The Prats: dalla Scozia degli anni ’70 a oggi, il ritorno della band culto della scena punk

Attivi dal 1977 al 1981, i The Prats sono tra le band culto nella scena punk di Edimburgo. Dopo un lungo silenzio hanno annunciato la pubblicazione di ‘Prats Way Up High’, loro prima compilation in vinile con inediti e brani rivisitati appartenenti al periodo della loro attività.

La raccolta uscirà il 13 novembre su etichetta One Little Independent Records/Audioglobe. Il disco contiene tre singoli pubblicati da Rough Trade e Da Da Records, demo e inediti della John Peel Session del 1979, per la prima volta in formato 12”.

MyZona

Sebbene il loro nome non sia tra i più noti nel panorama punk-rock della fine degli anni Settanta, i The Prats hanno invece continuato a guadagnare rispetto, soprattutto a Edimburgo, grazie ai numerosi fan e a John Peel, grande sostenitore della band, che proclamò con entusiasmo il suo supporto anche economico, finanziando il loro primo singolo attraverso il compenso di un dj set.

Poco più che dodicenni, sin dagli esordi The Prats si sono sempre contraddistinti per la loro ambizione e per la loro energia giovanile che, permeata da giocosa innocenza, accompagnava i loro testi forti e pretenziosi.

Dopo aver inviato il primo demo alla leggendaria indie label Fast Product (l’etichetta che per prima pubblicò The Human League), che inserì i loro brani nella compilation ‘Fast EP Earcom 1’, il debutto arriva nel 1980 con la pubblicazione dell’ormai fondamentale ‘1990’s Pop EP’ tramite Rough Trade ed il primo singolo ‘Disco Pope’, ampiamente accolto dai media musicali.

Nel 2003 il singolo è stato nuovamente inserito da Rough Trade nella compilation ‘Post Punk Volume 1’. Nel 2004 il brano ‘General Davis’ è nella colonna sonora di The Manchurian Candidate, con Denzel Washington e Meryl Streep.

The Prats sono attualmente il soggetto del documentario ‘Poxy Pop Group – The Story of The Prats’ del filmmaker indipendente Angus McPake, che verrà presentato entro l’anno.

A luglio 2020 Jeff Maguire, bassista della band, è tragicamente venuto a mancare, dopo una lunga battaglia con il cancro. ‘Prats Way Up High’ è dedicato alla sua memoria. In ‘Prats Way Up High’ c’è qualcosa di poetico nell’approccio low-fi e la giusta contrapposizione lirica di noia ed inquietudine rende il punk suonato dalla band ancora più puro ed incontaminato dalle aspettative e dalla politica interiore, ispirando gli adolescenti, allora come ora, a rompere le convenzioni.

The Prats

Paul McLaughlin (guitar and vocals), Dave Maguire (drums), Greg Maguire (guitar & vocals), Jeff Maguire (bass guitar), Tom Robinson (bass guitar), Elspeth Mcleod (guitar)

The Prats – ‘Prats Way Up High’, One Little Independent Records/Audioglobe

13 novembre 2020 – formato vinile e digitale

Tracklist

1. Disco Pope
2. Nothing
3. TV Set
4. Nobody Noticed
5. Die TodtenReytenSchnell
6. Jesus Had A PA
7. General Davis
8. The Alliance
9. Inverness
10. Bored
11. Two Views On Life (Demo)
12. Walking Dead (Demo)
13. Prats 2 (Peel Session 1979)
14. Nothing (Peel Session 1979)
15. Jesus Had A PA (Peel Session 1979)
16. You Nobody (Peel Session 1979)
17. Prats I (Peel Session 1979)
18. Poxy Pop Groups (Peel Session 1979)
19. Strange Interlude (Peel Session 1979)
20. A Day In The Life Of Me (Peel Session 1979)

Da leggere anche

Federico Falcone
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli