L’orizzonte degli eventi dei Matinée: ecco il nuovo album per l’indie rock band abruzzese attiva in terra britannica

“L’arte avrà una narrativa davvero forte per poter raccontare una situazione così paradossale da essere inaspettata da tutti”. Nel giorno dell’uscita del loro “Event Horizon”, i Matinée guardano a un presente che non avrebbero mai immaginato. Un presente sospeso in grado, giocoforza, di accompagnare i messaggi del loro album – targato Neon Tetra Records e distribuito in Italia da Audioglobe – con un significato più profondo:

Definiti da Carl Barat dei Libertines come “la risposta italiana alla musica indie dei Naughties”, i Matinée sono un quartetto composto, pescando tra i musicisti della costa abruzzese, da Luigi Tiberio (voce, chitarra, synth), Alfredo Ioannone (voce, basso), Giuseppe Cantoli (chitarra) e Alessio Palizzi (batteria). Il lavoro dei ragazzi si divide tra Regno Unito e Italia. Proprio dal profondo legame con l’Inghilterra, che da sempre contraddistingue la band e che ora rischia di vacillare, nasce l’ispirazione per il disco.

MyZona

Un album che fa tesoro delle esperienze musicali passate, di quel sound indie-rock e quella freschezza melodica che da sempre contraddistingue la band abruzzese che ha trovato accoglienza e successo in Inghilterra,e le esprime in una forma nuova, matura e contemporanea, venata di elettronica e synth, profondamente influenzata dagli Anni Ottanta.

L’album, anticipato dal singolo “Summer Sun” è nato in stretta collaborazione con Chris Geddesdei dei Belle and Sebastian, grande amico ed estimatore e ormai definitivamente un membro aggiunto della band, che ha partecipato alla creazione di ben sei brani sui nove totali. Altro ospite del disco Pier Ferrantini (Velvet), che presta la voce nel brano “Satellite”.

“Event Horizon” vanta la produzione di Tony Doogan, eletto da Billboard come uno dei migliori producer in circolazione e già al lavoro con artisti del calibro di Mogwai, Libertines e Glasvegas. Unica eccezione il brano “Goldfish”, prodotto da Julian Corrie, chitarrista dei Franz Ferdinand, una band a cui i Matinée sono profondamente legati: la loro carriera è sbocciata – fin dal nome che si ispira alla celebre canzone del primo disco di Kapranos e soci – anche grazie alla band scozzese, che in passato li elesse a sua tribute band ufficiale e li scelse come gruppo d’apertura di alcune date italiane. Event Horizon” è un concept album che vuole guardare oltre: allo spazio e alle stelle, alle galassie e alla luna, per indagare ciò che non si può vedere a occhio nudo. Un implicito invito a non fossilizzarsi sui nostri microcosmi ma ad adottare una visione più ampia, inclusiva e globale.

Pubblicato a sei anni di distanza dal precedente “These Days” e dopo due anni di intensa lavorazione, “Event Horizon” si compone di canzoni coinvolgenti, che nascono arrampicandosi sulle tastiere per poi fondersi alle mai abbandonate chitarre e a trascinanti cori. Strofe che esplodono in ritornelli incalzanti e ritmati dall’attitudine a tratti “danzereccia” a tratti più “intimista”, tracce elettriche ed energiche dove la musica si coagula attorno ai testi, immediati e incisivi. Masterizzato ad Abbey Road Studio da Frank Arkwright, l’album è stato registrato al Castle of Doom Studios di Glasgow e sarà distribuito in Cd, vinile e digitale.

LA NOSTRA INTERVISTA

Come vive la band questi giorni delicati?
“Siamo divisi tra Londra e Pescara. Questi giorni, più che mai, siamo distanti fisicamente ma abbiamo modo di vederci / sentirci via telematica. Sono tempi duri per tutti e speriamo di uscire con il disco per creare una distrazione necessaria seppur piccola”.

Erano (o sono ancora) previsti eventi di lancio? Hanno pensato alla possibilità di farlo attraverso i social?
“Abbiamo pensato a lungo se fosse il caso di uscire con il disco o meno e crediamo che sia essenziale reagire alla situazione e mandare un messaggio di positività e speranza attraverso la musica. C’è anche da dire che oggi giorno i canali mediatici ci permettono di fare uscire un disco virtualmente mentre se fosse accaduto anni fa sarebbe stato più complesso. Siamo davvero molto grati per tutte le radio – tv – press che hanno supportato il nostro lavoro e ci hanno incoraggiato ad uscire nella data prevista, il 27 marzo”.

Quanto conta la sperimentazione nel disco, dal sinth anni Ottanta alle ballads passando per del sano pop, tutto poi miscelato e riproposto in salsa indie alternative?
“La sperimentazione conta parecchio e forse questo è il motivo per il quale ci abbiamo messi circa 4 anni. Abbiamo cercato di spingerci al di la del classico chitarra/chitarra, basso e batteria. Abbiamo preso le sonorità dei Tears For Fears, Japan, XTC, Sift Cell, o almeno ci abbiamo provato”.

Vivete tra Italia e Uk, due realtà interessanti in questo presente inedito. In che modo la vostra musica potrebbe raccontare questo tempo?
“Con questo stop forzato della vita come la conosciamo, abbiamo cominciato a scrivere via telematica e se il lockdown continua magari avremmo materiale per un nuovo disco! Certo l’arte avrà una narrativa davvero forte per poter raccontare una situazione così paradossale da essere inaspettata da tutti”.

Come giudicate la situazione in Inghilterra rispetto all’emergenza Coronavirus?
“Qui siamo in lockdown da tre giorni soltanto e ai più il problema principale per i più sembra essere la mancanza di carta igienica e la chiusura dei pub. Penso che la situazione cambierà rapidamente quando arriveremo ai numeri dell’Italia”.

Da leggere anche

Fabio Iulianohttp://www.fabioiuliano.it
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli