri “moderni” sono in grado di diventare invisibili al fine di poter succhiare il sangue dai corpi morenti delle loro vittime.

Anche Omero, nell’Odissea, descrive terrificanti personaggi con caratteristiche vampiresche, le più famose soo le Sirene. Queste creature ammaliavano i navigatori con il loro canto, allo scopo di far cadere quegli uomini ai loro piedi per poi berne il sangue. oltre all’Odissea, sono “vampire” della tradizione classica Empusa e Lamia. le Empuse (“coloro che s’introducono a forza”) erano le ancelle della dea infera Ecate; delle creature con testa e torace umano, serpenti al posto dei capelli e glutei d’asina, simbolo di lussuria.

Per Filostrato, l’Empusa è una defunta che torna dall’oltretomba per godere dell’amore che le viene negato in vita, sempre a causa di una morte prematura. Lamia, la figlia del re libico Belo, fu una delle tate donne amate da Zeus e quindi vittima della vendetta di Era. Nel mito la dea, furiosa di gelosia, uccide quasi tutti i figli di Lamia e come se non bastasse, la priva inoltre del sonno. Dopo la perdita dei figli Lamia si nascose in una caverna oscura, qui si trasforma in un mostro assetato di sangue che rapisce e divora i bambini altrui. 

Dracula in real life

In epoche più vicine a noi alcuni personaggi storici hanno cotribuito ad alimentare le leggende sui vampiri a causa del comportamento spietato e crudele tenuto nel corso delle loro vite. Erzsébet Báthory, la “contessa sanguinaria”: la nobil donna ungherese passata alla storia come una delle prime e più efferate serial Killer. Amava fare il bagno nel sangue delle sue giovani serve, che faceva uccidere solo dopo orribili torture. A causa dei suoi innumerevoli crimini fu murata viva in una stanza del suo castello degli orrori.

Ancora, l’iconico conte Vlad III di Valacchia, “l’impalatore”, il cui patronimico era proprio Dracula, insomma l’archetipo, il vampiro per eccellenza, la vera “musa” del Dracula di Stoker. Vlad si dilettava, come il suo epiteto principale suggerisce, ad impalare i suoi nemici. Un modus di uccidere che era un vero e proprio marchio di fabbrica. Quando non li impalava li bruciava, oppure , li torturava. Come quella volta che dei malcapitati ambasciatori si rifiutarono di togliersi il cappello in sua presenza e così lui gli fece inchiodare i copricapi per bene sulla testa.

Non è tutto merito di Stoker però l’idea del “succhia sangue” come è oggi nell’immaginario collettivo. Il primo a trasformare il gretto contadino che divorava viandanti nei boschi in aristocratico seducente e tenebroso fu il medico e scrittore Jhon William Polidori con il suo romanzo “il vampiro”, del 1819. Un affascinante immortale insomma, personificato magistralmente dall’iconico Bela Lugosi, che deriva proprio dal Lord Ruthven nato dalla penna di Polidori.

Foto: Dracula di Bram Stoker , 1992.

Archeologa, nata e cresciuta in Abruzzo, vive a Roma dal 2009. Dopo la laurea magistrale conseguita presso l’Universita “La Sapienza” di Roma ha proseguito gli studi frequentando la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dello stesso ateneo. Appassionata di storia e viaggi, avrebbe voluto essere Lara Croft, è diventata un “Ummarell”.

Back to the past

Giacomo Leopardi, non chiamatelo “sfigato”

Published

on

Giacomo leopardi filosofo di Recanati e Nietzsche

Se alcuni personaggi storici la vulgata li ha condannati ad una damnatio memoriae per la quale sono ricordati come i “cattivi” di turno, altri sono simboli della malinconia, della negatività, dell’essere degli “sfigati”.

Tra questi ultimi vi è sicuramente Giacomo Leopardi. Lo scrittore di Recanati è ancora oggi vittima di luoghi comuni alimentati da anni e anni di insegnamenti senza capo né coda.

MyZona

Quello che viene ricordato da generazioni di alunni come un antesignano dei nerd, come un gobbo, era invece un fico (magari non nell’accezione di donnaiolo et similia). Un vero genio. Come si dice “la volpe che non arriva all’uva dice che è acerba”. Probabilmente questo è stato il destino di Leopardi. Troppo oltre, troppo in alto per essere capito da chi, quando qualcuno indica la luna guarda il dito.

Nietzsche diceva che “Quelli che ballavano erano visti come pazzi da quelli che non sentivano la musica”. La poesia, gli scritti del recanatese erano sicuramente come quella sinfonia che non tutti sono in grado di sentire.

LEOPARDI E NIETZSCHE

Con il filosofo tedesco condivide numerosi motivi filosofici. Tra tutti c’è sicuramente la presa di coscienza della “morte di Dio” (cioè delle illusorie e rassicuranti certezze metafisiche). La percezione vivissima della tragica grandezza dell’esistenza umana. Ma anche il pessimismo. Non la rassegnazione. Questa visione era figlia della presa di coscienza della decadenza dell’Europa e della sua civiltà. Ultimo, ma non meno importante, è il “ritorno attivo” alla classicità greca-romana.

Leopardi ha nostalgia delle sue origini. Nietzsche in ciò trova la spinta per un nuovo inizio. Il poeta italiano trova però nella fonte dionisiaca del destino europeo la panacea al declino del “secol superbo e sciocco”. Quell’Ottocento dominato da una società borghese.

Nostalgico sì ma fervente patriota e sostenitore di quell’Italia che ancora si doveva fare. Proprio nell’ode di apertura “All’Italia” sosteneva che per ribaltare la decadenza della sua epoca fosse necessario ispirarsi alla grandezza del passato e soprattutto nel provare vergogna per la situazione attuale.

In “Ad Angelo Mai” scrisse che «dal dolor comincia e nasce / l’italo canto».

Ma è nelle sue opere in prosa che diede dimostrazione della sua lungimiranza. Dall’osservazione del contesto a lui coevo anticipò gli effetti della globalizzazione.

“Mancherà dalla vita umana ogni valore, ogni rettitudine, così di pensieri come di fatti; e non pure lo studio e la carità, ma il nome stesso delle nazioni e delle patrie sarà spento per ogni dove”. Così scrisse nelle “Operette morali”.

LE SUE IDEE INNOVATIVE

Non fu sicuramente un don Giovanni come Foscolo. Né un soldato in prima linea come Garibaldi. Ma nelle sue parole si trovano costantemente idee e passi che fanno pensare a lui come un uomo contemporaneo.

Il suo “studio matto e disperatissimo” lo ha reso immortale. Anticipò di quasi 50 anni il nichilismo arrivando a capire, forse per primo, quale fosse il vero male dell’uomo. La mancanza di un obiettivo e di una ragione per stare al mondo.

Fu certamente di carattere schivo, ma superò questo suo limite per innalzarsi. Fu un acuto osservatore, un curioso. E proprio questa sua curiosità gli permise di non rassegnarsi al pessimismo che lo avvolgeva. Solo una mente troppo povera non è in grado di trovare una soluzione al dolore che la vita racchiude in sé. 

E come una ginestra, che riesce a nascere laddove nulla ce la fa, così l’uomo tramite la solidarietà e la curiosità sul senso della vita e del futuro può aggrapparsi alla vita.

In occasione dell’anniversario della sua morte, avvenuta il 14 giugno del 1837 a Torre del Greco, questo poeta sublime, filosofo eccentrico nonché filologo eruditissimo, è quanto mai giusto celebrarlo in quanto uno dei maggiori poeti del pantheon culturale italiano. Provando a cancellare i luoghi comuni di quegli insegnanti che poco amano la letteratura. A differenza di Giacomo Leopardi.

Continue Reading

Back to the past

Nerone, l’esempio di quanto costi essere scomodi ai poteri forti

Published

on

Nerone imperatore dell'impero romano

La storia, si pensa comunemente, la scrivono i vincitori. Ma non è sempre così. Alle volte, a scrivere sono coloro che dai vittoriosi vogliono qualcosa. Sono loro a raccontare. A tramandare fatti. E se quel qualcuno ha tanto da guadagnare, probabilmente ciò che scriverà non sarà del tutto oggettivo.

Le vicende, i personaggi, gli intrighi, la politica di Roma antica è giunta fino a oggi attraverso una moltitudine di documenti. Racconti, poesie, lettere, poemi. Tra questi vi è la documentazione storiografica di autori come Sallustio, Tacito, Svetonio. Ma anche lo stesso Giulio Cesare, con i suoi De Bello Gallico e De Bello Civili, ha tramandato notizie importanti per la conoscenza storica ed etnografica del suo tempo.

MyZona

LE ACCUSE A NERONE FIGLIE DI UN CREDO POLITICO

Ma tutti questi scrittori erano politicamente impegnati. O quantomeno appartenenti a ceti sociali schierati con una determinata corrente politica. É il caso di Svetonio, il principale accusatore di Nerone. 

Fu lui, infatti, sette anni dopo il fatto, ad accusare l’imperatore di osservare dal Palatino, cetra in mano, Roma mentre bruciava.

“Nerone con il pretesto che era disgustato dalla bruttezza degli antichi edifici e dalla strettezza e sinuosità delle strade, incendiò Roma (…) Il fuoco divampò per sei giorni e sette notti, obbligando la plebe a cercare alloggio nei monumenti pubblici e nelle tombe. Allora, oltre ad un incalcolabile numero di agglomerati di case, il fuoco divorò le abitazioni dei generali di un tempo, ancora adornate delle spoglie dei nemici, i templi degli Dèi che erano stati votati e consacrati sia al tempo dei re, sia durante le guerre puniche e galliche e infine tutti i monumenti curiosi e memorabili che restavano del passato”.

Bisogna tener conto che Svetonio (così come Tacito) apparteneva alla classe senatoria, che non vedeva di buon occhio un uomo così popolare. Esistono, inoltre, fonti archeologiche e popolari che attestano che Nerone era amato dalla popolazione (sulla sua tomba non mancarono mai fiori freschi per secoli, anche in età cristiana). Ciò che la storia insegna è che quando un uomo di potere è così odiato da una élite, come il senato romano, vuol dire che forse così cattivo non è.

Per questo, come si legge nel libro di Massimo Fini “Nerone, duemila anni di calunnie”, l’imperatore è stato destinato ad una damnatio memoriae ingiusta. Periodicamente viene fuori ancora la fandonia per cui fu lui ad alimentare l’incendio nonché il primo persecutore dei cristiani.

L’ALTRA STORIA (probabilmente più veritiera)

Bisogna perciò andare a ricontrollare i dati storici.

Per quanto riguarda l’incendio che la notte tra  18 e il 19 luglio del 64 colpi’ Roma e vi infurio’ per alcuni giorni, Nerone non era in città. Era ad Anzio e tornò a cavallo per aiutare e guidare le operazioni di soccorso.

Non era certo la prima volta che le fiamme divampavano nell’Urbe. Nel 6, nel 27, nel 36 e nel 54 il fuoco arse la città. Ma quello del 64 fu il più disastroso. La Roma di allora era stretta fra vicoli tortuosi, dove il popolino faceva utilizzava irresponsabilmente una moltitudine di bracieri, di fornelli, di torce. Il tutto fra le numerose baracche e catapecchie di legno. Bisogna qui sottolineare che Nerone ricostruì in maniera ignifuga la città.

L’immagine lasciata alla storia, del princeps sul colle da cui nacque l’odierna capitale italiana, è stata probabilmente frutto di una campagna politica denigratoria. Come sarebbe stato possibile che Nerone si trovasse sul Palatino se lo stesso era in fiamme?

L’imperatore era sicuramente avverso alle frange più estreme dei cristiani che vedevano in lui il colpevole della degenerazione (dal loro punto di vista) di Roma nella nuova Sodoma. Lo stesso Paolo, nelle lettere ai romani, si diceva preoccupato della radicalità e della pericolosità di alcuni suoi confratelli.

L’incendio portò a pene severe per la comunità cristiana romana, che all’epoca contava poco più di 3000 fedeli. Circa 200, dopo oltre due mesi di processi (la giustizia romana solitamente era molto più sbrigativa), furono giustiziati. In molti, in stile terroristi islamici, rivendicarono (sicuramente enfatizzando) il ruolo svolto nell’incendio.

LA POLITICA POPOLARE DEL PRINCEPS

Nonostante ciò dopo l’incendio, sia a Roma, sia nelle province, i cristiani poterono continuare a predicare senza altre ripercussioni. Le persecuzioni infatti tornarono sotto il principato di Domiziano.

Nerone fu un imperatore e artista, governò Roma come uno statista e fece una serie di riforme tributarie in favore del popolo. Abbassò le tasse e svalutò la moneta. Riuscì in ciò abolendo le tasse indirette senza però aumentare quelle dirette. Forse populista, nonché bipolare e da un certo punto di vista folle al punto giusto, si inimicò il Senato schierandosi contro i poteri forti dell’epoca. Mal sopportava, difatti, l’usura esercitata dall’aristocrazia e dai latifondisti. La sua azione politica era diretta al benessere del popolo. Al di là dei suoi interessi personali. Diversamente dai gruppi egemoni cittadini. Costruì la burocrazia imperiale che ha permesso all’Impero di reggere ancora alcuni secoli.

La sua vita non fu solo dedita alla politica. Il suo vero amore fu la recitazione. Adorava essere una sorta di Mecenate e contornarsi di artisti. La Domus Aurea era un teatro a cielo aperto. E ciò gli inimicò ancor di più i senatori. Il loro orgoglio, ma anche una certa ritrosia verso il nuovo, era di impedimento nell’accogliere Nerone come un imperatore degno di questo nome. Lo consideravano un attore. E farsi governare da una sorta di artista era inaccettabile.

Pagò questo atteggiamento, questo suo modus operandi, con la vita. Fu costretto al suicidio, dopo quattordici anni di governo, a 30 anni. Divenne imperatore a 17 anni contro la sua volontà. Era la madre, l’assassinio della quale è uno dei soli due che gli storici possono attribuire a Nerone con sicurezza, a volere questo ruolo per lui. La volontà di governare l’Impero attraverso il ragazzo era di Agrippina. Il suol famoso discorso al Senato in cui parlò di assenteismo gli costò caro. Come accadde a Caligola e Catilina prima di lui.

Forse più di tutto, bastano le parole di Traiano per descrivere al meglio cosa fu veramente Nerone. Gli anni dal 64 al 68 furono un “quinquennio aureo”, “il periodo più prospero e felice dell’Impero”. Gli anni in cui governò scevro da ogni guida e imposizione materna e non.

Continue Reading

Back to the past

Rino Gaetano, 40 anni senza il cantautore dell’assurdo

Published

on

Rino Gaetano cantautore di Gianna e Berta

“E a mano a mano vedrai che nel tempo
Lì sopra il suo viso lo stesso sorriso
Che il vento crudele ti aveva rubato
Che torna fedele
L’amore è tornato…”

“A mano a mano”, cantava Rino Gaetano. Una delle canzoni più belle del panorama musicale italiano.

MyZona

Era il 2 giugno del 1981, quando il cantautore calabrese, all’anagrafe Salvatore Antonio Gaetano perdeva la vita in un incidente stradale sulla via Nomentana a Roma, all’età di soli 30 anni. Nacque a Crotone nel 1950, ma si trasferì fin da bambino nella Capitale.

DAGLI ESORDI AL SUCCESSO

Le testimonianze del tempo ci raccontano di un Rino che, prima di diventare famoso, strimpellava la chitarra e cantava con uno stile tutto suo, grintoso, ironico, dissacrante. Nel 1974 pubblicò il suo primo album “Ingresso libero”, che però non riscosse grande successo. Da questo venne estratto un 45 giri anticonformista fin dal titolo “Tu, forse non essenzialmente tu”.

Il successo arriva l’anno dopo, con il singolo “Ma il cielo è sempre più blu”, la sua canzone più famosa, più venduta e più cantata. Un brano abbastanza strano, senza una logica apparente, molto semplice e orecchiabile, che mescola vicende e aspirazioni della più varia umanità. Nel 1978 pubblica il disco “Nuntereggae più” e si esibisce al Festival di Sanremo con “Gianna”, un pezzo graffiante, estroverso. Nel 1979 esce l’LP “Resta vile maschio, dove vai?”, seguito l’anno dopo da “Io ci sto”, con cui si conclude prematuramente la sua carriera artistica.
Le canzoni di Rino Gaetano restano un po’ a metà tra la musica popolare e la canzone d’autore. Parlano di temi personali e sociali come la solitudine, le frustrazioni, l’emarginazione.

«Ho sempre pensato che le canzoni di Rino Gaetano fossero come installazioni d’arte, capaci di meravigliare l’occhio e di ipnotizzare i sensi», così lo ricorda Sergio Cammariere.
Fu un artista geniale che sapeva mescolare ironia e denuncia sociale. Originale, unico, estroso. Un cantante in grado di essere ironico e di raccontare i depredati, i maltrattati, gli sfruttati, tutte quelle persone ferite dalla vita. Canzoni che, tuttora, sono attuali, vive.

IL RINO GAETANO DAY

Oggi, 2 giugno, ha luogo la XI edizione del Rino Gaetano Day, in cui si celebra il geniale cantautore nella ricorrenza della sua scomparsa. Un evento organizzato da Anna e Alessandro Gaetano, e per il secondo anno consecutivo si svolgerà online. Il #rinogaetanoday2021 sarà trasmesso in diretta streaming sulla pagina Facebook “Rino Gaetano Band”, sul loro canale YouTube e on air su Radio Italia Anni 60 Roma FM 100.5, alle ore 18:30 circa.

Invece venerdì 4 giugno 2021 alle ore 16,30 il giornalista Gianmarco Cilento dialogherà con Michelangelo Iossa, autore della biografia di Rino Gaetano, uscita nel quarantesimo anniversario della morte dell’artista calabrese. L’evento sarà trasmesso in diretta sul gruppo Facebook dell’Associazione PaoLab.

Il libro, dal titolo “Rino Gaetano. Sotto un cielo sempre più blu” , racconta la storia del musicista partendo dal “suo sud” fino all’incredibile culto sviluppatosi negli ultimi decenni. Dall’infanzia vissuta a Crotone, agli anni scolastici di Narni, passando per il Folkstudio di Roma e il Festival di Sanremo fino all’incidente mortale di via Nomentana.

Salvatore Antonio Gaetano, per tutti Rino, è il protagonista di un lungo racconto biografico in cui si fondono la Magna Grecia, la scuola cantautorale romana, gli anni Settanta, lo sberleffo, il reggae e le donne di tante canzoni, da Berta a Gianna che “difendeva il suo salario dall’inflazione”.

Una serie di esperienze che permisero al giovane cantautore di trovare una sua personalissima strada espressiva. Una via che illuminò i tardi anni Settanta con hit irregolari e amatissime dal grande pubblico come “Ma il cielo è sempre più blu” e “Nuntereggaepiù”. Rino Gaetano non è, però, soltanto il cantautore sanremese con il cilindro e a dimostrarlo è la sua discografia. Spesso complessa e frutto dell’incontro con grandi musicisti e session-man italiani. Gli stessi che hanno contribuito a creare un lento e inesorabile culto, fatto di canzoni che viaggiano di bocca in bocca, fiction televisive e citazioni cinematografiche.

di Teresa Uomo

Continue Reading

In evidenza