Ray Gelato: nuovo album e tour per il padrino dello swing

C’è un artista che continua a portare avanti con caparbietà e ottimismo la divertente tradizione di intrattenere il pubblico con uno spettacolo fatto di grande musica e interpretazioni di personaggi del calibro di Cab Calloway, Louis Prima, ‘Fats’ Waller. Il suo nome è Ray Gelato, e si unisce ai leggendari predecessori portando le sue sonorità travolgenti in giro per i palchi del mondo. Con un nuovo album registrato durante il lockdown dal titolo Locked Down But Not Out, diamo il benvenuto al ritorno di Ray Gelato in Italia.

Accompagnato dalla sua band The Giants, Ray è oggi considerato “uno degli ultimi grandi intrattenitori jazz!”. Il pubblico e gli ascoltatori di tutto il mondo non vedono l’ora di ascoltare Ray e la sua band scorrere una selezione di brani, dai classici swing di Prima e Butera alle composizioni originali di Ray, che sono meritevolmente diventate le più richieste durante i suoi show.

MyZona

La carriera quasi trentennale di Ray può contare su innumerevoli album  pubblicazioni e tour mondiali, una serie di premi e nominations incluso il Ronnie Scott’s Best Male, BBC Jazz Artist Of The Year, più una nomination per i BBC Radio 2 Jazz Artist Of The Year nel 2006.

Con concerti in tutto il mondo, è stato personalmente invitato a esibirsi per Sua Maestà la Regina, ha aperto il concerto di Robbie Williams alla Royal Albert Hall, senza menzionare le apparizioni private per personalità come Richard Branson, Elle McPherson e un invito personale da parte di Paul McCartney per esibirsi al suo matrimonio. Tra le altre performances è il caso di citare quelle con la BBC Symphony Orchestra live a Hyde Park, The Proms, e uno spettacolo superbo accompagnato da un’orchestra di 35 elementi al fianco di Katie Melua e Will Young per il BBC VE Day Concert a Trafalgar Square. 

Leggi anche: Per una due giorni di musica, cinema e collezionismo, torna il Music Day Roma

Leggi anche: Ray Gelato & The Giants: intervista al padrino dello swing

Leggi anche: Quando il doo wop scatenava i teenager americani: storia di un ballo che ha reso immortali gli anni ’50

Da leggere anche

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli