Connect with us

Teatro

Prosegue con successo il tour teatrale di Enrico Brigano: aggiunte 15 date

Antonella Valente

Published

on

Grande successo per lo spettacolo teatrale “Un’ora sola vi vorrei”, prodotto e distribuito da Vivo Concerti. Il nuovo one-man show di Enrico Brigano aggiunge quindici nuove repliche al Teatro Brancaccio di Roma e un’imperdibile data all’Arena di Verona prevista per sabato 9 maggio 2020.

Si parte a dicembre da Pescara (Palasport Giovanni Paolo II), per poi arrivare a Cesena (Carispost), Ancona (Palaprometeo), Genova (Teatro Carlo Felice), Bolzano (PalaResia), Roma (Teatro Brancaccio), Pesaro (Vitrifrigo), Montecatini (Teatro Verdi), Bassano del Grappa (Palabassano2), Bologna (Europa Auditorium), Firenze (Teatro Verdi), Bari (Teatro Team), Torino (Teatro Alfieri), Verona (Arena di Verona), Sanremo (Teatro Ariston) e concludere a Milano (Teatro degli Arcimboldi).

Dopo i sold out di “Innamorato Perso”, che ha fatto ridere ed emozionare il pubblico italiano dei palazzetti, l’artista torna in scena con questo nuovo e imperdibile show che sfida e rincorre il tempo.

CURIOSITÀ SULLO SPETTACOLO

“Ruit hora”, dicevano i latini. “Il tempo fugge”, facciamo eco noi oggi. Che poi, che c’avrà da fare il tempo, con tutta questa fretta? E come mai, se il tempo va così veloce, quando stiamo al semaforo non passa mai?

“L’attesa del piacere è essa stessa piacere”, sosteneva Oscar Wilde. In effetti, Oscar ha ragione. Perché quando sei sotto al sole alla fermata dell’autobus, ti fanno male i piedi, non ci sono panchine, è ora di pranzo e non hai neanche un pacchetto di crackers… e tornare a casa sarebbe essa stessa un piacere… lì l’attesa del piacere… per piacere… si capisce che è un piacere, no? Mi sa che le teorie di Oscar Wilde vanno un po’ riviste…

A spasso nel suo passato, tra ricordi e nuove proposte che rappresentano un ponte gettato sul futuro, Enrico passeggia sulla linea tratteggiata del nostro presente, saltella tra i minuti, prova a racchiudere il fiume di parole che ha in serbo per il suo pubblico e a concentrarle il più possibile, in un’ora e mezza di spettacolo. Sì, un’ora e mezza. Ma il titolo dice “un’ora sola”.

E la mezz’ora accademica non ce la mettiamo? E poi c’è il condizionale “vi vorrei”, che indica un desiderio non una realtà. O magari Brignano riuscirà magicamente, insieme al suo pubblico, a fermare anche il tempo?

Laureata in Giurisprudenza e Giornalista Pubblicista dal 2018, ama il teatro, il cinema, l'arte e la musica. Appassionata di recitazione, si diletta a salire su un palco di tanto in tanto. In altre sedi, anche Avvocato.

Teatro

Il teatro Vascello sposta i suoi migliori spettacoli online. Come vederli gratuitamente

redazione

Published

on

Le stagioni teatrali sono ormai saltate. Dubbi restano sullo sviluppo di quelle inerenti alla prossima stagione. Certezze non ve ne sono e così il Teatro Vascello di Roma ha scelto di mettere a disposizione – gratuitamente – alcuni tra i più interessanti spettacoli che abbiano mai calcato il palcoscenico capitolino

Le stagioni teatrali sono ormai saltate. Dubbi restano sullo sviluppo di quelle inerenti alla prossima stagione. Certezze non ve ne sono e così il teatro Vascello di Roma ha scelto di mettere a disposizione – gratis – alcune tra i suoi spettacoli più interessanti ad aver calcato il palcoscenico capitolino. Ecco quanto scritto dalla direzione artistica firmata da Manuela Kustermann.

“Cari amici e cari abbonati, la nostra bella stagione, da un titolo inaspettatamente profetico “Mai più soli”, si è interrotta in maniera del tutto imprevedibile. In attesa di rincontrarci tutti a settembre abbiamo deciso per questa lunga estate di selezionare per voi alcuni video di spettacoli del nostro repertorio”.

“Questi spettacoli saranno visionabili sul nostro portale internet gratuitamente al link https://www.teatrovascello.it/ “

“Al Gabbiano di Cechov già visionabile da aprile abbiamo inserito per il momento altri 5 titoli: La locandiera nella versione del 2006, A come Alice del 1998, Loretta Strong del 2004, Don Giovanni del 2012 e Moravia del 2007, durante l’estate saranno via via inseriti altri titoli, tutti spettacoli del nostro grande repertorio produttivo di questi ultimi 30 anni di teatro”.

“Con l’augurio di potervi rivedere presto nel nostro bel teatro vi salutiamo e ringraziamo per tutta la vostra comprensione”.

Continue Reading

Entertainment

Addio a John Peter Sloan, l’insegnante di inglese più divertente e famoso in Italia

Fabio Iuliano

Published

on

Addio a John Peter Sloan, l’insegnante d’inglese più famoso nella Penisola, grazie al suo rapporto con i media e i social. La notizia della morte improvvisa si è diffusa molto velocemente nell’ambiente teatrale meneghino, dov’era molto ben voluto dai colleghi.

A Milano arrivò nel 1990 per fare una serie di concerti con il suo gruppo rock di allora, e in zona Loreto aprì la sua prima scuola nel 2011. Prima di espandersi a Roma e Menfi, in provincia d’Agrigento, dove viveva da alcuni anni insieme alla sua compagna e dove, oltre a insegnare, con una fondazione si occupava di cani randagi. Per un certo tempo è stato anche volto di Zelig. L’ultimo post su Facebook è del 22 maggio e ironizza proprio sulla Sicilia.

Qui uno dei suoi sketch più divertenti.

Continue Reading

Teatro

Cristicchi e l’omaggio a Celestino V, primo spettacolo aperto al pubblico della fase 2 – la diretta

Fabio Iuliano

Published

on

Va in scena all’Aquila il primo evento culturale pubblico che si svolgerà in Italia ai tempi del coronavirus: Simone Cristicchi e il violinista Alessandro Quarta rendono omaggio al Papa Santo Celestino V il 19 maggio, giorno in cui si celebra la ricorrenza dei 724 anni della sua scomparsa, con “Ho sognato Celestino”, testo di Cristicchi in una cerimonia nella Basilica di Santa Maria di Collemaggio dell’Aquila.

Per Pierangelo Buttafuoco, presidente del Teatro Stabile, è “una cerimonia che è in linea con il sentimento religioso radicato nella città dell’Aquila e con la quale finalmente torniamo ad alzare un sipario, quello della stagione estiva che sta per iniziare, nella quale il Tsa sarà presente e, nel rispetto di tutte le prescrizioni in materia di sicurezza sanitaria, offrirà una programmazione che avrà lo scopo di valorizzarne l’identità.

La città ha saputo dare un grande esempio al mondo intero. A tutta la struttura del Tsa, dal consiglio di amministrazione, al direttore, agli addetti, agli artisti, va il mio più profondo ringraziamento per il lavoro straordinario che stanno mettendo in atto”.

LA DIRETTA

Continue Reading

In evidenza