Pinewood 2022, il Festival ritorna all’Aquila a metà luglio

Dopo il successo della scorsa edizione di settembre 2021 – che ha visto un grande pubblico partecipare con entusiasmo ai concerti dei più interessanti autori della nuova scena musicale italiana – Pinewood Festival torna per la sua quarta edizione dal 15 al 17 luglio 2022 con tre giorni di musica dal vivo all’Aquila. In collaborazione con Vivo Concerti, il Pinewood si riconferma come uno degli eventi musicali più importanti del centro Italia.

Nato tre anni fa, il Pinewood Festival vuole proporre finalmente qualcosa di nuovo e fresco in una realtà socio-urbana che negli ultimi anni, dopo il terremoto, ha avuto non pochi problemi a ripartire. Per questo il Pinewood si propone come un festival a misura d’uomo, con più palchi ma senza sovrapposizione fra le numerose esibizioni, e che permette di stare a stretto contatto con gli artisti senza dover perdere neanche un minuto dei live. 

Dal 10 dicembre si potrà acquistare su pinewoodfestival.eu un Abbonamento Early Bird Christmas Box, una box esclusiva in versione limitata contenente alcuni gadget che portano il marchio del Pinewood Festival. Per tutte le info di biglietteria: www.pinewoodfestival.eu   

INFORMAZIONI SUL PINEWOOD FESTIVAL

Pinewood festival è un festival musicale italiano nato nel 2018 e prodotto da Nutwork srl. Prende vita da un’idea giovane e ambiziosa, divenendo presto uno degli eventi di riferimento nazionale per tutti gli appassionati della nuova scena musicale italiana.

Nel corso delle passate edizioni e spin-off ha ospitato un notevole numero di artisti, tra i quali nomi del calibro di: Gazzelle, Frah Quintale, Willie Payote, Francesca Michielin, Pinguini Tattici Nucleari, Franco 126, Ariete, Massimo Pericolo, Coma_Cose, Canova, Psicologi, Fulminacci,Margherita Vicario, Myss Keta, Fast Animals and Slow Kids, Giorgio Poi, Pop X, Nu Guinea, Speranza, Night Skinny.

Articolo precedenteSulmona e Roma unite dal Teatro Maria Caniglia
Articolo successivoL’Estasi di Santa Teresa, il capolavoro di Gian Lorenzo Bernini
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.