Pinewood, Gazzelle completa la line up della rassegna indie in scena all’Aquila

Chiusura in stile per il Pinewood che, confermando la line up annunciata nelle scorse settimane, nella kermesse che va dall’8 al 12 settembre, annuncia la presenza di Gazzelle, pseudonimo di Flavio Bruno Pardini. Il cantautore romano che ha inaugurato il tour estivo da Cattolica, presenterà sui palchi il suo ultimo lavoro in studio “Ok”.

Forte di milioni di ascolti, Gazzelle ha già registrato il sold out per la data di esordio, così come per il doppio appuntamento di Catania (15 e 23 settembre). In queste ore, l’annuncio del Pinewood nella rassegna in programma alla Reiss Romoli dell’Aquila, con Francesca Michielin e Margherita Vicario (mercoledì 8), Fulminacci e Ariete (giovedì 9), Willie Peyote e  Bnkr44 (venerdì 10), Frah Quintale e Tutti Fenomeni prima della serata finale che vedrà Aiello e Vipra.

MyZona

Gazzelle ha conquistato la scena musicale italiana con il suo sexy pop, ben radicato nella contemporaneità ma figlio legittimo della tradizione cantautorale italiana. Colleziona successi discografici uno dopo l’altro: oltre agli album “Punk” certificato platino, “Megasuperbattito” e “Ok” certificati oro, ha ottenuto il triplo platino per “Destri”, il platino per “Scintille”, “Non sei tu”, “Una canzone che non so”, “Vita Paranoia”, “Polynesia” e “Sopra” e il disco d’oro per “Scusa”, “Coltellata”, “Coprimi le spalle”, “Settembre”, “Ora che ti guardo bene”, “Punk” (brano), “Sayonara”, “Nero”, “Meglio così”, “Quella te”, “Nmrpm”, “Tutta la vita”,  “Sbatti”, e “Lacri-ma”.  

Info su www.pinewoodfestival.eu

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli