Rey Willy si racconta: “Drop Top è il dialogo interno tra la mia persona e il mio alter ego”

Rey Willy, all’anagrafe Guglielmo Mattafirri , classe 2000, è un giovane artista toscano. Figlio d’arte, cresce con l’ascolto della chitarra paterna fin dai primi mesi di vita con uno stile blues, fusion, rock. Inizia a suonare batteria e chitarra fin da piccolo e successivamente si appassiona al mondo rap facendo beatbox e freestyle. Tra le numerose tracce da lui composte, una soprattutto spicca, Drop Top, uscita lo scorso 16 aprile su tutte le piattaforme. Un brano che, come spiegato dallo stesso Rey Willy, nasce da un senso di insoddisfazione: insicurezza e malessere legati al quotidiano, a quel vortice di monotonia. Per l’occasione abbiamo scambiato con l’artista qualche parola, cercando di esplorare insieme la sua musica e i temi da lui trattati. Ecco a voi la nostra intervista a Rey Willy. Buona lettura!

Leggi anche: “Fedez ne ha per tutti, bordate sulla Lega e su Draghi: dal ddl Zan al tentativo di censura Rai

MyZona

1. Ciao Rey e benvenuto su The Walk Of Fame Magazine. Il 16 aprile è uscito Drop Top, il tuo nuovo singolo. Puoi dirci di più in merito? Come ti è nata l’idea di questa nuova traccia?

Drop Top nasce dall’idea di rappresentare il dialogo interno tra Guglielmo e Rey Willy, tra la mia persona giornaliera che affronta la routine quotidiana e poi Rey Willy, il mio alter ego interiore che esamina con cura tutti i miei pensieri dandogli un giusto suono. Drop Top è un punto di arrivo, un traguardo ma allo stesso tempo un punto di partenza per ogni volta che si deve raggiungere un obbiettivo.

2. Il brano nasce da un senso di insoddisfazione personale, quasi un’angoscia. Che cosa in particolare crea in te questo malessere?

Nasce dal mio carattere. Sono una persona che non si accontenta facilmente mai di nulla. Questo è un grosso vantaggio che mi spinge a cercare sempre la perfezione e a migliorare costantemente in tutto. Ma allo stesso tempo è anche uno svantaggio perché non mi dà il tempo di godermi ciò che ho e soprattutto apprezzarlo. Spero un giorno di riuscire a equiparare questi opposti.

3. Possiamo dire che Drop Top sia una sorta di via di fuga o comunque uno sfogo per dare forma alle tue paure?

Si certamente, è proprio il riconoscere le nostre paure, debolezze e incertezze a darci poi la spinta a migliorarci. Io le canto le mie paure: possiamo dire che mi metto a nudo. Quando lo faccio mi sento meglio con me stesso quindi continuerò finché ne avrò voglia e bisogno.

4. La pandemia ha in qualche modo influito sui tuoi stati d’animo e sulla tua musica in generale?

La pandemia ha influenzato tantissimo i miei stati d’animo e la mia musica. Ma nonostante questo, suonando un genere musicale molto mentale e particolare, sono riuscito a isolarmi in questi mesi in studio. È stato molto triste, lo ammetto, ma contemporaneamente una valvola di sfogo per la mia musica che mi ha portato a concentrarmi su ciò che faccio e su tematiche a me care.

5. Quali sono le tue maggiori influenze musicali? C’è qualche artista o magari un genere in particolare a cui ti rifai?

Le mie influenzi musicali principali sono essenzialmente l’hip hop e la trap ma anche il rock leggero. Non mi ispiro però a nessun artista in particolare, mi piace spaziare tra molti generi musicali e non ne sento uno mio in particolare. Sento la possibilità di poter decidere quale genere musicale adottare in base al messaggio che voglio veicolare e al beat che mi ispira in un determinato periodo o situazione.

6. Hai intenzione di pubblicare un album completo nell’immediato futuro?

Certo che si, ci sono un sacco di brani ancora inediti che non vedo l’ora di far uscire e spero prossimamente di uscire con EP o con un progetto ancora più grosso.

Leggi anche: ““Greenlights”: una lettera d’amore alla vita di Matthew McConaughey

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli