Moonfall: il parere dell’ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana, sul film di Roland Emmerich

Moonfall roland emmerich 2012

L’ASI – Agenzia Spaziale Italiana ha visto in anteprima “Moonfall” il nuovo film di Roland Emmerich, con Halle Berry, Patrick Wilson, John Bradley, Michael Peña, Charlie Plummer, Kelly Yu, Donald Sutherland, e ha analizzato le implicazioni scientifiche che la pellicola propone, in un ricco speciale, con interviste, approfondimenti, curiosità e un focus sul programma Artemis di esplorazione umana della Luna in cui l’Agenzia è fortemente coinvolta.

Leggi anche:“Storia di mia moglie”, in arrivo il nuovo film di Ildikò Enyedi

“La Luna non cessa mai di sorprenderci, nemmeno oggi che progettiamo di tornare in forze sulla sua superficie. La visione di Moonfall evoca – sottolinea Ettore Perozzi, esperto di dinamica orbitale della Direzione Scienza e Ricerca dell’ASI – proprio questo antico stupore, anche se in chiave dichiaratamente fantasiosa”.

“Far cadere la Luna non è nell’agenda della Meccanica Celeste, eppure una ipotesi tanto estrema è proprio quello che serve alla fantascienza per spiegare le ali e avventurarsi nel regno dove tutto è possibile e dove le domande contano quanto e forse più delle risposte”.

Lo Speciale è una produzione Italian International Film – Gruppo Lucisano, Rai Cinema e 01 Distribution, ed è stato realizzato dal Giornale dello spettacolo del gruppo Globalist in collaborazione con Spazio 2050 rivista dell’Agenzia Spaziale Italiana e sarà disponibile sui siti www.asi.itwww.globalist.it e  giornaledellospettacolo.globalist.it.

In Moonfall, che sarà in sala dal 17 marzo distribuito da 01 Distribution, una forza misteriosa manda la Luna in rotta di collisione con la Terra minacciando la vita sul pianeta.

Articolo precedenteL’inquietudine di vivere controcorrente in “Chari”, nuovo brano di Malarai
Articolo successivo“La mattanza di Castelnormanno”, il giallo paranormale di Michele Zoppardo
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.