Mission S000ngwriting, per Rockin’1000 la sfida degli inediti

Rockin’1000 lancia un nuovo progetto che spinge al limite le regole della produzione musicale: Mission S000ngwriting, la realizzazione del primo inedito composto per 1000 musicisti, un’opera di co-creazione che coinvolgerà i 30.000 membri della Rock Band più grande del mondo, coordinati da un team di artisti tra cui l’australiano Nic Cester – cantautore, chitarrista e frontman dei Jet, gli italiani Giulio Nenna – produttore, musicista e compositore – e Andrea DB Debernardi ed infine il brasiliano Daniel Plentz dei Selton, al lavoro da diversi mesi per ideare le procedure e le linee guida di questo progetto mai tentato prima d’ora.

Nelle scorse settimane, in giro per le strade di Milano, Roma, New York, Parigi e Città del Messico sono apparsi dei volantini in bianco e nero, fotocopiati e diffusi dai partecipanti della Community Rockin’1000 che riportano la scritta “Wanted Songwriters” e un numero di telefono da strappare, a ricalcare le modalità con cui sono nate tutte le avventure che hanno segnato la storia del Rock. Chiamando il numero di telefono, rispondono le voci di Nic Cester e di Fabio Zaffagnini, fondatore di Rockin’1000, che forniscono le prime indicazioni per partecipare.

Ma è solo a partire da questi giorni che è ufficialmente aperta la call to action ai musicisti che accetteranno di misurarsi con questa nuova impresa: creare un brano inedito, pensato per essere eseguito da mille musicisti, realizzato con il contributo di centinaia di autori che uniscono le forze per esplorare nuovi orizzonti della produzione musicale.

Leggi anche: Rockin’1000, la magia dello Stade de France

Possono partecipare tutti coloro che sono già membri della Community di Rockin’1000, ma la call è aperta anche a chi ancora non ne fa ancora parte, l’importante è registrarsi a questo link.

Non ci sono limiti di provenienza geografica, età, genere o formazione musicale, tutti possono partecipare se ben disposti ad essere i nuovi pionieri di un progetto rivoluzionario: la realizzazione del primo brano firmato da 1000 autori, tra arrangiamenti, composizione musicale e scrittura dei testi. Questa è solo la tappa numero uno di un percorso strutturato in tre step: alla composizione dell’inedito seguirà la registrazione in studio, che coinvolgerà centinaia di musicisti, e infine l’annuncio del brano con lancio del videoclip.

Articolo precedenteLiberato, il voyeurismo di chi non sa farsi bastare il mistero
Articolo successivoOtranto, la città degli 800 martiri
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.