Nasce “La Casa del Rock”, a disposizione degli appassionati più di 400 oggetti iconici della storia del genere musicale

Nasce “La Casa del Rock”, dove giocare con il flipper di Elton John, indossare il cappello di Tom Petty o un anello di Jimi Hendrix, suonare il basso di Sting, la chitarra di Steve Vai o infilare il jack nell’amplificatore di Jimmy Page.

Mariano Freschi ha deciso di aprire le porte di casa sua, a San Giorgio Piacentino, un piccolo paesino alle porte di Piacenza, per mettere a disposizione di tutti gli appassionati o di tanti semplici curiosi, un patrimonio vastissimo che ripercorre la storia del rock: dall’amplificatore di Keith Richards, alla batteria dei King Crimson, dall’armonica usata da Roger Daltrey in Quadrophenia all’impianto utilizzato dai Free di Paul Rodgers al Festival dell’Isola di Wight del 1970 ma anche decine di migliaia di fotografie, poster, libri e riviste.

Mariano Freschi oltre che collezionista e appassionato di musica, è anche fondatore di “Made in Rock”, un’associazione senza scopo di lucro che ha come obbiettivo la promozione e la valorizzazione della musica rock e della cultura ad essa legata. L’associazione opera grazie all’apporto di Stefano Prinzivalli per la parte di Comunicazione e Marketing.

Una collezione vastissima, dunque, che comprende la mostra “Rock on Stage”, con oltre 400 oggetti storici tra strumenti, amplificatori, pedaliere, effetti che sono stati sui più prestigiosi palcoscenici internazionali. Ma anche memorabilia varie appartenuti alle più grandi stelle della musica rock e più di 45mila pezzi tra fotografie, poster, tour book, picture disc, libri e riviste che il collezionista piacentino ha raccolto nell’arco di oltre 40 anni di passione sconfinata.

Tutti questi oggetti costituiscono le fondamenta di un sogno che Mariano Freschi coltiva da tempo, un sogno che si muove a ritmo di rockcreare una vera e propria “Casa del Rock” per poter dare vita a un luogo unico in cui si respiri in ogni momento della giornata lo spirito della musica che ha cambiato il mondo.

«Vogliamo parlare a tutti gli appassionati– spiega Mariano Freschi – siano essi ventenni o settantenni, amanti del progressive, di hard & heavy o di una delle innumerevoli anime che compongono la meravigliosa galassia del rock».

Articolo precedente“Ripartiamo dalle Radici”, l’Augusteo per la valorizzazione della cultura napoletana
Articolo successivo“Father and Son”, il brano di Cat Stevens che emoziona padri e figli
Archeologa, nata e cresciuta in Abruzzo, vive a Roma dal 2009. Dopo la laurea magistrale conseguita presso l’Universita “La Sapienza” di Roma ha proseguito gli studi frequentando la Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici dello stesso ateneo, dove è inoltre Dottoranda dal 2021 . Appassionata di storia e viaggi, avrebbe voluto essere Lara Croft, è diventata un “Ummarell”.