Un movimento senza azione è un movimento fermo: Stevie Wonder si unisce alle proteste

La battaglia per i diritti civili passa attraverso il riconoscimento globale degli stessi. Lo ha affermato Stevie Wonder nel corso di un video pubblicato sul suo profilo Facebook dove ha anche ricordato il suo impegno per l’istituzione del Martin Luther King Jr Day. Si è rivelato, inoltre, come era lecito attendersi, un sostenitore della campagna Black Lives Matter. Ma c’è ancora molto da fare, soprattutto a favore della comunità afroamericana.

“In realtà, ci sono tre stati che ancora non lo riconoscono: North Dakota, South Dakota e Hawaii. Come ci si sente a celebrare la libertà per cui stiamo ancora combattendo? Se la vita può avere un finale, tutte le cose possono avere un finale. Il razzismo sistemico può avere una fine. La brutalità della polizia può avere un finale. La repressione economica dei neri può avere un finale. Le persone possono avere un finale. Un movimento senza azione è un movimento fermo. Le vite nere contano. E questo non è un altro momento o hashtag di tendenza virale digitale. Sono le nostre vite, letteralmente. Sì, tutte le vite contano. Ma contano solo quando anche le vite nere contano”.

MyZona

Usa le mani per votare. Il futuro è nelle tue mani“, ha continuato, “Abbiamo il potere di votare e possiamo fare un cambiamento. L’universo ci sta guardando. Sto parlando di te, sto parlando di me, sto parlando su ogni singolo corpo”.

Da leggere anche

Antonella Valente
Laureata in Giurisprudenza e Giornalista Pubblicista dal 2018, ama il teatro, il cinema, l'arte e la musica. Appassionata di recitazione, si diletta a salire su un palco di tanto in tanto. In altre sedi, anche Avvocato.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli