Connect with us

Libri

Ohio – il primo romanzo di Stephen Markley: “Quattro voci per raccontare il midwest”

Published

on

«Un romanzo epico che racconta con rispetto e compassione vite danneggiate e ostacolate. Perché è proprio dalla dimensione umana che dobbiamo partire per comprendere il mondo in cui viviamo». Con queste parole il New York Times definisce Ohio, il primo romanzo dello scrittore statunitense Stephen Markley, edito in Italia da Enaudi.

La storia narrata da Markley è ambientata a New Canaan, città immaginaria dell’Ohio che, proprio come Springfield nei Simpson, vuole dare al contesto un valore universale. Attraverso quattro narrazioni, rispettivamente di quattro ragazzi ed ex compagni di liceo, si verrà catapultati in una storia interconnessa. Un thriller che, come dichiarato dall’autore:

MyZona

«vuole ripercorrere e approfondire una regione, l’Ohio, così difficile. Attraverso l’incrocio e la connessione delle storie dei 4 ragazzi capiamo meglio il luogo e gli eventi. Avevo bisogno di una città inventata per rappresentare e caratterizzare gli aspetti più importanti degli USA. Nella città post industriale girano droghe e ci sono abusi. Tutti elementi riconoscibili che, però, puntualizzano una cruda realtà»

L’intento di Markley è anche quello di sensibilizzare e raccontare quali sono i contraccolpi della guerra e della cultura legata ad essa. Ne sono un esempio i costanti rimandi all’attentato alle torri gemelle -di cui quest’anno ricorre il ventennio-. Attraverso la narrativa americana l’autore sfocia nel thriller, mettendo a nudo la società statunitense. Il tutto visto tramite un intreccio di quattro linee narrative, separate nella trattazione, ma indissolubilmente legate all’interno degli eventi.

«Le ramificazioni della guerra sono ancora ben presenti nella nostra società, anche se i media non gli danno più un peso così importante come in passato. Da un mio punto di vista un grande fallimento è stato sicuramente l’intervento in Iraq. Ancora oggi stiamo tutti pagando le conseguenze di quell’operazione militare. Con il mio romanzo ho parlato degli effetti collaterali della guerra sulla persona ed a livello sociale»

La cosiddetta Grande Recessione è il fulcro attorno al quale si dirama la tentacolare narrazione di Ohio. La disoccupazione, la dipendenza, il terrorismo, la sessualità, la religione e il sesso sono tutti elementi con cui la società americana deve fare i conti. Ma non solo gli USA. Markley, che ha studiato anche in Italia, vuole offrirci una finestra dalla quale è possibile dare uno sguardo all’era moderna. New Canaan è semplicemente il pretesto per dare vita ad una denuncia del tradimento dei governi nei confronti dei popoli. Due facce della stessa medaglia che, insieme, mostrano una società solo in apparenza funzionante.

«C’è un aspetto molto importante da tenere in considerazione per uno scrittore, ossia la capacità di un romanzo di essere universale. E ciò indipendentemente dalla nazionalità del lettore o dall’ambientazione. Mi auguro che i lettori italiani abbiano avuto modo di mettersi nei panni dei miei personaggi»

Libri

Addio ad Antonio Pennacchi, lo scrittore-operaio

Published

on

Antonio Pennacchi

Addio ad Antonio Pennacchi. Lo scrittore Premio Strega (ha vinto nel 2010 con Canale Mussolini) sarebbe stato stroncato da un infarto. L’ex operaio diventato scrittore di successo, che con i suoi romanzi ha fatto conoscere al grande pubblico l’impresa della bonifica dell’agro pontino, si è spento a Latina, all’età di 71 anni. Aveva lavorato all’Alcatel Cavi. Aveva alle spalle anche una carriera politica.

Foto di Aldo Ardetti di Wikipedia in italiano, CC BY-SA 3.0

MyZona

Continue Reading

Libri

I tesori delle sorelle Brontë: che l’asta abbia inizio

Published

on

Sotheby’s ha deciso: all’asta l’incredibile collezione di oltre 500 manoscritti da sempre sotto l’ala protettiva delle famose Emily, Charlotte e Anne Brontë.

Perché sì, le tre sorelle inglesi, celebri soprattutto per la creazione di pietre miliari della letteratura vittoriana come Cime tempestose e Agnes Grey, hanno lasciato al mondo un’eredità di estremo valore culturale.

MyZona

La loro stupefacente collezione di manoscritti, mantenuta nel tempo proprio grazie alle accortezze di queste tre grandi scrittrici, oggi rischia di perdersi. La casa d’asta Sotheby’s ha deciso di mettere all’asta il tutto, portando così a rischio l’unicità di questo patrimonio. Per fortuna che qualcuno si è mobilitato per interferire in tutto ciò.

Leggi anche: L’influenza di Cime tempestose

Con l’intenzione di salvaguardare il preziosissimo tesoro, il Brontë Parsonage Museum, ovvero il museo dedicato alla scrittura delle tre sorelle, e la Brontë Society stessa si sono rivolti al parlamento britannico, per evitare che privati possano compromettere l’integrità della collezione. 

A mettere i puntini sulle “i” è stata la Friend of the National Libraries, ossia l’associazione benefica nata per tutelare il capitale scritto e stampato della Gran Bretagna, la quale, con la sua influenza, è riuscita a stabilizzare un colosso come la Sotheby’s, che si è vista costretta almeno a rimandare l’asta.

Leggi anche: “A riveder le stelle”: a Bevagna il teatro va incontro al pubblico con Dante

Ma non è tutto, perché la suddetta associazione è anche in prima linea per poter acquistare lei stessa tutto ciò che racchiude la Honresfield Library (questo il nome dell’eredità di Emily, Charlotte e Anne). Ma entriamo nel dettaglio: cosa davvero racchiude il lascito di queste maestre della letteratura inglese ottocentesca?

La straordinaria raccolta di volumi include non solo libri stampati ma anche manoscritti, lettere e pagine di diario delle stesse sorelle Brontë: fiore all’occhiello c’è la prima edizione di Cime tempestose, con tanto di commenti scritti personalmente a mano dall’autrice, insieme ad alcuni testi di altri scrittori, amatissimi dalle Brontë, come Walter Scott, Thomas Bewick e Robert Burns.

Ma c’è qualcos’altro, qualcosa che spinge in molti a farsi avanti con la proposta della Sotheby’s, un dettaglio che per gli amanti della letteratura fa davvero la differenza. Il tutto racchiuso in un piccolo libricino, contenente ben 31 poesie scritte di pugno proprio da Emily Brontë. Un quaderno preziosissimo datato 1844, che non è solamente considerato introvabile, ma che segna anche l’inizio della carriera della grande scrittrice.

Più cupa, dai gusti ombrosi e segreti, Emily era l’unica delle tre sorelle che avrebbe potuto dar vita ad una storia potente come quella che vede Heathcliff e Catherine come protagonisti. Fu sua sorella maggiore Charlotte, “mamma” di Jane Eyre, a scoprire questo taccuino segreto, pieno di componimenti affatto pronti per la stampa e del tutto personali.

Le tre donne scrivevano da tempo, soprattutto per diletto. Insieme a loro anche il loro unico fratello, Branwell Brontë, e forse proprio grazie alla sua presenza misero su una vera e propria “setta letteraria”, composta da Currer, Ellis and Acton Bell (i tre pseudonimi maschili che vennero utilizzati per le prime edizioni dei romanzi Brontë, in risposta ai pregiudizi del tempo).

Leggi anche: “I Classici del Giallo della British Library” approdano in Italia

Vite piene, descritte e raccolte fra le pagine private di manoscritti, per il momento ancora accessibili a tutti, al pubblico. Ma le cose potrebbero presto cambiare, e rischieremmo così di veder quel patrimonio perso in case di privati dall’altra parte del mondo, senza poterle reperire e avere sottomano, come pagine strappate di un unico grande libro.

Qualora la raccolta fondi dovesse andare a buon fine, grazie alle cooperazioni tra le biblioteche inglesi, alle associazioni e al passaparola, si potrà finalmente tirare un sospiro di sollievo e potremmo tutti raggiungere Haworth, nello Yorkshire, per goderci a pieno il Brontë Parsonage Museum. La letteratura è libertà d’espressione, e tutti dovremmo poterne godere a pieno nel tempo.

Incrociamo le dita

Continue Reading

Libri

“Il restauratore di libri”: il nuovo libro di Massimo Zona

Dopo la saga noir sul detective Mauro Baveni, lo scrittore romano ci intriga con un giallo

Published

on

Dopo le molteplici avventure noir del detective Mauro Baveni, giunte ormai al sesto libro della saga, lo scrittore romano Massimo Zona si cimenta in un giallo. Il restauratore di libri (LFA Publisher) vi terrà col fiato sospeso dalla prima all’ultima pagina.

Giovanni è un restauratore di libri innamorato del proprio lavoro. La sua vita tranquilla e metodica viene, però, messa a soqquadro quando scopre, celata all’interno della copertina di un libro del XVI secolo, una pergamena in aramaico. Un testo così antico, vergato nella lingua di Gesù, non potrà che sollevare curiosità e insospettabili appetiti. Quanto questi siano pressanti, Giovanni lo scoprirà a sue spese, venendo trascinato dagli eventi in lungo e in largo, potendo contare solo sull’aiuto di Aisha, bibliotecaria siriana con un passato misterioso. Fughe e inseguimenti, scoperte sensazionali e antiche rivelazioni, passione per i libri e ricerca della verità sono il collante che terrà il lettore col fiato sospeso.

MyZona

Massimo Zona è nato a Roma da una professoressa di lettere e un ufficiale di marina. Nella capitale ha frequentato il liceo classico Virgilio e l’Università La Sapienza, dove nel 1972 si è laureato in Giurisprudenza. Vinto un concorso di commissario nella Polizia di Stato, vi rinunciò per entrare in una multinazionale petrolifera che gli permetterà di girare ItaliaEuropa e America. Vi ha lavorato come dirigente fino ai suoi 45 anni, quando si è licenziato per fondare un’agenzia commerciale di supporto all’attività delle multinazionali del petrolio, avviando un lavoro in proprio.

Oggi, nella sua azienda, lavorano tutti e tre i figli e la moglie dello scrittore, libero finalmente di dedicarsi totalmente a quel che più gli piace: scrivere. Attualmente in pensione, Massimo Zona risiede a Calvi Risorta, piccola cittadina dell’hinterland nord della provincia di Caserta.

Leggi anche: “Mormolice”: il Principe, il Lupo e la Rosa

Autore di poesie, sia in lingua che in vernacolo romanesco, di racconti brevi e di romanzi, dalla penna di Massimo Zona è nato il personaggio di Mauro Baveni, l’investigatore della terra dei fuochi, un personaggio controverso, ma decisamente accattivante, che dopo una vita spesa nei Servizi segreti, si è reinventato detective privato per non morire di noia e arrotondare la pensione. La sua etica elementare porterà Baveni sempre a scegliere, in maniera pragmatica, tra bene e male, tra amore e giustizia. E come sempre, senza tentennamenti di sorta. Le storie dell’investigatore privato Mauro Baveni hanno costituito una vera e propria saga, con l’uscita di ben sei libri.

Lo scrittore ha infatti dato alle stampe i romanzi noir Rosso teatro (2015) e La cantina di tufo (2017) con le Edizioni Italia, quindi Un amore comunque (2019), L’arciere di dio (2020), Il risveglio di Mauro (2020), Porto Rotondo, la notte dei gatti randagi (2021), tutti con LFA Publisher. Ha pubblicato inoltre il libro di racconti Sette piccole storie (Booksprint, 2015), Quella casa sulla roccia e altre piccole storie (La Ruota editore, 2017), che ha vinto il Premio Navarro 2018, la silloge di poesie e canzoni Discende il vento (Casa Editrice Piccola Ed. Italia, 2018) e Recita di Natale (Amazon Kindle, 2019), commedia musicale in tre atti e trenta canzoni. Massimo Zona è un talento multiforme: oltre che scrittore e poeta, infatti, è anche un fine cantautore.

Continue Reading

In evidenza