Connect with us

Musica

Con “Take Blood and Guts” Skin si mette a nudo: a settembre l’autobiografia

Skin si mette a nudo, e lo fa attraverso “Take Blood and Guts”, autobiografia che uscirà il prossimo 24 settembre. Un libro in cui la frontwoman degli Skunk Anansia ripercorrerà la principali tappe della propria vita e della propria carriera, raccontate attraverso la collaborazione con Lucy O’Brien, giornalista musicale nota per aver collaborato già con altri artisti.

Federico Falcone

Published

on

Skin si mette a nudo, e lo fa attraverso “Take Blood and Guts“, autobiografia che uscirà il prossimo 24 settembre. Un libro in cui la frontwoman degli Skunk Anansia ripercorrerà la principali tappe della propria vita e della propria carriera, raccontate attraverso la collaborazione con Lucy O’Brien, giornalista musicale nota per aver collaborato già con altri artisti.

Il viaggio letterario di Skin parte dai ricordi della sua infanzia, a volte turbolenta e spesso altalenante, emotivamente parlando. Aneddoti, storie ed episodi faranno da sfondo a un percorso che porterà il lettore a scoprire l’approccio primordiale al canto, alla musica e a quella voglia irrefrenabile di calcare il palcoscenico, di viverlo, di esaltarsi e di conquistare, a suon di hit, il mondo. Non mancheranno riferimenti alla lotto per i diritti LGBTQ, di cui è instancabile portabandiera.

“Non ti aspetti che sia facile quando sei una donna nera e omosessuale, come me ma devi andare avanti e continuare a combattere per ciò che vuoi essere. Una lotta continua, non senza fatica, ma non avrei potuto farle diversamente”.

Deborah Anne Dyer, questo il vero nome della cantante degli Skunk Anansie, è nata il 2 agosto del 1967 a Londra. Prima di fondare la band nel 1994 ha studiato Design d’Interni presso la Teesside University di Middlesbrough (in seguito ha ricevendo la laurea honoris causa). Nel 1995 il primo album del gruppo, “Paranoid & Sunburnt“, che ha venduto più di trecentomila copia in Gran Bretagna, anche grazie al primo singolo estratto, “Weak“.

Nel 1996 il secondo disco, “Stoosh” che lancia gli Skunk Anansie verso verso il successo internazionale. La hit “Hedonism (Just Because You Feel Good)” è tra le più ascoltate e passate in radio dell’anno, una ballata pop capace di conquistare anche il pubblico teenager non avvezzo alle sonorità rock della formazione inglese.

Con “Post Orgasmic Chill” del 1999, uscito su Virgin Records, la band ha ormai raggiunto il successo planetario. “Charlie Big Potato” e, soprattutto, le due ballate “Secretly” e “You’ll Follow Me Down“, vendono milioni di copie e sono tra le canzoni più ascoltate nei successivi dodici mesi. Nel 2010 esce “Wonderlustre“, quarto album in studio, dal quale vengono estratti tre singoli, “My Ugly Boy“, “Over The Love” e “You Saved Me“.

Black Traffic” del 2012 e “Anarchytecture” del 2016 sono gli altri due album che completano – fino ad ora – la discografia degli Skunk Anansie. Skin ha anche sviluppato una carriera solista che ha portato alla realizzazione di due full-lenght: “Fleshwounds” e “Fake Chemical State“, rispettivamente del 2003 e del 2006.

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Musica

In uscita il nuovo album dei Fenisia, The Spectator

Sophia Melfi

Published

on

Il nuovo album dei Fenisia, The Spectator, sarà pubblicato il 30 ottobre 2020.

Si tratta del terzo concept album della band italiana, fondata a Roma nel 2009, la quale si ispira apertamente al rinomato southern rock statunitense.

L’album è stato prodotto da Ray Sperlonga (American Idol) al Rosary Lane Studio per l’etichetta Eclipse Records.

Continue Reading

Musica

La rabbia di Piero Pelù: chi ci governa non crede che musica e cultura vadano tutelate

redazione

Published

on

“A dicembre sarei dovuto tornare in tour insieme a voi, chiaramente in totale sicurezza, così come sono stati organizzati in sicurezza tutti gli eventi musicali autorizzati degli ultimi mesi. Ma a quanto pare chi ci governa non pensa che musica e cultura siano utili e debbano essere tutelati, se prima era chiaro ora è evidente”, scrive Piero Pelù su Facebook

“È vero che stiamo affrontando una situazione senza precedenti, ma è anche vero che cultura, spettacolo, musica nutrono la nostra anima, e forse mai come in questo momento ce ne sarebbe bisogno. Ma questi nuovi provvedimenti rischiano di portare un intero sistema al punto di non ritorno. Vedo locali e teatri che chiudono perché non riescono più a sopravvivere“.

“Cosa succederà tra qualche mese? Cosa succederà quando avremo meno posti dove fare cultura, meno professionisti al lavoro, perché si saranno dovuti reinventare facendo altro, meno persone affamate di cultura? La cultura è quello che ci tiene lontani dalla barbarie, dall’ignoranza e dalla violenza di cui abbiamo sempre più esempi davanti. Noi dello spettacolo siamo stati tra i più controllati, distanziati e responsabili in F1, F2 ed F3, lo dicono i numeri”.

“Vista l’innegabile importanza sociale della Cultura contro la violenza che esplode sempre più nelle strade e nelle piazze chiediamo a gran voce di riaprire cinema e teatri per salvare il Paese dalla barbarie e per far lavorare la categoria dello spettacolo senza gravare ulteriormente sulle casse dello Stato. A questo link trovate l’appello al governo di centinaia di artisti e imprese del settore musicale, teatrale e coreutica, operatori”.

Ph. Simone Di Luca

http://meiweb.it/2020/10/26/ristoro-immediato-per-le-arti-la-musica-la-cultura-e-lo-spettacolo-dal-vivo-appello-al-governo-di-centinaia-di-artisti-e-imprese-del-settore-musicale-teatrale-e-coreutica-operatori/?fbclid=IwAR02p2Ypk2AxotXamJPUCpFNyfnrNFCmGtSTrdjHW2erDQzfyNzzeOul0K8

Continue Reading

Musica

Gli Ac/Dc non deludono mai: guarda il video di Shot in the dark

redazione

Published

on

E’ online il video di “Shot in the dark“, il primo singolo degli AC/DC che anticipa “Power Up”, il nuovo atteso album in uscita il 13 novembre!

Shot In The Dark” vede di nuovo insieme Angus Young (chitarra solista), Brian Johnson (voce), Cliff Williams (basso), Phil Rudd (batteria) e Stevie Young (chitarra ritmica) nella loro forma migliore, come dimostra anche il nuovo video, diretto dal loro storico regista David Mallet, carico di energia rock!

“Power Up” è il diciassettesimo disco della loro leggendaria carriera, a sei anni dall’uscita di “Rock Or Bust” (2014). Per “Power Up”, la band ha richiamato il celebre produttore Brendan O’Brien che aveva già lavorato in “Black Ice” (2008) e “Rock Or Bust” (2014). Gli AC/DC hanno realizzato 12 tracce che mantengono intatto il loro storico e inconfondibile sound e la potenza degli elementi che più li caratterizzano! 

La deluxe – limited edition, unica nel suo genere, è imperdibile per i collezionisti e i fan del gruppo. Premendo un bottone a lato della special box, si illuminerà il logo AC/DC mentre gli altoparlanti integrati faranno partire “Shot In The Dark”. Il cofanetto include il CD con booklet di 20 pagine, che contiene foto esclusive, e un cavo di alimentazione USB che permette di ricaricare la scatola.

TRACKLIST:

1.        Realize
2.        Rejection
3.        Shot In The Dark
4.        Through The Mists Of Time
5.        Kick You When You’re Down
6.        Witch’s Spell
7.        Demon Fire
8.        Wild Reputation
9.        No Man’s Land
10.     Systems Down
11.     Money Shot
12.     Code Red

Continue Reading

In evidenza