#Seiconnoi appello dei big della musica italiana: non abbiamo certezze

Ad aprire lo squarcio nel cielo di carta è stato Tiziano Ferro, che in diretta tv, ospite di Fabio Fazio, ha chiesto risposte, ha chiesto certezze, ha chiesto azioni concrete per un settore, quello della musica e degli eventi live, risucchiato dall’enorme buco nero che è l’emergenza coronavirus. E’ stato il primo artista a farsi portavoce delle istanze di circa 500mila lavoratori e ha pagato con attacchi e critiche sui social, da chi non ha compreso che dietro ad un concerto, dietro ad un palco, lavorano centinaia di persone.

Quello squarcio si è allargato piano piano, è diventato una crepa profonda che ha raggiunto a macchia d’olio altri artisti.    Molti artisti. Da ieri si moltiplicano gli appelli sui social: da Laura Pausini a Fiorella Mannoia, da Ligabue ad Emma, da Gianna Nannini ad Alessandra Amoroso, passando per Frankie hi-nrg, Luca Barbarossa, Giorgia, Anna Tatangelo, Rosario Fiorello, Elisa. E ci sono anche Tosca, Francesca Michielin, Raphael Gualazzi, Annalisa, Mario Biondi e molti stanno via via aderendo.

MyZona

L’appello condiviso al governo è lo stesso per tutti, nel nome di #seiconnoi “perché nessuna voce resti inascoltata”.

“Chiediamo ai nostri colleghi, a tutti professionisti dello spettacolo e a tutti quelli che come noi amano la musica l’arte e ogni forma di intrattenimento di unirsi in questo momento così delicato”.

“Ogni cosa ha il suo tempo ed oggi è ancora il tempo del dolore per chi non c’è più, delle cure ai malati e del sostegno economico, morale e organizzativo da chiedere a gran voce per tutti gli operatori sanitari che sono in prima linea. Domani però, nel rispetto di tutti, dovremo ripartire e non possiamo permetterci di dimenticare qualcuno – è l’appello che corre di post in post -. Stiamo parlando di musicisti, autori, dj, ballerini, operai, tecnici, lavoratori senza cassa integrazione, lavoratori occasionali. Di loro, della loro angoscia e del loro disagio economico si parla pochissimo”.
 La richiesta è unanime: “sapere cosa accadrà ai lavoratori del mondo dell’intrattenimento; sapere quando potranno tornare a lavorare: definire il futuro dei prossimi eventi, senza dimenticare un trattamento economico e previdenziale dignitoso durante tutta la fase dell’emergenza”.

https://www.facebook.com/elisaweb/videos/153822376035977/

   

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli