Zucchero svela D.O.C. Deluxe Edition: “È lo specchio del mio stato d’animo”

Solo tre giorni fa è uscito D.O.C. Deluxe Edition”, il nuovo progetto discografico di Zucchero “Sugar” Fornaciari presentato oggi ai giornalisti.

Il disco, oltre a contenere tutti i brani dell’album “D.O.C.”, rivela 6 nuove canzoni tra cui “September, il duetto realizzato con Sting, in rotazione radiofonica in questi giorni.

MyZona

“September”, che anticipa l’ultimo album di Sting, “Duets”, in uscita il 19 marzo 2021, fa parte di una rosa di canzoni completamente inedite e nasce dalla collaborazione con il cantante inglese che aveva composto la musica di un brano, a detta sua, dal sapore italiano. Così, fatto ascoltare a Zucchero, il brano è stato riadattato in lingua italiana. Oggi è disponibile anche il videoclip, con la regia di Gaetano Morbioli, in cui Zucchero e Sting, alternano le loro voci ai paesaggi naturali che descrivono lo stato d’animo e la speranza che si cela dietro il senso della canzone.

Questo momento di sofferenza ha incentivato gli scambi e le vecchie conoscenze con artisti amici. Da qui è nata la collaborazione con Sting. Questo momento sospeso ha favorito molti miei colleghi che si sono inventati delle belle cose“, ha commentato Zucchero.

Le altre canzoni, invece, composte da Zucchero in questo tempo sospeso a causa della pandemia e presenti nel nuovo progetto sono Non illudermi così”, rivisitazione del brano “Don’t Make Promises” riscritto per l’occasione da Zucchero con un testo in italiano, tra marzo e settembre scorso, “dal profondo messaggio molto attuale”. C’è poi “Wichita Lineman”, cover del brano di Jimmy Webb cantata per la prima volta alla fine degli anni ’60 da Glen Campbell.

“Si tratta di un brano che ascoltavo molto da ragazzo quando ho iniziato a suonare la chitarra. Ho deciso di lasciare il testo in lingua originale, così come il titolo, perché è davvero una storia bellissima”. A questi si aggiungono “Facile”, “Don’t cry Angelina” e “Succede“, un dialogo con un vecchio amore, motivo di sofferenza, di dolore, ma anche di riflessione messo in musica con il classico rithm & blues che da decenni contraddistingue Zucchero, come i doppi sensi sempre presenti.

Mi sono messo nello studio di casa mia e sono andato a trovare dei brani che non avevo fatto prima, alcuni erano compresi in D.O.C., uscito lo scorso anno, mentre altri sono dei veri e propri inediti”, commenta l’artista, “Sono geloso di questo disco perchè rispecchia molto il mio stato d’animo attuale e quello che penso. Credo di essere riuscito a rinnovarmi pur rimanendo fedele a me stesso”.

Per quanto riguarda la musica, D.O.C.è contemporaneo, attualissimo nei suoni, negli arrangiamenti, nel dosaggio equilibrato di strumenti organici e sintetici, un grande lavoro frutto di un anno e mezzo di ricerca, con incursioni nel soul, nell’R&B, nel blues, nel gospel, nel pop e un po’ di progressive.

Dalla pre-produzione nel suo studio Lunisiana Soul con l’amico produttore-musicista Max Marcolini, ormai al suo fianco dal ’98, alla realizzazione tra Islanda, Los Angeles e San Francisco con diversi giovani produttori e musicisti quasi indie, provenienti da diversi paesi, come Nicolas Rebscher (Germania), Joel Humlén (Svezia), Ian Brendon Scott Mark Jackson (USA), Steve Robson (UK) e Eg White (USA), tutti diretti e amalgamati da me e Don Was (my brother in blues). 

Con musicisti incredibili come Jay Bellerose (drums), Matt Chamberlain (drums), Regine McCrary, un fantastico coro gospelReal Horns (musicisti di Quincy Jones), Federico Biagetti (dobro), Jon Hopkins (piano) e Chance (voice). 

Oltre alla nuova uscita discografica, Zucchero ha rivelato che nei prossimi giorni, proprio sotto Natale, uscirà una versione del tutto particolare di “Silent Night”, in cui ribalta tutte le parole, trasformandola in una ballata di speranza che non si focalizza solo sul cristianesimo, ma abbraccia ogni cultura e religione.

Proprio in queste ore si sarebbe concluso il tour di oltre cento date che avrebbe visto coinvolto Zucchero in giro per le città di tutto il mondo. A causa della pandemia però tutte le date sono state rimandate e riprogrammate per aprile e maggio del 2021 all’interno dell’Arena di Verona. “Speriamo di poter tornare ad incontrarci dal vivo i prossimi mesi, dovremmo avere maggiori certezze già a partire da metà gennaio”.

Le date riprogrammate:

23 aprile 2021  ARENA DI VERONA (recupero data del 22 settembre 2020)

24 aprile 2021  ARENA DI VERONA (recupero data del 23 settembre 2020)

25 aprile 2021  ARENA DI VERONA (recupero data del 24 settembre 2020)

27 aprile 2021  ARENA DI VERONA (recupero data del 25 settembre 2020)

28 aprile 2021 – ARENA DI VERONA (recupero data del 26 settembre 2020)

29 aprile 2021 – ARENA DI VERONA (recupero data del 27 settembre 2020)

30 aprile 2021 – ARENA DI VERONA (recupero data del 29 settembre 2020)

1 maggio 2021 – ARENA DI VERONA (recupero data del 30 settembre 2020)

2 maggio 2021 – ARENA DI VERONA (recupero data dell’1 ottobre 2020)

4 maggio 2021 – ARENA DI VERONA (recupero data del 2 ottobre 2020)

5 maggio 2021 – ARENA DI VERONA (recupero data del 3 ottobre 2020)

6 maggio 2021 – ARENA DI VERONA (recupero data del 4 ottobre 2020)

7 maggio 2021 – ARENA DI VERONA (recupero data del 6 ottobre 2020)

8 maggio 2021 – arena di Verona (recupero data del 7 ottobre 2020)

Leggi anche: Al via le riprese di Genitori vs Influencer, la nuova commedia di Michela Andreozzi

Da leggere anche

Antonella Valente
Laureata in Giurisprudenza e Giornalista Pubblicista dal 2018, ama il teatro, il cinema, l'arte e la musica. Appassionata di recitazione, si diletta a salire su un palco di tanto in tanto. In altre sedi, anche Avvocato.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli