L’Aquila ritrova la Perdonanza a San Basilio: musica, eventi, libri e anche un pezzo di TWOF

Entra nel vivo consueto appuntamento con la Perdonanza a San Basilio, che si svolge durante le celebrazioni dell’evento storico-religioso considerato precursore del Giubileo, che ogni anno all’Aquila celebra l’indulgenza plenaria che volle Papa Celestino V nel 1294. Un cartellone che ospiterà anche una presentazione del nostro “Black out – dietro le quinte del lockdown”.

Dall’aperitivo a sera, sotto i pini della piazzetta di fronte al Dipartimento di Scienze umane dell’Università, quattro giorni di musica per tutti i gusti da mercoledì 26 agosto a sabato 29.
Primo appuntamento con Giorgia Nanni, alias Gina. Viaggiando tra vecchi dischi e nuovi, i suoi djset sono lineari ed incisivi, tra disco e funky, perfetti per l’ora dell’aperitivo e per proseguire la serata.

Si prosegue giovedì 27 con Le Indiesponenti: Sara Scarsella e Lucia Civisca, entrambe aquilane, trentenni, dj le cui scelte – come del resto suggerisce il nome che hanno scelto – virano più verso un omaggio alla musica indipendente, passando anche per l’alternative rock. Lavorano insieme da oramai circa 8 anni ma sono amiche da sempre.

Venerdì 28 è la volta di Lorenzo Baglioni, dj. Sabato 29 agosto si comincia alle ore 18,30, appunto, con la presentazione di Black Out – dietro le quinte del lockdown, libro edito dal magazine specializzato nel campo dell’immaginario collettivo The Walk Of Fame che racconta il lockdown attraverso le varie forme dell’arte: musica, letteratura, cinema, teatro, dance, pittura, scultura, tv, radio, web. Modera l’incontro la giornalista Barbara Bologna.

A seguire, Stefano Di Nucci, cantautore molisano che nonostante la giovane età ha già riscosso buoni consensi di critica con il suo disco “Opera prima”, uscito con l’etichetta romana Giungla Dischi e prodotto da Daniele Sinigallia, ex componente dei Tiromancino. Ha partecipato al tour di Fabrizio Moro aprendo i suoi concerti.

Articolo precedenteGreta Panettieri, la bambina hippy che si innamorò del jazz
Articolo successivoEttore Bassi racconta Angelo Vassallo, “Il Sindaco pescatore”
Giornalista, docente di lingue straniere, tra le collaborazioni l’agenzia Ansa e il Centro (testata ex gruppo L’Espresso-Finegil Editoriale). In passato ha lavorato a Parigi e Milano con Eurosport e Canal +. Come blogger, oltre ad aver seguito vari eventi sportivi internazionali, dalle Universiadi (in Europa e in Asia) alla Race Across America – la folle corsa ciclistica da un capo all’altro degli Stati Uniti – ha condotto alcune inchieste sull’immigrazione con reportage in Italia, Romania e Marocco. Nel 2007 ha vinto il premio giornalistico Polidoro. Nel 2016 ha firmato “New York, Andalusia del Cemento – il viaggio di Federico García Lorca dalla terra del flamenco alle strade del jazz” (Aurora edizioni), l’anno successivo Lithium 48, sempre per la stessa casa editrice.