Trovato morto a Roma lo scrittore ungherese Gergely Homonnay

Giallo intorno alla morte a Roma di Gergely Homonnay, 46enne scrittore di origini ungheresi, noto nel suo Paese anche per essersi speso, nel 2018, in una campagna affinché il governo aprisse ai diritti civili.

È stato trovato morto in un circolo sportivo in zona San Giovanni, dove forse aveva trascorso la notte di Capodanno. Indagini a tutto campo, anche negli ambienti dello spaccio nella capitale dove è frequente l’uso di sostanze psicoattive come la Ghd o Gbl, considerate “droga da stupro”.

Foto: Facebook

Articolo precedenteLa televisione italiana festeggia 68 anni
Articolo successivoThe Hateful Eight: quando cinema e teatro s’incontrano
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.