Connect with us

Entertainment

Sospese le domeniche gratis al museo: “rischio contagi troppo alto”

Anche le attività teatrali, cinematografiche e musicali si interrogano su come ripartire in autunno e inverno

Federico Falcone

Published

on

Nonostante l’Italia non presenti una curva epidemiologica preoccupante come quella di Francia e Inghilterra, giusto per citare i due esempi più eclatanti in Europa, la precauzione non è mai troppa. Non se in ballo c’è la saluta dei cittadini. Dev’essere stata questa la motivazione sulla base della quale il Ministero della Salute ha emanato un’ordinanza nella quale si sospendono le domeniche gratis al museo.

Un’iniziativa che negli anni ha riscosso un sempre maggiore successo e che ora, invece, per ragioni di salute e sicurezza pubblica, subirà uno stop. A partire da ieri non sarà più possibile visitare musei, mostre, e analoghi luoghi pubblici. Il provvedimento si è reso necessario – così fanno sapere dal Ministero – a seguito dell’aumento dei casi di Covid-19 in Italia.

In media sono più di 1.500 i casi che si registrano nel quotidiano da un mese a questa. A volte di meno, a volte di più, certamente, ma tanto basta per agire con tempestività e prevenzione. Una battuta d’arresto che non ci voleva, non dopo che le riaperture post lockdown avevano fatto registrare un minino di ritorno alla normalità. Per la cultura, dunque, c’è ancora da soffrire. Non se ne uscirà tanto facilmente.

Nel mentre anche le attività teatrali, cinematografiche e musicali si interrogano su come ripartire in autunno e inverno. La stagione è praticamente alle porte ma le incertezze sono ancora numerose. Non tutte le organizzazioni, specialmente quelle private, possono riaprire a ranghi ridotti. Le normative per il contrasto del coronavirus, volte soprattutto a evitare assembramenti facili in posti al chiuso, non consentono di avere gli stessi numeri che in passato e quindi, avendo un pubblico minore su cui contare, minori saranno anche gli incassi.

Situazione, questa, dalla quale uscirne definitivamente non sembra possibile. Per lo meno ad ora. L’impossibilità di prevedere l’andamento della curva epidemiologica e le ovvie necessità di programmazione sono fattori che male si sposano. L’uno, purtroppo, esclude l’altro. Si può sempre ricorrere – come qualcuno ha suggerito – al “navigare a vista” in attesa di una schiarita all’orizzonte, ma questa è una soluzione troppo instabile. Per tornare alla normalità, purtroppo, ce ne vorrà ancora.

Foto: Roma.FanPage

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Entertainment

Dal 29 ottobre al 30 novembre L’Aquila sarà la capitale dell’horror

redazione

Published

on

L’associazione L’Aquila Young è lieta di presentare la sesta edizione dell’Abruzzo Horror Festival che andrà in scena nonostante la situazione di emergenza che stiamo attraversando con la mostra “Dario Argento 50” e online con la sezione letteraria e cinematografica.

La mostra Dario Argento 50 è allestita sotto i portici che vanno da c.so Principe Umberto a Piazza Palazzo in centro storico all’Aquila, dove 11 gigantografie ritraggono i poster originali dei film di Dario Argento che quest’anno festeggia i 50 anni di carriera. Dal primo film “L’uccello dalle piume di cristallo”, passando per “4 mosche di velluto grigio”, “Il gatto a nove code”, “Profondo rosso”, “Phenomena”, “Suspiria”, “Tenebre”, “Inferno”, “La terza madre”, “Opera”, “Il fantasma dell’opera”.

La mostra sarà visibile fino al 30 novembre. Perr l’occasione è stato preparato un premio alla carriera che sarà visibile sui canali social da domenica primo novembre dopo la cerimonia di premiazione della sesta edizione dell’Abruzzo Horror Festival. Il premio è stato realizzato da due artisti aquilani, Riccardo Di Francesco Fantasy Lab e Federico Coda.

La competizione letteraria Abruzzo Horror Literary Contest, giunta alla seconda edizione, vedrà la cerimonia di premiazione in diretta streaming, domenica 1° novembre ore 18 sui canali web ufficiali del festival su Youtube e Facebook. La giuria di quest’anno è composta da Alessandra Prospero (Presidente), Paolo Di Orazio, Salvatore Santangelo, Federico Del Monaco, Alessandro Martorelli.

La competizione cinematografica vede 12 cortometraggi in concorso italiani e internazionali che sono visibili dal 29 ottobre al 1° novembre sul canale ufficiale Youtube dell’Abruzzo Horror Festival e la cerimonia di premiazione si terrà domenica 1° novembre alle ore 19 in diretta streaming sui canali web ufficiali del festival Youtube e Facebook. La giuria di quest’anno è composta da Roberto De Feo (Presidente), Paolo Di Orazio, Francesco Belliti, Piercesare Stagni.

Link per la visione dei corti e per le cerimonie di premiazione

Youtube: https://www.youtube.com/channel/uc3x9ilyzkfi9tmpvhae2c8q?view_as=subscriber pagina
Facebook: https://www.facebook.com/abruzzohorrorfestival

Continue Reading

Entertainment

La storia di Jack O’Lantern raccontata da Francesca Lucidi

Jack O’Lantern. La vera storia dei Digrignanti lumi di Halloween è un racconto che gli appassionati del genere, ma non solo loro, non possono mancare di avere

Federico Falcone

Published

on

“In un tempo lontano, ma vicino per screzi con il Creatore, il Diavolo era un passante e una compagnia nota”

Francesca Lucidi

E’ con queste parole che si apre Jack O’Lantern. La vera storia dei Digrignanti lumi di Halloween, racconto della scrittrice abruzzese Francesca Lucidi.

Lo scritto trae ispirazione da una storia tutta tanto singolare quanto affascinante, quella di Jack o’Lantern, fabbro irlandese con il vizio di alzare un po’ troppo il gomito. Un racconto che si tramanda di generazione in generazione, capace di trascendere i confini dell’isola per affascinare i quattro angoli del globo. Halloween, infatti, festa o ricorrenza che sia – ognuno può apostrofarla come meglio crede – nel corso degli ultimi decenni ha attecchito praticamente ovunque.

Leggi anche: I nostri dieci fumetti preferiti da leggere ad Halloween

Tra le tante leggende che costellano il 31 ottobre e le ore immediatamente precedenti o successivo a esso, questa è una delle più famose.

Jack, ubriacone, taccagno e scontroso, la notte di Halloween si reca al solito pub. Qui incontra il Diavolo. Ma lui, nonostante nelle vene abbia più alcol che sangue, riesce in qualche modo a imbrogliarlo. Gli fa credere che avrebbe venduto la sua anima in cambio di una birra. L’ultima della serata. Il Diavolo si trasformò in una monetina da sei pence per pagare l’oste e l’irlandese fu abbastanza veloce da riuscire ad intascarla.

Jack, in tasca, aveva con sé anche una croce d’argento. Elemento determinante, perché il Diavolo, vicino a essa, non riuscì più a tornare nella sua forma originaria. Tra i due intercorse un nuovo patto: se il fabbro lo avesse lasciato andare, il Diavolo non avrebbe potuto reclamare la sua anima per almeno dieci anni. Questi, se pur con disprezzo, accettò. Ma non finì qui, perché quando dopo una decade i due si incontrarono, Jack riuscì nuovamente a scappare da esso, facendogli promettere che non lo avrebbe più cercato. Anche in questo caso il Diavolo accettò.

Leggi anche: La ricezione artistica di Halloween: intervista all’illustratrice Diana Gallese

Quando Jack morì non venne accettato in Paradiso, dovendo così andare a bussare alle porte dell’Inferno. Il Diavolo ebbe la sua vendetta e lo respinse. Da quel momento, in attesa del Giorno del Giudizio, vagò con il tizzone che il Diavolo gli tirò usandolo come lumino, simbolo fatale delle anime dannate e perdute. Quel lumino assunse la forma di rapa, ma con l’immigrazione della comunità irlandese negli States, e con il conseguente trasferirsi di usi, costumi e leggende, queste vennero sostituite delle zucche. Da qui, Jack O’Lantern e il suo legame con Halloween.

“E’ una fiaba horror con evidenti elementi humor in grado di dare quelle suggestioni che ricercavo” – Francesca Lucidi

L’equilibrio tra i due aspetti è ben marcato nelle settanta pagine che compongono il lavoro della scrittrice abruzzese, appassionata di tematiche misteriose e leggende occulte. Ma anche di rock’n’roll, come le piace sottolineare. Bene, piace anche a noi, ci sentiamo di aggiungere.

La leggenda di Jack O’Lantern è raccontata in una veste inedita, con nuovi caratteri e nuove malevole presenze. Jack e il Principe della Menzogna: partite a carte e bevute di whiskey intratterranno i personaggi che si troveranno scaraventati in un susseguirsi di eventi dai risvolti assai inquietanti ma anche ironici, appunti.

Jack parla alle coscienze, ai desideri, alle bramosie. Il diavolo è il ribaltamento del bene, è male per antonomasia e nascita. Jack è un uomo e, in quanto tale, sceglie consapevolmente di perpetrare azioni poco cristiane attirando a se il principe, il guardiano e il padrone dei peccatori senza redenzione. Jack è una catarsi umoristica e orrorifica che vive nel mondo e conosce l’avarizia e l’arrivismo”, mi spiegò Francesca in una nostra vecchia intervista per il quotidiano Marsicalive.

Quando ci ritrovammo a parlare del libro, di fronte a un thé pomeridiano (neanche fossimo inglesi, vero?) mi definì questo racconto come una “storia di Halloween raccontata attraverso l’occhio della cinepresa“. Il mio consiglio, va da sé, è quello di dare un’opportunità a questo lavoro. Ben scritto, interessante, suggestivo. Si legge tutto d’un fiato ed è davvero ben pensato. L’umiltà con cui Francesca me lo presentò fu la più grande testimonianza di come la passione possa veicolare l’interesse a spingersi oltre e a cimentarsi in opere e progetti. Jack O’Lantern. La vera storia dei Digrignanti lumi di Halloween è un racconto che gli appassionati del genere, ma non solo loro, non possono mancare di avere.

Leggi anche: Introduzione al cinema dell’orrore, ieri e oggi

Ma perché proprio Jack O’Lantern tra le tante storie, miti, leggende, di Halloween? “Ho preso la leggenda di Jack, breve e lacunosa, e ho inserito personaggi nuovi e situazioni inedite. Il tutto è abile a intrattenere, sì, ma tanti simboli sono ben piantati tra le pagine e le nebbie”, spiega Lucidi.

“Cercavo qualcosa da leggere davanti al camino… che mi facesse sentire il mistero e anche i significati che sempre hanno circondato questo periodo dell’anno. La lotta con il male è un tema vecchio come il tempo, ed ecco che ho pensato alla leggenda di Jack. Ho cercato qualcosa da leggere che contenesse tutto ciò che ti ho citato: nulla, non ho trovato nulla. Allora ho scritto qualcosa che lo stessa avrei voluto leggere. Adoro i racconti, le leggende e le riflessioni che possono schizzar fuori dell’umorismo e dal folklore”.

Continue Reading

Entertainment

C’è acqua sulla Luna!

“Questa scoperta sfida la nostra comprensione della superficie lunare”

Federico Falcone

Published

on

Quella che era un’ipotesi, a lungo rincorsa come un sogno, si è trasformata in realtà. C’è acqua lontano dal nostro pianeta.

Lo ha reso noto la NASA, ieri, nel corso di una conferenza stampa. Sulla Luna, il nostro satellite, l’unico posto nell’universo finora raggiunto dall’uomo (salvo tesi contraria) è stata scoperta una chiazza d’acqua nelle zone illuminate dal Sole, quelle equatoriali che volgono sguardo verso la Terra. L’occhio del telescopio Sofia è andato più lontano del solito, ha esplorato, scrutato e, infine, trovato nella zona del cratere Clavius.

Non è facile comprendere quanto saranno sfruttabili queste riserve d’acqua. Certo è che, per la missione Artemis, si tratta di una scoperta fondamentale. Così come per i viaggi nello spazio e per le altre missioni che prevedono il ritorno dell’uomo sulla Luna, nel 2024. A questo punto cambiano gli scenari e le previsioni dei mesi e degli anni addietro e tale scoperta apre a nuove prospettive.

Punto di partenza, molto probabilmente, sarà lo studio della regolite lunare che ha intrappolato le molecole. Dai dati che emergeranno dalle ricerche si valuterà come procedere nelle prossime esplorazioni e, soprattutto, a cosa realmente ambire. Insomma, si apre una nuova pagina per la scoperta del cosmo. L’acqua sulla Luna, stando a una prima supposizione, sarebbe arrivata attraverso i meteoriti che, nel corso dei millenni, hanno impattato con la superficie.

Questa si sarebbe conservata grazie alle diverse zone in ombra che avrebbero preservato le molecole presenti. Si stima che la quantità individuata sia di 100 ppm – 412 ppm (parti per milione) nel primo metro circoscritto. La quantità totale, però, non è ancora chiara.

Il telescopio SOFIA ha dimensioni di 2,7 metri con un diametro effettivo di 2,5 metri. Questo consente di studiare il Sistema Solare e tutte quelle situazioni dove sono presenti polveri che bloccano la luce visibile (ma non gli infrarossi). Inoltre la possibilità di spostarsi in tutto il Mondo permette anche di cambiare “punto di vista” sul fenomeno da osservare.

Paul Hertz (direttore della divisione astrofisica alla NASA) ha dichiarato “avevamo indicazioni che l’acqua che conosciamo – potrebbe essere presente sul lato soleggiato della Luna. Ora sappiamo che è lì. Questa scoperta sfida la nostra comprensione della superficie lunare e solleva interrogativi intriganti sulle risorse rilevanti per l’esplorazione dello spazio profondo”.

Continue Reading

In evidenza