Connect with us

Teatro

Notre Dame de Paris torna a far sognare: aggiunte nuove date al tour italiano

Torna l’opera più famosa tratta dall’omonimo romanzo di Victor Hugo e con le musiche di Riccardo Cocciante e le liriche di Luc Plamondon

redazione

Published

on

Dopo aver appassionato più di 4 milioni di spettatori solo in Italia, “Notre Dame de Paris”, uno tra i più apprezzati spettacoli teatrali mai realizzati, tratto dall’omonimo romanzo di Victor Hugo, torna a far sognare con nuove imperdibili tappe. Alle date già annunciate, si aggiunge la replica di Trieste al Teatro Politeama Rossetti, il 3 febbraio e una nuova imperdibile tappa a Nichelino (TO) nel Stupinigi Sonic Park dal 3 al 5 luglio.

La tournée dello spettacolo più imponente mai realizzato in Europa, che vede la produzione di David e Clemente Zard e la collaborazione con Enzo Product Ltd, è partita a settembre e dopo i successi registrati a Pesaro, Verona, Milano, Bologna, Firenze, Napoli, Bar e Torino toccherà le città di Roma, Trieste, Genova, Eboli, Reggio Calabria, Catania, Ancona, Jesolo, ancora Milano e lo Stupinigi Sonic Park.

Un’ascesa incredibile che, soltanto nella stagione 2016, ha superato in Italia 1 milione di spettatori e affollato le 43 tappe, per un totale di 283 repliche a colpi di sold out, in 31 città. Nello stesso anno, Notre Dame de Paris è diventato un vero e proprio cult, ha fatto impennare le vendite dei biglietti teatrali, capitanando la classifica dei titoli e superando le presenze dei più grandi live della musica rock e pop, tanto da essere insignito del BigliettOne d’Oro TicketOne ai Rockol Awards 2016. Sempre nel 2016, la versione italiana continua a collezionare prestigiosi riconoscimenti e ottiene ben tre Premi agli IMA (Italian Musical Awards): Migliore Spettacolo Social, Migliori Musiche (Riccardo Cocciante) e Migliore Spettacolo Classico.

Solo in Italia, in 17 anni sono state visitate 47 città per un totale di 145 appuntamenti e 1.246 repliche complessive. Il musical, inoltre, è stato tradotto e adattato in 9 lingue diverse (francese, inglese, italiano, spagnolo, russo, coreano, fiammingo, polacco e kazako) e ha attraversato 23 Paesi in tutto il mondo con più di 5000 spettacoli, capaci di stupire e far sognare 13 milioni di spettatori internazionali.

Lo spettacolo racchiude un’alchimia unica e irripetibile, la firma inconfondibile di Riccardo Cocciante rende le musiche sublimi, regalando allo spettacolo un carattere europeo. Il magistrale adattamento di un romanzo emozionante, come quello scritto da Victor Hugo, ad opera di Luc Plamondon e di Pasquale Panella, diretto dal sapiente regista Gilles Maheu, si affianca alle coreografie e ai movimenti di scena ideati da Martino Müller. I costumi sono di Fred Sathal e le scene di Christian Ratz. Un team di artisti di primo livello che ha reso quest’opera un assoluto capolavoro.

Dietro a questi sorprendenti risultati, l’intuizione di David Zard, impresario e produttore visionario, che descrisse, nel 2017, lo spettacolo con queste parole: “Dopo 15 anni Notre Dame de Paris ha continuato a tenere la scena con un successo strepitoso, che non conosce paragoni. Questo progetto è entrato nel DNA degli italiani. Il nostro paese non aveva mai visto così tanti spettatori e repliche per un musical prima. “Notre Dame de Paris” non solo ha detenuto ogni record di pubblico in Italia, ma ha rivoluzionato la scena dello spettacolo nel nostro paese.”

“Notre Dame De Paris” debuttava nella sua versione originale francese il 16 settembre 1998, al Palais des Congrès di Parigi, dove fu subito trionfo. Quattro anni dopo, David Zard produceva la versione italiana con l’adattamento di Pasquale Panella. Il 14 marzo 2002, al Gran Teatro di Roma, costruito per l’occasione, si teneva la “prima” di quello che sarebbe stato l’opera dei record, un’emozione che, da allora, ha “contagiato” milioni di spettatori. Un successo travolgente che ha raggiunto non solo il pubblico di Francia e Italia, ma quello di tutto il mondo: Inghilterra, Svizzera, Russia, Canada, fino a Cina, Giappone, Corea del Sud, Libano, Turchia, insieme a decine di altri paesi, riscuotendo ovunque un numero di presenze senza precedenti.

Foto pagina ufficiale facebook

Teatro

Al Marconi di Roma va in scena Coppie felicemente infelici: feste di divorzio e humour piccante

Federico Falcone

Published

on

Torna al teatro Marconi la compagnia UAO Spettacoli. Dal 6 all’8 marzo in scena un esilarante vortice di emozioni con “Coppie felicemente infelici”. Una commedia “sui generis”  che vede protagonisti Federico Perrotta e Valentina Olla  sulle “montagne russe della vita di coppia, nella quale si prendono di mira le piccole insopportabili abitudini che minano l’amore. Un divertente mix delle umane fragilità firmato Claudio Insegno che strizza l’occhio a Tarantino e Scola. Una cena tra due coppie di amici diventa una “festa” di divorzio, occasione nella quale emergono le caratteristiche comiche e grottesche dei quattro protagonisti.

Dai fallimenti personali ai fallimenti della vita matrimoniale stessa, dalle valutazioni sbagliate agli errori concreti, ed ecco che questa analisi delle circostanze si trasforma nella nuova esilarante produzione di Uao Spettacoli.

Federico Perrotta e Valentina Olla consolidano il sodalizio artistico con Andrea Carli e Sabrina Pellegrino, alla quale affidano anche la scrittura del nuovo progetto. In scena anche Marco D’Angelo e Giulia Perini. Scene e costumi sono di Graziella Pera, il disegno luci di Marco Laudando.

La serata di “festeggiamenti “ per il divorzio si trasforma in un vero e proprio viaggio nel tempo per le due coppie di amici: vengono ripercorsi alcuni momenti delle loro storie d’amore, durante questo cammino si cerca di capire, se possibile, qual è stato il momento in cui tutto si è distrutto a tal punto da diventare una gioco al massacro anche nell’ incolpare il proprio partner delle presunte o reali mancanze ed esagerazioni, forse anche per trovare finalmente un punto di incontro, se esiste!

L’unica cosa che ne uscirà fuori sarà una serie di divertenti e grottesche situazioni, dove l’amore romantico sembra un parametro irraggiungibile, dove l’uomo e la donna si scontrano per non incontrarsi mai, dove la vita di coppia è sostenibile ma solo da single ed in “Coppie felicemente infelici” i quattro capiranno che ciò che l’amore ha unito, il matrimonio può separare. Cosa li salverà alla fine dei giochi? Una sana risata!

A parlare di questa produzione è lo stesso regista Claudio Insegno che spiega: “E’ divertente vedere come una coppia nasce, muore e poi rinasce in qualche maniera; si osserva la storia di una coppia vissuta nel divertimento totale anche con un po’ di amarezza alla fine poiché si cerca di capire cos’è che fa allontanare, in altri casi si capisce che forse è meglio stare da soli piuttosto che in coppia. Però il punto di vista è sempre divertente, quindi secondo me la cosa più bella in questo spettacolo è proprio la storia di queste due coppie che attraversano tante fasi, ma c’è sempre una speranza”.

Momenti altalenanti, dunque, discussioni, incomprensioni: la scena sarà dominata da fasi di una vita quotidiana la cui consequenzialità sarà alterata da colpi di scena.

Un tuffo, poi, nella parte tecnica che come racconta il regista colpisce proprio per l’esplosione di istanti: “Mi sono divertito tantissimo perché è stato bello raccontare nel tempo la storia di una coppia che va avanti, indietro, nel mezzo, alla fine, per poi tornare all’inizio, è come se allo spettatore consegnassimo un telecomando: in questo modo ha la possibilità di vedere cosa succede a seconda anche dei suoi gusti e distruggiamo un pò i canoni della linearità della storia.”

L’impeto delle emozioni è padrone indiscusso di una scena che si riempie anche del ricordo di tanti momenti vissuti infatti per Insegno “..è come mettere due coppie sulle montagne russe e vedere cosa succede, non si sa mai quand’è che si sale e quand’è che si scende quindi c’è sempre un momento di sorpresa: sono proprio delle montagne russe d’amore”.

Continue Reading

Teatro

Ridere per sopravvivere, la comicità di Gabriele Cirilli alla costante ricerca di nuove sfide

Ho sempre desiderato essere un artista a 360 gradi, esattamente come diceva il grande Gigi Proietti. Mi considero molto all’americana e ho sempre tratto ispirazione da mostri sacri come Steve Martin o Dan Aykroyd

Federico Falcone

Published

on

“Mi piace il palcoscenico, il rumore delle assi di legno che cigolano sotto i miei passi. Mi piace il momento in cui sto per entrare in scena in cui il panico si mescola con la scarica elettrica della sfida che sto per affrontare. Mi piace sentire a fine spettacolo ‘Che bello, mi sono divertito tantissimo. Ho riso per due ore‘”.

Gabriele Cirilli, comico e attore abruzzese amatissimo dal pubblico italiano di tutte le età, è in questi giorni in giro per l’Italia con lo spettacolo “Mi piace…di più” con il quale getta la maschera e svela apertamente le sue intenzioni e ambizioni: far ridere, il più possibile, il pubblico presente in sala.

La risata è la migliore medicina per i tempi che viviamo?

Come diceva Charlie Chaplin, “un giorno senza un sorriso è un giorno perso“. E se lo diceva lui, allora possiamo crederci. Nella nostra vita e nella nostra quotidianità ridere è fondamentale, anche perché è scientificamente provato che fa bene alla salute, dalla pressione arteriosa all’umore. E inoltre si, in un periodo come questo è sicuramente la migliore medicina possibile. Di disgrazie ne abbiamo tante e se non ci concediamo almeno due ore di tranquillità è finita.

Con riferimento allo spettacolo sono rimasto colpito da un particolare della descrizione che recita “ogni replica è un debutto”. E’ davvero così?

Come sostengono i più grandi, da Benigni a Proietti, è importante avere un canovaccio da seguire. Io ne ho uno, adoro averlo. Quest’anno ho costruito uno spettacolo che segue la scia di quello dell’anno scorso chiamato semplicemente “Mi piace”. Questa evoluzione, appunto, si chiama “Mi piace…di più”. Ogni sera abbiamo un pubblico diverso con il quale dialogare. E adoro adattarmi a esso. Ieri, a Torino, dal niente è nato uno sketch che ha coinvolto il pubblico presente in sala, in particolar modo una coppia di sposi. Tutto improvvisato, tutto molto bello. E’ uno one man show a tutti gli effetti, quando togli una quarta parete. Senza interazione col pubblico lo show sarebbe diverso e quindi, per farla breve, non sarebbe parte di quel canovaccio che ho elaborato.

Oltre ai punti cardine della tua comicità, da cosa trai spunto per evolvere lo show e portarlo tutte le sere in una dimensione diversa?

Nella vita c’è sempre qualcosa di nuovo da esplorare. Lo spettacolo, infatti, si adegua molto al posto dove mi trovo, tanto da concedermi spunti dalla giornata ivi trascorsa. Mi aspetto sempre cose nuove come, ad esempio, in Puglia, a Lecce, dove mi sono divertito a parlare del mare di Otranto. Cosa che, per ovvie ragioni, non posso fare quando vado a Torino o Verona. L’ispirazione arriva dal territorio, questo si. Voglio anticiparti una novità: l’anno prossimo porterò in scena uno spettacolo che avrà la regia di Arturo Brachetti e si chiamerà “Se rinasco non ci casco”. Ho sempre desiderato mettere sul piatto un qualcosa di diverso rispetto al mio trascorso e parlare delle cosiddette sliding doors.

Come è cambiata la tua comicità in questi anni?

Sono abbastanza pop, la mia comicità è costruita in maniera tale che funzioni in tutta Italia. Ci sono cose esilaranti in una regione che in un’altra, invece, magari non scalfiscono il pubblico. E’ un fatto di cultura e appartenenza. Ad esempio, se sto facendo un pezzo sul mare, magari funziona di più in posti dove il mare non c’è. E’ una cosa strana ma interessante e indicativa di come la reazione del pubblico possa essere imprevedibile. La comicità, per funzionare, deve possedere un certo grado di musicalità. Lo spettacolo comico deve essere una musica, se leggi bene lo spartito e fai una bella jam session lo spettacolo funziona, in caso contrario esce fuori un bruttissimo concerto.

E’ questa la chiave del tuo successo?

Ho sempre desiderato essere un artista a 360 gradi, esattamente come diceva il grande Gigi Proietti. Mi considero molto all’americana e ho sempre tratto ispirazione da mostri sacri come Steve Martin o Dan Aykroyd, artisti eclettici e, per questo, estremamente completi. Provo sempre a cimentarmi in diverse forme d’intrattenimento che possano reinventarmi. In Italia apprezzo tantissimo Lillo e Greg, conosciuti al tempo in cui erano Latte e i Suoi Derivati. Una sera, parlando con Claudio Cecchetto, siamo però arrivati alla conclusione che un certo tipo di comicità in Italia trova spesso delle difficoltà.

Quali possono essere le ragioni? Anche la stand up comedy, sempre più apprezzata dal pubblico internazionale, in Italia fatica ad attecchire…

E’ una bella domanda. Anche io mi sono chiesto perché la stand up comedy e la comedy central qui da noi non funzionino. In gran parte degli States è considerata la comicità per eccellenza ma in Italia non riesce a prendere piede. Credo sia un problema culturale. Se non la conosciamo bene – e non la conosciamo – non sappiamo come affrontarla, come creala e a chi rivolgerla. Ecco perché è complesso farla attecchire. Il pubblico l’apprezza, ma non la comprende fino in fondo. E’ difficile da spiegare. Eddie Murphy ha fatto cose fortissime, usando un linguaggio anche molto duro. In Italia ha portato spettacoli (ovviamente in inglese e quindi a esclusivo appannaggio di pochi) che non hanno avuto successo. Angelo Duro mi piace e sta riscuotendo molto successo. Si porta il suo pubblico ma sta andando bene con la sua stand up comedy.

E’ un problema di moralismo?

Sicuramente anche questo fattore contribuisce in negativo. La stand up comedy è dura e aggressiva per definizione. Vengono dette cose che tutti pensano ma che nessuno ha il coraggio di dire. Quindi spaventano e scatenano reazioni contrastanti.

Credi che in questi anni sia cambiato l’approccio italiano alla comicità??

La comicità non cambia mai, semmai muta il modo di affrontarla. Prima, per far ridere le persone, bisognava avere cabaret e locali predisposti per spettacoli a tema. Oggi invece serve un video su youtube, magari sperare che diventi virale, per arrivare immediatamente alla gente. Il ragazzo di oggi non va al cabaret come facevo io alla sua età. Ma mi sto adeguando ai tempi che cambiano e sto cercando di utilizzare i mezzi moderni per arrivare a un pubblico più vasto. La tecnologia non può essere arrestata, tanto vale portarla dalla propria parte.

Foto: Chiara Basile Fasolo

Continue Reading

Teatro

Lino Guanciale rende omaggio a Ennio Flaiano. A Chieti la prima nazionale di “Non svegliate lo spettatore”

Non svegliate lo spettatore è un omaggio alla vita e alle opere di Ennio Flaiano, scrittore e sceneggiatore di numerose pellicole dirette da Federico Fellini, Alessandro Blasetti e di altri capolavori della cinematografia italiana

Federico Falcone

Published

on

Non svegliate lo spettatore è un omaggio alla vita e alle opere di Ennio Flaiano, scrittore e sceneggiatore di numerose pellicole dirette da Federico Fellini, Alessandro Blasetti e di altri capolavori della cinematografia italiana. Lo spettatore sarà proiettato nel mondo della letteratura, del cinema e del teatro attraverso la recitazione di Lino Guanciale, accompagnato dal commento musicale di Davide Cavuti.

Il rapporto tra il cinema, il teatro, la letteratura e la musica diventa la chiave di lettura per penetrare i valori di interscambio tra cultura-formazione-apprendimento affinché siano da stimolo per la ricerca e l’approfondimento delle opere dei grandi scrittori spesso dimenticati.

Leggi anche: Orso d’argento a Berlino per Favolacce ed Elio Germano

Un omaggio alla vita e alle opere dello scrittore abruzzese (vincitore del “Premio Strega” del 1947 con “Tempo di Uccidere”) e sceneggiatore di numerose pellicole dirette da Federico Fellini (“I Vitelloni”, “La strada”, “Le notti di Cabiria”, “La dolce vita”, “8 ½ ”), da Alessandro Blasetti (“Peccato che sia una canaglia”) da Steno-Monicelli (“Guardie e Ladri”) e di altri capolavori della cinematografia italiana.

Leggi anche: Su Netflix arriva “The Eddy”, serie tv firmata Damien Chazelle: Parigi, jazz e povertà…

Dopo il successo nei più bei teatri italiani di “Itaca, il viaggio” , torna il sodalizio artistico tra Lino Guanciale e Davide Cavuti. In prima nazionale al Teatro Marrucino di Chieti, un tributo eccezionale al grande Ennio Flaiano. Una produzione Stefano Francioni Produzioni e Teatro Stabile d’Abruzzo. Queste le date in Abruzzo:

4 aprile ore 21.00 e 5 aprile ore 17.00 Teatro Marrucino di Chieti

5 aprile ore 21.00 Teatro Fedele Fenaroli di Lanciano

Continue Reading

In evidenza