The Jaded Hearts Club: come un “gruppetto di amici” creò la supercoverband dei Beatles. E anche molto di più

The Jaded Hearts Club: come un “gruppetto di amici” creò la supercoverband dei Beatles. E anche molto di più

Muse, Blur, The Last Shadow Puppets, Jet, The Zutons e, occasionalmente, ¼ di Beatles. Una line up che manderebbe in estasi qualsiasi amante della musica. Ma non stiamo parlando di un evento irripetibile, bensì del gruppo che da qualche anno si è mosso dalla penombra inglese, infiammando il più che leggendario 100 Club di Londra.

MyZona

Non solo sono stati descritti come la cover band definitiva dei Beatles, spaziando agilmente da “Please Please Me” a “Helter Skelter”, ma hanno riportato sul palco l’energia di pezzoni come “Gloria” e “My Generation”. La formazione, prima Dr. Pepper’s Jaded Hearts Club, si è già esibita in tutto il mondo e nel 2017 supporta il live di Roger Daltrey (Who) alla Royal Albert Hall di Londra. Non il classico debutto live per parenti e amici.

Scopro il tutto con un post Instagram di Matthew Bellamy, data 29 settembre 2017:

“Top night. Newfound respect for macca’s bass playing. Happy B’day Jamie. We are @drpeppersjadedheartsclubband”. [https://www.instagram.com/p/BZo62jYjqoy/?utm_source=ig_web_copy_link]

Troppe facce note in un solo video per non indagare! Certamente non ha bisogno di presentazioni il creatore di questo post: voce, chitarra e visioni psichedeliche dei Muse, dall’inconfondibile presenza scenica. Al microfono, riconosco subito Miles Kane, attualmente in carriera solista dopo i successi con varie band tra cui i The Last Shadow Puppets, fortunato progetto col suo amico di merende Alex Turner (Arctic Monkeys).

Fanno parte dei Jeaded Hearts Club anche Graham Coxon dei Blur, Sean Payne dei The Zutons e Nic Cester. Proprio Nic, ex voce dei Jet che ogni tanto si riformano, ha regalato non poche gioie ai fan italiani: una travolgente versione di Back In Black sul palco di S. Siro insieme, guarda caso, ai Muse; un debutto come solista nel 2017 con il l’album Sugar Rush (che ha un cuore italiano, data la collaborazione con i Calibro 35, la produzione a cura di Tommaso Colliva, e la residenza di Nic a Como); apre tutte le date italiane dell’ultimo tour dei Muse; e si esibisce nel Bel Paese con i Milano Elettrica (in cui suonano anche Sergio Carnevale dei Bluvertigo e Adriano Viterbini dei Bud Spencer Blues Explosion). Per non farsi mancare nulla, Nic ci ha svelato anche il suo lato vintage sul palco dello Swing Crash Festival di Como, voce inaspettatamente azzeccata per il genere.

Nessuno comunque si aspettava che i Jeaded Hearts rimanessero solo una cover band, ed infatti ecco qui il loro primo singolo Nobody But Me, uscito proprio lo scorso 2 marzo.

Una chitarra apre il primissimo secondo della canzone, basso e batteria si aggiungono e creano un mood tranquillo ma incalzante, scandito da un clapping contagioso. Le strofe hanno un gusto d’altri tempi, un assolo di chitarra con una distorsione più moderna si infila nel ritmo allegro e ci riporta agli anni 2000. Il basso continua a viaggiare e spiana la strada alla voce insolente di Miles Kane, che ci ripete ossessivamente che nessuno-sa-fare-cose-come-me, e ci crediamo tutti perché quando hai dei riff così, un sound così, una band così… non hai troppi rivali!

Nobody But Me, cover del brano del 1962 degli Isley Brothers, è una canzone semplicissima. Non cercherò di farne una gemma o una pietra miliare, ma soddisfa aspettative e appetiti dei fan di ogni pezzetto che compone la band. Non ci sono esagerazioni, forse proprio quel micro-assolo di chitarra ma ci aspettavamo anche quello. È la stessa band a suggerirci l’immediatezza della loro musica e a dirci cosa sono gli Jeaded Hearts: basta mettere una giacca di pelle, occhiali da sole, e il gioco è fatto. È l’estetica del rock puro e semplice di cui c’è sempre bisogno!

E se c’è cotanto ben di Dio sul palco, perché se ne parla ancora così poco? Di certo il lancio del primo singolo non sta passando inosservato, ma c’è qualcosa di strano nel marketing delle side-band. Si inizia di nuovo da zero, anche se tutti sono parte di alcune delle band più famose al mondo. Si inizia da una serata live con gli amici, quando uno di loro voleva solo una cover band dei Beatles, e ci si ritrova con delle rockstar che diventano un tutt’uno e danno vita a nuove produzioni. E lo fanno solo per loro perché, alla fine, ognuno si diverte come può e questi ragazzi possono fare grandi cose, come nessun altro sa fare

Da leggere anche

Marina Colaiuda
Una vita da studentessa contornata da interessi più o meno importanti, tutti affrontati con la massima serietà. In bilico tra danza e scrittura, tra vintage e contemporaneità, tra originali e traduzioni e sempre con la musica ad accompagnarmi dappertutto, che siano Duke Ellington o i Sex Pistols: se guardaste la mia playlist entrereste in analisi!

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli