Morrison: musica, amore e riscatto nel nuovo film di Federico Zampaglione

Dopo la commedia grottesca “Nero bifamiliare” (2007), l’horror “Shadow” (2009) e il thriller “Tulpa – Perdizioni mortali” (2013), il leader dei Tiromancino Federico Zampaglione firma la sua quarta opera cinematografica dal titolo “Morrison”. Lasciati da parte i generi horror e thriller, la pellicola appare decisamente più sobria e delicata rispetto a quelle precedenti. Il cantante romano decide di mettere sul tavolo altri tipi di drammi. Quelli tra esseri umani e sulla fragilità insita in loro. Tra errori, sbagli e tentativi di redenzione, la musica diviene una forma di riscatto. Un salvagente a cui aggrapparsi quando si sta andando a fondo.

MyZona

La storia è ispirata al romanzo scritto dallo stesso regista del film insieme a Giacomo Gensini “Dove tutto è a metà“. Il protagonista è il giovane Ludovico detto Lodo (Lorenzo Zurzolo). Ventenne introverso, quanto fragile e sensibile, tenta di farsi strada nel mondo della musica suonando con la sua band, i “MOB”, tutte le settimane nel famoso locale romano situato sulle acque del Tevere, il “Morrison”. Figlio di genitori separati e latitanti, condivide l’appartamento con altri coetanei, tra cui Giulia (Carlotta Antonelli), una ragazza che cerca di far carriere nel mondo del cinema e per cui il protagonista nutre un evidente interesse, ma l’eccessiva timidezza e insicurezza lo portano ad avere difficoltà ad aprirsi e ad esternare i propri sentimenti.

Un giorno, per caso, incontra Libero (Giovanni Calcagno), ex rockstar in piena crisi la cui carriera d’oro dista ormai anni luce. I due iniziano a frequentarsi e Libero inizia a dare preziosi consigli alla giovane promessa per tentare di aiutarlo a superare i propri limiti e paure. Tra amicizia, inganni e colpi alle spalle la musica salverà entrambi, filo conduttore e unica via di redenzione per tentare di rialzarsi e salvarsi quando la vita ti colpisce duramente.

Leggi anche: Malcolm X, i 96 anni del “Detroit Red”

MORRISON: BUONE INTENZIONI MA TROPPA CARNE AL FUOCO

Senza dubbio, le buone intenzioni e le tematiche delicate che porta Zampaglione sono evidenti. Ma guardando “Morrison” si ha spesso la sensazione che il regista abbia decisamente messo troppa carne al fuoco. Troppe situazioni borderline e troppi personaggi fini a loro stessi che non danno nessun tipo di contributo alla storia o al suo sviluppo. Forse, focalizzandosi più accuratamente su meno tematiche e meno situazioni ma approfondendo ognuna di esse il risultato sarebbe stato un maggiore impatto emotivo per lo spettatore. Questa componente spesso manca. Si ha l’impressione di trovarsi davanti a una pellicola a tratti superficiale. Magari sarebbe stata utile mezz’ora in più per sviluppare meglio le varie situazioni che la compongono.

Leggi anche: I Subsonica tornano in live in estate. Annunciate le prime date

Notevole è invece la fotografia. Una splendida Roma che possiamo ammirare dall’alto in tutta la sua maestosità. La colonna sonora non è da meno. Sulle note toccanti e romantiche di “Cerotti” dei Tiromancino ci immedesimiamo in Lodo mentre cerca la sua strada e fa i conti con le frustrazioni e le botte che spesso la vita ci riserva, ma c’è sempre un motivo valido per rialzarsi e rincorrere i propri sogni. Insomma, la musica acquisisce un vero e proprio ruolo salvifico nel nuovo film di Federico Zampaglione, disponibile al cinema da questo 20 maggio 2021.

Da leggere anche

Malaika Sanguanini
Ok, amo il cinema. Fin da quando, da bambina, restavo a bocca aperta davanti al Gladiatore o al Frankenstein di Mary Shelley mentre gli altri si entusiasmavano per i cartoni animati. Dopo una laurea in Scienze dell’educazione e anni di lavoro nel settore, ho lasciato tutto dopo la seconda laurea in Scienze della comunicazione per fare ciò che amo di più: scrivere di cinema. Tarantino, l’enfant prodige Xavier Dolan e l’aura onirica di David Lynch sono punti di riferimento. Amo la scrittura perché, Bukowski docet, “scrivere sulle cose mi ha permesso di sopportarle”.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli