Il rock visionario e sciamanico dei finlandesi Spiritraiser nel nuovo album “Ciklos”

E’ un’opera potente, ispirata e sentita, il secondo album degli Spiritraiser. Si intitola Ciklos, lo pubblica l’italiana Luminol Records, è un visionario disco a tema incentrato sul rinnovamento, sull’energia e il pensiero positivo, sul superamento degli ostacoli in vista di una trasformazione. La band finlandese torna con un atteso album al quale consegna la propria proposta sonora e il proprio concept artistico.

Lo fa con un’etichetta che negli ultimi anni si è ritagliata uno spazio significativo all’insegna del post-progressive, o meglio di una visione alternativa, non dogmatica nè nostalgica, del rock progressivoCiklos riflette in pieno queste caratteristiche, con dieci brani possenti, immediati quanto articolati, pieni di pathos e arrangiati con gusto e grinta. 

Gli Spiritraiser sono nati a Helsinki nel 2007, si sono consolidati nel 2014, nel 2018 hanno debuttato con l’album Inspiral, grazie al quale i quattro hanno suonato in diversi spettacoli in Finlandia, incluso il festival di punta dell’industria musicale finlandese Lost In Music. I membri sono professionisti con svariate esperienze all’attivo come Profane Omen, Rootbrain, Enemy of the Sun, Sleep Of Monsters e Fone. Tra alternative-rock, prog-rock e prog-metal, potenza e introspezione, melodia e intensità, Ciklos racchiude perfettamente la filosofia del gruppo: incanalare l’energia universale nel suono e nella musica per creare mondi da ascoltare, chiudere gli occhi e viaggiare.

Leggi anche: Live At The El Mocambo: a maggio il nuovo disco dei Rolling Stones

“Stiamo attraversando una dolorosa trasformazione nelle nostre vite individuali e collettive. Sta a noi scegliere la strada su cui cammineremo. È giunto il momento di abbracciare questo cambiamento così impegnativo e usare il nostro potenziale per preservare il bene e assicurarci che il male non si ripresenti. Se accettiamo la sfida e la superiamo, potremmo semplicemente convincere Ciklos a farci entrare nel prossimo ciclo”.

Tracklist:

Artificial Light 
Invisible Enemy
Glory
Stream 
Quipu 
Sirens 
Fearism 
Virgin Soul 
The Wrong Giants 
Mountain

Leggi anche: Odessa, la resistenza passa dalle note di “It’s my life” dei Bon Jovi (video)

Articolo precedenteJoseph Martone protagonista di Oh-No! Songwriters
Articolo successivoTrent’anni senza Isaac Asimov, lo scrittore che predisse il futuro