Connect with us

Musica

73 anni fa nasceva Augusto Daolio, voce indimenticabile dei Nomadi

Antonella Valente

Published

on

Voce memorabile di uno dei gruppi storici della musica italiana. Augusto Daolio avrebbe compiuto oggi 73 anni.

Trascinatore e fondatore insieme a Beppe Carletti dei Nomadi, Augusto si caratterizzava per l’estrema semplicità ed umiltà che riusciva a trasmettere anche nei testi delle sue canzoni. Sono i primi anni ’60 quando tra Modena e Reggio Emilia Carletti e Daolio decisero di formare una band che cavalcherà la protesta giovanile, anche prima del 1968.

Il successo arrivò con la celebre Come potete giudicare , e fu chiaro fin da subito lo spirito del gruppo. Innumerevoli le canzoni simbolo del gruppo, da Noi non ci saremo, Dio è morto, Per fare un uomo, Un figlio dei fiori non pensa al domani e Ti voglio che era la versione italiana di I want you di Bob Dylan. Negli anni ’70 i Nomadi vissero anche un florido periodo pop con un Un pugno di sabbia ed Io vagabondo che non sono altro. Da quel momento iniziò la scalata: partecipazioni televisive, presenza alle manifestazioni canore e numerosi lavori discografici che porteranno la band ad avere un riconoscimento ufficiale da parte di critica e pubblico.

L’affetto, la stima e il calore non vennero meno nemmeno quando la band, negli anni ’80, iniziò ad essere messa all’angolo dalle maggiori case discografiche. Riuscirono a sopravvivere e andare avanti cantando alle feste dell’Unità o a quelle di paese. Fu solo però un elemento di forza e di crescita, quello di una band che della semplicità ne ha fatto sempre un cavallo di battaglia.

Ma nel 1989 il gruppo visse un momento di rinascita con la pubblicazione di nuovi dischi, come Gli Aironi neri.

Nonostante il successo Augusto non ha mai permesso che la vita professionale invadesse qualla privata tanto da restare a vivere in provincia, continuare a coltivare la passione per la pittura e anche per la politica.

“Abbiamo scelto di vivere in provincia” – sottolineò qualche mese prima della sua morte nel 1992 -“di non avere i ritmi veloci e ossessivi della città, proprio per potere pensare alle cose standone ben fuori. In città poi si può sempre andare quando serve. Quella di stare un po’ in disparte, di vivere fuori, è sempre stata una mossa vincente, perché ci ha permesso di crescere come volevamo, di andare al cinema, di viaggiare, di amare”.

Augusto rimarrà sempre nel cuore dei fan che lo hanno amato e della band che ha fondato. I Nomadi lo portano sempre con loro, in tour, tra la gente affinchè la memoria della voce forte, nasale e incisiva di Augusto non svanisca mai. Tante le iniziative che sono state organizzate per omaggiare il vecchio frontman dei Nomadi. A Novellara, sua città natale, il centro storico è stato animato nei giorni scorsi da mostre, eventi di beneficienza e concerti.

Laureata in Giurisprudenza e Giornalista Pubblicista dal 2018, ama il teatro, il cinema, l'arte e la musica. Appassionata di recitazione, si diletta a salire su un palco di tanto in tanto. In altre sedi, anche Avvocato.

Musica

Un dj set da 340 ore, streaming da record a Milano

Fabio Iuliano

Published

on

Un dj set di 340 ore, musica no stop per un dj set da record in streaming: il più lungo al mondo. Il tempio del futuro perduto, il collettivo di ragazzi che sta ristrutturando un angolo abbandonato della Fabbrica del vapore du Milano e che ha già organizzato il muro della gentilezza e l’aperitivo gratis nel traffico – ha infatti deciso di lanciare l’evento “Musica in quarantena”.

La session è partita alle 21 di venerdì 20 marzo e andra avanti sino al 3 aprile, il giorno in cui scade il decreto che ha trasformato la Lombardia in una zona rossa a causa dell’emergenza sanitaria, anche se è verosimile che le misure verranno allungate.

Durante il djset partecipano alla diretta diversi artisti italiani ed internazionali insieme a promoter da tutto il mondo che racconteranno come il Corona Virus sta cambiando le loro vite, la loro arte e le loro professioni. Ecco alcuni esempi: Enrico Sangiuliano, Animistic Beliefs, Nerone, Lele Sacchi, Neil Landstrumm, Fabrizio Rat oltre a contributi da diversi club e centri culturali di Berlino, Parigi, Amsterdam, Londra, Shangai, Hong Kong, Sao Paolo, Miami, Minsk, Roma, Napoli, Bologna e Bari.

La performance è portata avanti da 3 artisti residenti nel Tempio che stanno vivendo in consolle per due settimane in consolle; potranno darsi il cambio per lavarsi e andare alla toilette ma devono mangiare mentre suonano.

Un’iniziativa collegata alla raccolta fondi destinati a un ospedale pubblico lombardo.

Continue Reading

Musica

Cincilla, Zoizi, Michelangelo: le novità italiane in rampa di lancio

redazione

Published

on

E’ uscito ieri, venerdì 27 marzo, “Sakè”, nuovo singolo di Pietro Milella, in arte Cincilla

Il brano è disponibile su tutte le piattaforme digitali e sui digital stores. In un mondo che non lascia tempo alle persone di dare un valore alle cose a volte si corre il rischio di perdersi: il brano “Sakè” invita a vivere il mondo come si vuole, senza perdersi dietro alle congetture degli altri e vivendo ogni momento per quello che è.

Sakè rappresenta per me tante cose – racconta Cincilla a proposito del suo nuovo singolo– l’ho scritta in un momento in cui facevo fatica a capire fino in fondo quello che mi circondava e ne ero infastidito. Ho iniziato a comprendere il mondo rinunciando a molte risposte e a vedere le cose dalla prospettiva che mi andava di più, allegra o triste che fosse. Il testo di Sakè riassume tutto questo“.

Il videoclip di “Sakè” è interamente ambientato a Venezia e riprende i luoghi dove è nato e cresciuto l’artista. La sequenza di immagini accompagna le parole della canzone: la prima parte mostra volti annoiati e luoghi malinconici; la seconda cattura quegli stessi scorci e quelle stesse facce in chiave ironica.

Dal 13 marzo è disponibile “Odore”, nuovo singolo di Zoizi

L’odore a cui fa riferimento Zoizi nel suo nuovo singolo è quello della borsa di Martina, la sua migliore amica dei tempi dell’adolescenza: un odore specifico, che in qualche modo racchiudeva le paure e la voglia di libertà dei ragazzi degli anni Novanta. Da questo dettaglio sensoriale è nata una canzone che ha tutte le caratteristiche di un inno generazionale.

Ho scritto questa canzone per raccontare e confermare a me stesso quanto sia stato semplice ritrovarmi come persona attraverso una sensazione quasi un po’ banale come l’odore della borsa di un’amica  racconta Zoizi a proposito del brano “Odore”- ho voluto citare qualche storia di una generazione, quella nata come me nel 90′, forse l’ultima a sognare in grande in un mondo ancora “vecchio” e privo di questa esagerata e improvvisa modernità che un po’ ci soffoca. Sicuramente non eravamo migliori dei “nuovi giovani” ma l’abbiamo vissuto con un romanticismo che oggi stenta un po’ ad uscire“.

Il videoclip di “Odore”, diretto dallo staff di 3littlepigs, è girato totalmente in bianco e nero e ha come unico protagonista Zoizi. Le riprese in primo piano e lo sguardo del giovane autore che punta dritto alla telecamera conferiscono alla sequenza di immagini una valenza prettamente narrativa: è Zoizi che racconta una storia, la sua storia, a chi guarda.

Il 13 marzo è stato pubblicato “In Due a Lottare”, nuovo singolo di Michelangelo Vizzini, in arte Michelangelo, talentuoso concorrente di Amici di Maria de Filippi ’19

Una storia può finire ma l’amore a volte rimane, non arrendendosi al tempo, alle difficoltà e alla logica delle scelte umane: “In due a lottare” parla di questo, ponendosi come un vero e proprio manifesto dei sentimenti autentici, quelli che legano gli individui e permettono loro di lottare contro tutto e tutti.

Il videoclip di “In due a lottare”, diretto da Federico Falcioni (Falcioni Productions), racconta la fine inevitabile di una storia d’amore. E mentre le vite dei due ex partners proseguono separatamente, un filo invisibile, la nostalgia e i ricordi li tengono ancora legati.

Continue Reading

Musica

Coronavirus: è morto Manu Dibango, stella della musica africana

Licia De Vito

Published

on

Si è spento all’età di 86 anni, a Parigi, per complicazioni dovute al Covid-19, Manu Dibango, sassofonista camerunense, stella della musica africana. A darne la triste notizia sono stati propri i familiari del musicista.

Cari parenti, cari amici, cari fan, una voce si alza da lontano, è  con profonda tristezza che vi annunciamo la scomparsa di Manu Dibango, il nostro Papy Groove, avvenuta il 24 marzo all’età di 86 anni, a causa del Covid 19″.

Continue Reading

In evidenza