Prima volta in Brasile: a ottobre Rockin’1000 São Paulo

Imagens da Cidade de São Paulo e Zoológico da Capital Paulista. Local: São Paulo/SP. Data: 27/03/2019. Foto: Governo do Estado de São Paulo

Per la prima volta a San Paolo, Rockin’1000 – la più grande rock band del mondo, conosciuta per il video virale che ha portato i Foo Fighters a Cesena, in collaborazione con Fever, la principale piattaforma globale di scoperta di intrattenimento dal vivo e creatore di Candlelightannunciano Rockin’1000 São Paulo: il concerto con 1000 musicisti in programma sabato 1 ottobre 2022 allo Stadio Allianz Parque di San Paolo in Brasile. Rinviato, invece, a data da destinarsi l’appuntamento con la selezione “Power 100” in programma a settembre a Ginevra, abbinato a una raccolta fondi in favore delle popolazioni ucraine.

Per Rockin’1000 São Paulo – la prima tappa di Rockin’1000 in Sudamerica, sono previsti 250 batteristi, 350 chitarristi, 150 basisti e 250 cantanti  che suoneranno simultaneamente grandi classici della musica Rock internazionale e brasiliana.

“Il Brasile ha da sempre un’anima Rock ed una forte inclinazione alla musica suonata; è probabilmente questo il motivo per cui fin dalla nostra nascita abbiamo ricevuto tantissime manifestazioni di stima e tanti inviti a suonare in questo paese”, dichiara Fabio Zaffagnini – fondatore di Rockin’1000 – “Abbiamo atteso anni prima di attraversare l’Atlantico, avevamo bisogno di trovare il partner giusto e crediamo che Fever sia ideale per affermarsi sempre più come band globale. In un mondo che pare voler alimentare divisioni e tracciare confini, sentiamo sempre più nostra la missione di riunire persone, a modo nostro, attraverso la musica, attraverso il Rock.”

Per i musicisti, le candidature sono aperte sul sito www.rockin1000.com e il reclutamento è aperto a tutti i musicisti del mondo già iscritti alla piattaforma e ai nuovi musicisti che arriveranno dal territorio brasiliano. Rockin’1000 cerca chitarristi, bassisti, batteristi e cantanti di ogni età e provenienza e li invita a candidarsi per vivere un’opportunità unica: suonare davanti al pubblico paulista.

Per tutti coloro che vogliono assistere allo spettacolo, con un repertorio di cover straordinarie suonate da mille musicisti contemporaneamente che costruiscono un viaggio senza tempo dentro la Storia del Rock,  Rockin’1000 São Paulo promette di essere un importante evento rock.

Rockin’1000 – la più grande Rock Band al mondo è un progetto nato con l’obiettivo di invitare i Foo Fighters a Cesena, in Italia. Grazie a Learn to Fly – un video virale che oggi conta oltre 60 milioni di visualizzazioni – oggi la band ha imparato a volare esibendosi negli stadi di tutto il mondo con concerti in cui suonano 1000 musicisti all’unisono. La Community, oggi composta da oltre 30.000 musicisti, vive  un’esperienza unica mentre gli spettatori assistono a uno show coinvolgente, che lascia il segno. Il progetto ha all’attivo un album, un film e diversi concerti ed eventi speciali in Italia, Francia, Germania, USA, Corea, veicolando un messaggio di inclusione e condivisione.

Fever, creatori di Candlelight (concerti a lume di candela eseguiti da musicisti dal vivo in luoghi iconici) è la principale piattaforma globale per la scoperta dell’intrattenimento dal vivo, che aiuta milioni di persone ogni settimana a scoprire le migliori esperienze nelle loro città, con la missione di democratizzare l’accesso alla cultura e all’intrattenimento nella vita reale. Attraverso la sua piattaforma, Fever ispira gli utenti a vivere esperienze ed eventi locali unici, da mostre coinvolgenti, esperienze teatrali interattive, festival, cocktail pop-up molecolari e, nel mentre, consente ai creators di ottenere dati e tecnologie utili a creare ed esportare queste esperienze in tutto il mondo.

Biglietti su: https://tinyurl.com/SaoPauloR1000

Candidature musicisti: https://tinyurl.com/recruiting1000brazil

Articolo precedenteL’intervista a Patrizia Palombi: vi parlo del mio amore per Roma e della mia passione per la letteratura
Articolo successivo“I Papi e Celestino V” , il nuovo libro di Angelo De Nicola
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.