Connect with us

Interviste

Universi prog e spiritualità umana, i Silver Nightmares presentano “The Wandering Angel”

Federico Falcone

Published

on

E’ da poco uscito “The Wandering Angel”, ep dei siciliani Silver Nightmares, band dedita a sonorità prog/aor, contenente cinque brani. A febbraio è stato pubblicato il comic video del singolo che dà il nome all’album. Abbiamo scambiato con loro una piacevole chiacchierata alla scoperta di cosa ruota attorno al loro universo musicale, di cosa parlano le loro tracks e quali sono i progetti per l’immediato futuro

Ciao, ragazzi, parlateci del processo di songwriting che ha portato alla realizzazione dei brani che compongono l’ep…

Salve! I Silver Nightmares nascono nel giugno del 2018. I brani dell’EP sono stati composti, sia a livello strumentale che tematico, durante i tre mesi estivi e il processo di songwriting ha coinvolto tutti e tre i componenti della band. Abbiamo scelto una linea concettuale narrativa, optando, da subito, per la creazione di un concept album. Siamo attratti dai grandi quesiti che attanagliano l’umanità e dalla storia dell’umanità stessa.

Di cosa parlano i vostri brani?

Il personaggio principale che apre l’Ep e che è “protagonista” dell’opera è “The Wandering Angel”, un angelo errante della morale e dei valori, benefico che scende sulla terra per dare una scossa al nostro cammino di vita al fine di risvegliare nell’uomo la propria spiritualità. In questa chiave di ricerca spirituale si articolano anche gli altri brani del concept: “Dick Dastardly” (brano strumentale) narra di un personaggio scaltro che contravviene alle regole per cercare di avere sempre la meglio su tutti, “Light Years Away” rappresenta il cammino dell’uomo all’interno della storia, alla ricerca di se stesso nell’universo, “David The King” è la storia di Davide e Golia, dove Davide è l’eroe buono, che, impavido e disarmato, affronta le sfide che la vita mette davanti al suo cammino mentre in “Dame Nature” viene messo in risalto il rapporto dell’uomo con la natura. Ci sono dei riferimenti (citazioni incluse) al pensiero di Rousseau e al suo “Contratto sociale” (l’uomo nasce libero e vive in catene). Nell’articolazione dei brani, quindi, si ritrova sempre il leitmotiv della ricerca spirituale dell’uomo.

Come descrivereste la scena musicale siciliana? Ci sono realmente delle prospettive di crescita?

Decisamente buono. Molti artisti (affermati o meno) della scena musicale siciliana sono davvero di spicco. Purtroppo, a nostro avviso, molta creatività viene soffocata dal desiderio/bisogno, da parte di alcuni validi musicisti, di impegnarsi unicamente in progetti non di musica inedita. Sono, infatti, molteplici le cover bands che gravitano qui nel palermitano (e in tutta la Sicilia) e che preferiscono interpretare il repertorio dei soliti, grandi, gruppi piuttosto che cimentarsi in qualcosa di più personale. L’annoso tasto dolente è rappresentato dai “venues”: non sono molti i locali dove poter fare/assistere a dei concerti, specialmente per quanto concerne il filone rock/metal e il Covid-19 non ha fatto che acuire la piaga. Pertanto, relativamente alle prospettive di crescita, non prevediamo grossi mutamenti nei prossimi anni. Speriamo di sbagliarci!

Quali sono gli artisti che più vi hanno influenzato e quali sono quelli con cui vorreste condividere il palco?

Prima di essere musicisti, siamo dei grossi ascoltatori. Le variegate influenze confluiscono sicuramente nelle nostre canzoni anche se quello che si nota ascoltando i brani dei Silver Nightmares (e quello che, a dire il vero, ci viene riconosciuto unanimemente), è che non siamo affatto un gruppo derivativo ma anzi traspare una certa originalità e già un marchio di fabbrica personale. Ad Alessio Maddaloni, il batterista della band, piacciono molto bands come Testament, Judas Priest, Savatage, Marillion, Genesis, Queen, Virgin Steele, Anvil, Jethro Tull. Gabriele Esposito, il bassista, ama la fusion ma anche bands come Supertramp, Toto, Beatles, Iron Maiden, King Crimson, Triumph, Peter Gabriel. Il tastierista, Gabriele Taormina, predilige gruppi come Kansas, Queensryche, Ten, Asia, Anathema, Dream Theater, Katatonia, il progressive svedese. I chitarristi Tody Nuzzo e Mimmo Garofalo sono tendenzialmente attratti dalle performances dei grandi guitar heroes. Quanto ai cantanti che hanno contribuito alla realizzazione dell’Ep; Michele Vitrano è un grosso cultore dell’Heavy Metal tradizionale mentre Simone Bonomo si muove prettamente su territori pop rock/gospel. Sarebbe davvero bello poter condividere il palco con alcune delle bands storiche del progressive rock italiano o poter calcare i grossi palchi nazionali ed internazionali. Sognare non costa nulla!

Siete a lavoro su nuova musica?

Stiamo già lavorando su un sequel che abbia sempre come riferimento il senso della spiritualità dell’uomo ed il suo percorso nella storia. Si tratterà stavolta di un full-length album. Non nascondiamo, inoltre, che siamo lusingati dell’interesse di critica e ascoltatori che continua ad ottenere il nostro debutto discografico. Finché dura, cavalchiamo l’onda! 🙂 Nel ringraziarvi per lo spazio concessoci, vi ricordiamo che siamo presenti su tutti i più importanti social (Facebook, Twitter e Instagram) e su tutti i digital stores di rilievo (Spotify, Amazon, Google, You Tube, Deezer, Bandcamp). Un saluto progressivo da parte nostra.

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Continue Reading

Interviste

Tinte orientali e amori conflittuali nel nuovo singolo di Cecilia Quadrenni

Cecilia Quadrenni nasce a Siena e si appassiona fin da subito ad ogni forma di arte: studia violino, mimo e
recitazione.

Antonella Valente

Published

on

“Verso Oriente” è il nuovo singolo della cantautrice toscana Cecilia Quadrenni. Nel brano la voce dell’artista, delicata e armoniosa, fa da ponte tra due mondi, unendo il pop elettronico ad atmosfere orientali.

“Nel videoclip girato nella suggestiva Montevecchia (LC) si mescolano le emozioni di chi si lascia logorare dal rancore e dall’odio perdendosi nei vicoli magici e angusti del paese e quelle di liberazione e pace caratterizzate dall’ascesa sulle scalinate in direzione del santuario – racconta Cecilia Quadrenni – Un’esperienza straordinaria dove il luogo evocativo e senza tempo, si è mescolato alle note della canzone in un connubio perfetto».

Come hai trascorso gli ultimi mesi?

Esco come tutti da quel brutto periodo di lockdown e sto ripartendo con tutta la voglia di fare musica e recuperare il tempo perso.

Qual è l’origine del tuo ultimo singolo “Verso Oriente” e come mai un titolo così interessante?

“Verso Oriente” racconta di uno scontro fra due persone, allude ad un amore che finisce e la sensazione che rimane è quella dei soldati combattenti, come in Medio- Oriente, di guerre insensate in cui alla fine ci si dimentica l’obiettivo e si combatte per abitudine. E’ un titolo simbolico di un cammino interiore che ci porta in posti lontani. I cori arabi iniziali sono reali cori di preghiere nella moschea.

Quali sono i tuoi progetti musicali futuri?

Sto promuovendo il singolo e spero di riuscire a farlo sentire anche dal vivo insieme ai miei inediti e cover che fanno parte del repertorio e dell’album che uscirà in autunno.

Sei laureata in psicologia. Quanto può l’arte e la musica avere una funzione terapeutica e in che ambito?

In realtà mi ha sempre appassionato la ricerca e la causa dei disagi psicologici e come la voce stessa possa essere il risultato di uno stato di salute emotivo o meno, ovvero di come certi disturbi dell’emissione vocale possano essere la causa di blocchi emotivi del passato. Quindi certamente la relazione esiste ed è molto stretta.

C’è un artista da cui trovi ispirazione?

Ho sempre ascoltato e ammirato Mango, infatti nel mio album ci saranno due suoi brani come omaggio. Mi ispira a livello vocale e credo di averne subito qualche contaminazione. Del panorama musicale internazionale ammiro la genialità di Stromae.

Si può vivere a tuo avviso di sola musica? un emergente può farlo?

In Italia è molto difficile. Io l’ho fatto e al momento continuo a farlo. Dipende da come uno vuole vivere e se è disposto a fare delle scelte e delle rinunce. Non siamo tutti uguali. Certo è che ci si deve abituare a fare anche cose che non ci piacciono ed entusiasmano, è un cammino duro con poche tutele. Ma secondo me si può ancora percorrere.

Lascio a te le ultime parole di questa intervista..

Spero di poter incontrare presto le persone che mi seguono e che mi dimostrano sempre tanto affetto e potermi esibire il prima possibile dal vivo.

ph. Roberto Covi

Continue Reading

Interviste

Gavetta, nuovi singoli e speranze future, Damien McFly si racconta a The Walk Of Fame

Licia De Vito

Published

on

Damien McFly è un cantautore padovano che con la sua voce graffiante, le melodie senza tempo del folk e il sound dell’Indie moderno, continua a conquistare il pubblico dopo aver suonato più di 500 concerti in 15 stati. Il tour del suo primo album “Parallel Mirrors” (uscito a ottobre 2015) lo porta in tutta Europa, UK, USA e Canada, dove partecipa a festival come SXSW, Canadian Music Week, BBC Carfest, International Richmond Film Festival e Home Festival.

“I Can’t Reply” , “New Start” e il nuovo singolo “Leap” (2018) vengono acclamati da numerosi blog (MTV new Generation, Rolling Stone, ContactMusic, Gigslutz), mentre Damien viene intervistato anche da Rai Radio 1 e BBC Scotland. Nel 2018 vince il Grand Prize nella categoria Folk del John Lennon Songwriting Contest di New York con il brano “Mesmerised” e l’honorable Mention nell’International Songwriting Competition e all’interno dell’Unsigned Only Music competition di Nashville con “I can’t Reply”.

Nel 2019 escono i singoli “Mesmerised” e “My Cure” e nel frattempo Damien collabora alla stesura di nuovi brani con il produttore Alex Marton e collaborando con diverse realtà in tutta Europa. Quest’anno era già stata confermata la sua presenza alla Canadian Music Week assieme ad un tour europeo di 30 date.

Raccontaci della tua formazione e del percorso che hai intrapreso per ottenere tanti successi

Certo, intanto ciao a tutti i lettori. Ho sempre suonato qualche strumento fin da bambino, prima un po’ la batteria poi la chitarra e la tastiera. Avendo la fortuna di avere due sorelle e un fratello maggiore che già sapevano suonare la chitarra è venuto tutto molto naturale. Dai 14 ai 20 anni ho iniziato a cantare con qualche cover band di vari generi, dal rock al metal fino al pop e all’acustico. Poi nel 2011 ho iniziato a fare video su YouTube con un progetto chiamato I Fratelli McFly, dal quale arriva il mio nome d’arte che ho mantenuto dopo la separazione. Dal 2013 quindi ho iniziato la mia avventura come Damien McFly, partendo con molte cover su YouTube per raccogliere nuovi fans e arrivando al 2015 quando è uscito Parallel Mirrors, il mio primo album di brani originali. Da quel momento si sono aperte molte strade, specialmente all’estero dove ho avuto la fortuna di creare una rete di contatti che mi ha permesso di suonare in 15 stati diversi. Ho sempre cercato di migliorarmi come musicista e come songwriter e credo che il fatto di non sentirsi mai arrivati abbia e stia tutt’ora aiutando la mia carriera moltissimo.

Il 27 marzo esce il singolo Vega. Sono previsti altri tre brani prima dell’uscita dell’album che dovrebbe avvenire per la fine del 2020. Vuoi darci maggiori informazioni?

Vega è un pezzo che ho scritto nel 2018, ed è un brano dove comincia a sentirsi un cambiamento a livello di sound rispetto al primo album. Negli ultimi anni ho scritto davvero tantissime canzoni ma allo stesso tempo il modo di scrivere e arrangiare brani è cambiato molto anche grazie all’apporto di Luca Lago con cui ho collaborato a molti pezzi e al produttore Alex Marton. Questa evoluzione, sebbene sia un bene dal punto di vista sonoro ha complicato un po’ la progettualità perché ci sono molti pezzi che dopo un anno già ci suonano vecchi rispetto a quelli nuovi. Per questo ci saranno altri 3 singoli, per portare chi mi segue e chi mi seguirà a sentire lentamente il cambiamento e le fasi che ho attraversato negli ultimi anni.

“On Our Own” è stata scritta poco prima della quarantena e ultimata dopo un mini tour europeo. Come suggerisce il titolo, il brano parla della necessità di trovare la capacità di reagire alle difficoltà con le proprie forze. C’è dell’autobiografico?

Il testo del brano è nato proprio durante la quarantena appena dopo il tour. All’interno del pezzo c’è tutta la voglia di rialzarsi e di creare qualcosa tutti assieme. È un brano che vuole mettere nell’ascoltatore la voglia di reagire e di ricominciare con una coscienza nuova, più universale e attenta al prossimo. Direi che è autobiografico, è un modo per ricordarmi sempre che, nonostante ci siano periodi difficili, da qualche parte si trova sempre la forza per partire con nuovi stimoli.

Delle altre songs cosa puoi dirci, invece?

I brani come accennavo prima avranno un sound molto internazionale e moderno, con un’attenzione particolare alle melodie senza tempo e ricchi di sperimentazione. Negli ultimi anni ho collaborato con tantissimi musicisti di diverse nazionalità e il mio modo di scrivere è cambiato molto, è stato contaminato da culture diverse e da modi diversi di vedere il mondo. L’approccio straniero alla creazione è molto più collaborativo del nostro e sto cercando di portare in Italia questa filosofia dove ognuno mette qualcosa della sua esperienza e non pesta i piedi al vicino.

Con il COVID-19 la live music ha subito un brusco arresto. Una volta uscito l’album hai in mente di fare un tour? Secondo te nel 2021 si potrà tornare alla normalità oppure il modo di esibirsi cambierà?

Cerco sempre di essere molto positivo a riguardo e credo ci sarà una ripartenza. Forse non si potrà suonare da subito in ogni parte del mondo come ho sempre cercato di fare, ma farò tutto il possibile per ricominciare a viaggiare. Credo che la cosa positiva in tutto ciò sia che d’ora in avanti sapremo tutti prevenire meglio questo tipo di pandemie. Il concetto di normalità è strano da spiegare secondo me perché al giorno d’oggi ci si adatta velocemente a tutto, quindi la normalità dell’anno scorso è già diversa da quella di quest’anno. Allo stesso modo  penso che niente sarà più come prima, ma questo non è assolutamente un male e ci riabitueremo subito e troveremo nuovi modi per vivere la musica dal vivo.

Continue Reading

Interviste

Dall’Argentina per sognare in Italia: il viaggio musicale di Diego Moreno non finisce mai

Antonella Valente

Published

on

Cantante e compositore argentino, Diego Moreno, ormai napoletano d’adozione, ha rilasciato da pochi giorni “Sogno (Sofia sul divano)”, terzo brano tratto dal nuovo album di inediti in uscita in autunno.

Il singolo scritto dallo stesso Moreno insieme alla cantautrice Gaia Eleonora Cipollaro, è una canzone estiva dal ritmo coinvolgente con un sound reggae che ricorda gli UB40, arricchito dal suono di strumenti come il charango e l’ukulele. Il brano invita gli ascoltatori, bisognosi di tornare a vivere dopo il periodo di estrema emergenza sanitaria trascorso, a non smettere mai di credere nei propri sogni.

Diego, piacere di averti con noi su The Walk of Fame! Come stai? Come hai trascorso i mesi passati?

Hola! Sto bene, grazie! – Per quello che si può “stare bene” di questi tempi! – Ho lavorato al nuovo album e sono davvero molto soddisfatto di ciò che è stato fatto, anche insieme a tutti coloro che hanno collaborato. Basterebbe nominare Roy Tarrant (produttore), Salvio Vassallo (produttore artistico), Gaia Eleonora Cipollaro (coautrice), Davide Aronica (regista video) e poi una lunga lista di formidabili musicisti. Mi sento e credo di essere molto fortunato. Questi mesi di lockdown li ho passati a casa con mia moglie Maddalena, provando ad affrontare il tutto con una quota di “filosofia” e aiutandomi con la musica. Non è stato facile, come per la gran maggioranza di noi artisti. Noi “viviamo di assembramenti!”.

“Sogno (Sofia sul divano)” è il tuo ultimo singolo. Come nasce e qual è il messaggio che vuoi trasmettere a chi ascolta?

La canzone è nata qualche anno fa. L’ho scritta in primis in spagnolo, la mia lingua madre. Nel 2019 con il mio produttore abbiamo pensato di realizzare un album completamente in italiano e da lì è iniziata anche la mia collaborazione con Gaia. In questo brano mi concedo il lusso di sognare. Credo che il viaggio per raggiungere i nostri sogni sia intenso… “sogno baciare la luna, corteggiare la fortuna … che poi se ne va!”, sogno addirittura Sofia Loren sul divano! (ride ndr). Oggi è difficile sognare, fa paura immaginare, tuttavia non vi è cosa più bella che sognare, valicare le montagne dell’impossibile con la fantasia, la speranza e la fiducia in se stessi. Ma la canzone è soprattutto un invito a vivere e a realizzare i propri sogni, o quantomeno a provarci!

Sei un musicista argentino ma napoletano d’adozione. Cosa è per te Napoli?

Si sono e sarò sempre un musicista Argentino! Napoli però è per me tante cose. Intanto è il luogo, per la precisione Pozzuoli, dove ho vissuto per quasi 20 anni. Mi sento un flegreo d’adozione! Napoli è poliedrica, è tanta “bellezza”. Qualche anno fa ho inventato il “TangoScugnizzo”, unico mix tra la musica di Buenos Aires e la melodia partenopea che si è aggiudicato nel 2014 il Premio Masaniello e nel 2020 il Premio Nicolardi. Mi sento, lo dico con amore, “un portatore sano di “napoletanità”. Uno dei primi partenopei che mi ha colpito al cuore è stato Eduardo De Crescenzo, un grande interprete! Poi che dire di Pino Daniele, mi querido amigo Enzo Decaro che mi ha ribattezzato “Tanghizzo” (un po’ tanguero un po’ scugnizzo) per il progetto “Poeta Massimo” (poesie di Massimo Troisi musicate da Decaro), mio hermano Antonio Onorato.

Qual è l’artista italiano cui sei particolarmente legato?

Sicuramente Eduardo De Crescenzo, Pino Daniele, ma ho ascoltato molto Raf, Baglioni, Samuele Bersani, Fabio Concato, con il quale ho potuto duettare nel mio progetto dedicato a Fred Bongusto e qui farei una giusta pausa per raccontarti in poche parole i miei quasi 20 anni di collaborazione con Fred. Da lui ho imparato quanto è vero ciò che diceva Vinicius: “La Vita è l’Arte dell’incontro”. Sono felice e sono stato fortunato ad aver incontrato Fred. Ci siamo incontrati 21 anni fa tra i corridoi della Rai di Roma a Via Teulada per un programma televisivo. Durante una pausa, quando scoprì che ero argentino, mi disse: “Mucho Gusto Fred Bongusto!”. Non mi manca la sua musica, perché la sua musica vivrà per sempre, mi manca tanto Alfredo, l’uomo. Un amico speciale e un confidente. A lui ho dedicato un album duettando, tra gli altri, con Peppino Di Capri, Fabio Concato, Maria Nazionale. S’intitola “Che Bella Idea! Canzoni di BuOngustO”. Sono sincero: ne vado fiero!

Come giungi in Italia dall’Argentina e come mai decidi di trasferirti nel nostro paese?

Sono arrivato qui quasi per gioco, per salutare una coppia di amici argentini che si era trasferita in Italia. A Mar del Plata, Buenos Aires – Argentina, ero uno studente di architettura. Ho lasciato tutto e tutti per sognare con la mia musica e sai? Ci sono riuscito praticamente da subito! Il mio primo ingaggio da musicista fu nella meravigliosa terra sicula a Taormina, dove ho trascorso i primi 6 mesi di vita italiana. Indelebili ricordi!

Diego, lascio a te le ultime parole di questa intervista per promuovere la tua musica, i tuoi messaggi e i tuoi progetti…

Sono felice di aver avuto questo spazio e vi ringrazio. Sono altrettanto contento di poter dire che i “sogni” si possono, anzi si devono seguire.  Io il mio sogno l’ho realizzato: ho festeggiato 30 anni di carriera musicale. Auguro a tutti coloro che amano la musica e sognano di esprimersi ed esibirsi di poter realizzare questo loro desiderio.

ph. Gino Tramontano

Continue Reading

In evidenza