Connect with us

Musica

Roma e Palermo, il volume di Mastropietro tratteggia l’asse del Nuovo teatro musicale (1961-1973)

Fabio Iuliano

Published

on

È stato presentato sui canali social di Nuova Consonanza (nell’ambito del suo 57° Festival “Laborintus 2.0”), il volume Nuovo Teatro Musicale fra Roma e Palermo, 1961-1973 di Alessandro Mastropietro. La corposa monografia – quasi 800 pagine – recentemente pubblicata dalla LIM (casa editrice italiana di riferimento per la produzione musicologica), è stata promossa appunto da Nuova Consonanza e dall’Università di Catania, presso la quale l’autore è ricercatore in Musicologia, e tratta un’intensa stagione di creazione interdisciplinare alla luce di una lunga e complessa ricerca sulle fonti documentarie.

A partire dal 1961, infatti, Roma e Palermo sono al centro della vivacissima elaborazione di un teatro musicale del tutto nuovo rispetto agli assetti drammaturgici della tradizione melodrammatica, lungo linee collegate a premesse gettate dalle avanguardie storiche. Nel progettare e sperimentare, i compositori che operavano nei due contesti svilupparono una condivisione (di spazi, problematiche, idee, realizzazioni) con esponenti della neoavanguardia di altre discipline (arti plastico-figurative, letteratura, teatro, cinema di ricerca). Alcune produzioni approdarono o addirittura nacquero anche a L’Aquila, al cui sviluppo culturale – in quel periodo – figure romane diedero un apporto significativo entro il Teatro Stabile, l’Accademia di Belle Arti, la Società dei Concerti ‘Barattelli’ e il Conservatorio di Musica:  si pensi, ad esempio, alla storica Orestiade (1970) allestita da Antonio Calenda nei sotterranei del Forte Spagnolo, con le musiche originali e pervasive di Domenico Guaccero e le scenografe di Franco Nonnis; oppure, a performance e rappresentazioni di rottura, importate a inizio anni ‘70 dal panorama delle ‘cantine teatrali’ romane attraverso la mediazione del compositore Antonello Neri.

Nel libro di Mastropietro, una disamina dei contesti, segnati da un febbrile stato di apertura e di curiosità interdisciplinari, precede la rassegna di circa 20 autori musicali per un totale di circa 50 titoli fino al biennio 1972-1973. La trasversalità della partecipazione a quest’onda creativa si può valutare nelle figure coinvolte, non solo tra i compositori: accanto agli iniziatori (Clementi, Evangelisti, Macchi, Guaccero, Bussotti, Bertoncini) e a quelli tuttora attivi (Luca Lombardi, Alvin Curran, Salvatore Sciarrino, Marcello Panni e altri), si segnala un titolo di teatro danzato di Ennio Morricone, qui analizzato per la prima volta; tra i tanti coinvolti a vario titolo, spiccano nomi quali Carmelo Bene, Achille Perilli, Andrea Camilleri, il citato Calenda, Jannis Kounellis, Nanni Balestrini, il coreografo Amedeo Amodio, o la Franca Valeri che – assieme all’artista Gianfranco Baruchello – firma nel 1970 all’Opera di Roma un’innovativa regia di Il coccodrillo di V. Bucchi. Ciò testimonia la capacità di inclusione e l’adesione agli interessi sperimentali che, nella prassi artistica, hanno segnato il periodo intorno  al 1968, dando luogo anche a una socialità più libera dell’evento performativo e a una rottura delle barriere tra generi e discipline.

Alla presentazione del 15 dicembre, tuttora disponibile online –  https://www.youtube.com/watch?v=LsJep4-DF1o – hanno preso parte, oltre all’autore del volume, studiosi di rilievo in vari settori disciplinari: Achille Bonito Oliva (testimone diretto di molti eventi), la musicologa Daniela Tortora, la storica della danza Patrizia Veroli, lo storico del teatro e della letteratura Massimo Fusillo, la storica dell’arte Daniela Vasta, e il compositore e direttore d’orchestra Marcello Panni (che ha firmato la prefazione del volume). Ha moderato il critico e operatore musicale Giovanni D’Alò, abruzzese, attuale direttore artistico presso l’Istituzione Universitaria dei Concerti di Roma.

Alessandro Mastropietro (L’Aquila, 1968), diplomato in composizione, musica elettronica e direzione d’orchestra nel Conservatorio della città natale, dottore di ricerca in Storia delle Culture Musicali, è ricercatore in Musicologia e Storia della Musica’Università di Catania.

Si occupa prevalentemente della composizione musicale degli ultimi 60 anni, nonché di quella del secondo Settecento strumentale (con particolare riferimento alla produzione di Luigi Boccherini). Ha partecipato a numerosi convegni internazionali e pubblicato regolarmente per riviste scientifiche e in volumi miscellanei, anche in lingua inglese. Ha curato l’edizione critica degli scritti di Domenico Guaccero e pubblicazioni monografiche su Paolo Renosto e Francesco Pennisi. È stato responsabile di unità di un Progetto di Ricerca d’Interesse Nazionale dedicato alla realizzazione informatica di cataloghi delle opere di Evangelisti e Guaccero. È stato direttore artistico della Società Aquilana dei Concerti ‘Barattelli’.

Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Musica

Janis Joplin, cinque tracce dell’icona rock che hanno segnato un’epoca

Una breve carriera, stroncata a 27 anni ma caratterizzata da una voce graffiante, arrabbiata, travolgente e piena di tutta l’anima del blues rock

Luigi Macera Mascitelli

Published

on

Gli anni ’60: un periodo di grandi trasformazioni politiche, economiche e generazionali. L’epoca dei Beatles, di Jimi Hendrix, di Jim Morrison e dei The Doors, della rivoluzione hippie… Il grande dito medio in faccia ad una società fin troppo bigotta e borghese, con tutti i suoi schemi prestabiliti e confezionati. Un calderone in cui forze contrastanti diedero vita ad un’epoca in cui la musica divenne portavoce della nuova generazione. É in questo contesto che vide la luce la voce del soul e del blues rock: Janis Joplin.

Nata in quel lontano 19 gennaio 1943 e cresciuta ribelle sin da quando era in fasce. Destinata ad essere parte integrante di quel turbolento periodo. Soprattutto per essere stata una delle poche nel mondo della musica ad aver mandato a quel paese lo stereotipo femminile dell’epoca che vedeva la donna subordinata e relegata in casa ad accudire i figli. Ecco, il dito medio di cui parlavo prima.

Una breve carriera, stroncata a 27 anni ma caratterizzata da una voce graffiante, arrabbiata, travolgente e piena di tutta l’anima del blues rock. Oggi Janis Joplin avrebbe spento 78 candeline e per ricordarla non potevamo non riproporre una lista delle 5 tracce che l’hanno marchiata a fuoco nella storia della musica. Ovviamente senza ordine di importanza e a carattere soggettivo. Buona lettura e buon ascolto!

Maybe (1969)

Tratta da I Got Dem Ol’ Kozmic Blues Again Mama!, il primo album solista della Joplin. Una delle migliori performance canore nella quale la voce dall’artista si scioglie all’interno della melodia, per poi graffiare e di nuovo mescolarsi. La traccia è un continuo ossimoro in cui il blues e il soul si incontrano, mentre le orchestrazioni jazz in sottofondo regalano un mood vibrante e profondo.

Me and Bobby McGee (1970)

Inizialmente scritta dal cantante country Kris Kristofferson ed intitolata Me and Bobbie McGee, poiché dedicata ad una donna. La Joplin la incise nuovamente nel 1970, pochi giorni prima della morte, cambiando il nome in Bobby e riadattando alcune parti del testo. La traccia venne poi inserita in Pearl, l’ultimo album della cantante, pubblicato postumo nel 1971. Il brano scalò le classifiche americane e mondiali, e mostrò una Janis in versione country pressoché sbalorditiva, al pari di Johnny Cash.

Cry Baby (1970)

Anch’essa estratta dall’album Pearl. Il brano racconta del dolore di una donna lasciata dal suo uomo, di cui lei è ancora follemente innamorata. La Joplin interpreta questo sentimento con un pathos senza eguali, quasi urlando dalla disperazione, per poi chiudersi in quello che sembra un pianto. La bellezza struggente del testo si fonde con una performance da brividi che fa scendere le lacrime. Inutile dire che questa sia una delle migliori prove canore mai affrontate dall’artista.

Summertime (1968)

Il brano venne scritto nel 1935 da George Gershwin. Esistono diverse cover famosissime dello stesso, tra cui quella della Joplin. La registrò quando ella ancora militava nei Big Brother & The Holding Company e subito divenne un simbolo della scena hippie. Janis si ispirò quasi sicuramente alla versione del 1936 di Billie Holiday, storica cantante jazz e blues. In questa ninna nanna la Joplin è sensuale, dolce ma allo stesso tempo fedele al suo mood irriverente, rabbioso e ruvido.

Piece Of My Heart (1968)

Quando pensiamo a Janis Joplin, automaticamente Piece Of My Heart è il primo brano che viene in mente. In questa versione rock c’è tutta l’anima ribelle e sfrontata dell’artista. Un solo ascolto basta per capire come mai sia divenuta una voce leggendaria. Qui è lei la vera protagonista, a tal punto che la sua performance canora rese immortale ed unico il blues rock dei Big Brother. Non è un caso che l’album Cheap Thrills occupò il primo posto nella classifica americana dei più venduti dell’anno. Un vero e proprio fuoco che brucia di passione, ribellione e libertà.

Continue Reading

Musica

Waiting on a War, il brano dei Foo Fighters per guardare oltre la paura

Redazione

Published

on

Sulla scia di No Son of Mine, i Foo Fighters aggiungono un altro tassello di “Medicine at Midnight” , con il nuovo singolo Waiting on a War, già disponibile in digitale e da venerdì 22 gennaio in rotazione radiofonica.

Il nuovo album “Medicine At Midnight”,  in pre-order qui uscirà il prossimo 5 febbraio in diverse versioni: digitale, CD e vinile.

Prodotto da Greg Kurstin e dai Foo Fighters, registrato da Darrell Thorp e mixato da Mark “Spike” Stent, “Medicine At Midnight” racchiude in 37 minuti 9 tracce.

Si tratta del decimo disco della band che quest’anno ha festeggiato 25 anni di carriera costellata da dozzine di Grammy, numerosi premi, riconoscimenti e concerti in tutto il mondo. 

In netto contrasto con la dichiarazione «final f*ck you to 2020» che accompagnava “No Son of Mine”, “Waiting on a War” è invece una maestosa opera melodica con un crescendo continuo che esplode nel finale.

Dave Grohl ha raccontato il personale aneddoto che l’ha ispirato per la canzone

“Da bambino, cresciuto nei sobborghi della capitale Washington, ho sempre avuto paura della guerra. Avevo incubi di missili nel cielo e di soldati nel cortile. Incubi molto probabilmente provocati dal clima di tensione politica dei primi anni Ottanta, così come dal fatto che vivevo a due passi dal Campidoglio. Ho passato la giovinezza sotto la nuovola oscura di un futuro senza speranza – commenta Grohl – Lo scorso autunno, mentre l’accompagnavo a scuola, mia figlia di 11 anni si è girata verso di me e mi ha chiesto: “Papà, ci sarà una guerra?” Mi si è stretto il cuore mentre guardavo i suoi occhi innocenti. Di fatto, mi sono reso conto che lei ora sta vivendo sotto quella stessa nuvola di un futuro senza speranza. La stessa mia percezione di 40 anni fa.”

Proprio quel giorno ho scritto “Waiting On a War”. Ogni giorno ti aspetti che il cielo cada. Cosa c’è di più di questo? Cosa c’è oltre questa attesa? Ho bisogno di guardare oltre. Tutti ne abbiamo bisogno. Ho scritto questa canzone per mia figlia Harper che merita un futuro, proprio come ogni bambino.”

Tracklist “Medicine At Midnight”

  1. Making a Fire
  2. Shame Shame
  3. Cloudspotter
  4. Waiting on a War
  5. Medicine at Midnight
  6. No Son of Mine
  7. Holding Poison
  8. Chasing Birds
  9. Love Dies Young

Leggi anche:

Continue Reading

Attualità

Jon Schaffer in stato di fermo dopo l’assedio al Campidoglio

Redazione

Published

on

Alla fine è successo: il chitarrista degli Iced Earth, Jon Schaffer si è costituito ieri alle autorità federali e al momento è in stato di fermo. Era ricercato dall’Fbi per aver partecipato all’assalto al Campidoglio del 6 gennaio 2021. Su di lui pendono ben 6 capi di accusa. Lo rende noto WishTv.

Al momento delle proteste, Schaffer è stato fotografato con un cappellino degli Oath Keepers, un’organizzazione anti-governativa di estrema destra composta da decine di migliaia di persone tra membri attuali o veterani delle forze armate, che si autodefiniscono come “difensori della Costituzione degli Stati Uniti” e rifiutano di rispondere agli ordini se da loro considerati in violazione della stessa.

Non è comunque la prima volta che il leader degli Iced Earth ha partecipato ad una manifestazione pro Trump. Già il 15 novembre in una sfilata il vocalist avrebbe rilasciato pesanti dichiarazioni alla giornalista del Die Welt Carolina Drüten (link qui per maggiori info).

L’immagine di Jon Schaffer ha creato molto scalpore all’interno della community metal mondiale. Molti sono i fan che hanno manifestato il loro sdegno sul profilo Instagram dell’artista.

Continue Reading

In evidenza