Lady Gaga a “Che Tempo Che Fa”: il legame con l’Italia e il nuovo film “House of Gucci”

Buonasera Fabio”. Così comincia l’intervista di Fabio Fazio a Lady Gaga, una star internazionale che si stringe nelle spalle e si fa piccola e tenera di fronte al pubblico della sua terra d’origine.

La puntata di ieri di Che Tempo Che Fa ha battuto ogni record con un picco di 4,6 milioni di telespettatori e 584mila interazioni sui social, grazie all’intervista alla regina del pop in occasione dell’uscita del film “House of Gucci”, nelle sale italiane dal 16 dicembre.

MyZona

Nel suo studio blu, Fazio mostra a Lady Gaga come la sua “Born This Way” sia diventato l’inno della rivendicazione dei diritti civili nelle piazze italiane e la cantante risponde: “Volevo semplicemente dire una cosa alla comunità LGBTQ+ in Italia: siete i più coraggiosi, siete i più gentili, siete un’ispirazione e che succeda una cosa di questo genere dobbiamo gridare al disastro. Voi dovete invece essere protetti, a tutti i costi, come tutti gli esseri umani che vivono su questa Terra. Io continuerò a scrivere musica per voi, e la cosa più importante cercherò di lottare per voi.”

Pur essendo nata e cresciuta negli USA, Stefani Joanne Angelina è sempre stata molto legata all’Italia, attraverso i ricordi e le tradizioni importate dai nonni Angelina e Giuseppe Germanotta. I sacrifici della famiglia, l’amore incondizionato tra i suoi nonni e poi tra i suoi genitori sono una continua ispirazione e un porto sicuro per una delle cantanti più estrose e popolari di tutti i tempi. Perché sotto trucco, extension e abbigliamento esuberante c’è la donna delicata e semplice, con le proprie debolezze e fragilità, che gli italiani hanno potuto vedere nel talkshow di Rai3.

Fazio elogia la forza necessaria per conservare la propria libertà e personalità nel mondo dello spettacolo, la capacità di “fare uso del proprio corpo come di un’opera d’arte e far entrare l’arte nel proprio corpo”. La performer replica: “Avere coraggio può avere forme diverse. Non mi sono mai sentita bella, però l’arte mi fa sentire bella, la moda, la creatività, la fantasia; la tua fantasia ti permette di diventare ciò che vuoi. Ho dedicato tanto tempo recentemente all’Italia, sono stata qui a lungo e forse è stato il momento in cui mi sono sentita in assoluto più bella in tutta la mia vita.”

L’icona pop vanta oltre 300 premi tra cui 12 Grammy Awards, 2 Golden Globe, 18 MTV Music Awards, 12 MTV Europe Music Awards e 1 Oscar per la colonna sonora di “A Star Is Born” di e con Bradley Cooper. Proprio rivedendo le scene del film e della vittoria della statuetta più ambita del mondo dello spettacolo, la cantante si commuove e ringrazia di cuore Bradley Cooper, che è riuscito a tirar finalmente fuori Stefani da Lady Gaga, mostrandola al mondo nei panni di “Allie”.

Leggi anche: Banco del Mutuo Soccorso: l’intervista a Vittorio Nocenzi e Tony D’Alessio (video)

Tre anni dopo Gaga torna sul grande schermo da protagonista per “House of Gucci”, il film che racconta le vicende del 1995 che portarono alla morte di Maurizio Gucci. Veste i lussuosi panni di Patrizia Reggiani, condannata come mandante dell’omicidio dell’ex marito.

Pagina ufficiale HouseofGucci

“Mi sono resa conto” – dichiara Lady Gaga – “che c’era una storia più complicata alla base di tutto. Non sono d’accordo con ciò che ha fatto e credo che sia colpevole. Io volevo un personaggio che fosse una persona vera e quello che ho scoperto è, credo io, che lei abbia fatto un errore davvero enorme. Penso che quell’errore sia stato fatto perché lei è stata ferita così tante volte nel corso del tempo. Penso che questo film sia in un certo senso una lezione, per tutti generi. È un messaggio sulla ricchezza, sull’avere dei privilegi, perché tutti gli uomini continuavano a litigare per questione di soldi, per il nome ‘Gucci’, senza notare che lei stava pianificando un omicidio. Io ho fatto del mio meglio e ho continuato a lottare contro questa idea del dover essere un’assassina ma allo stesso tempo ho deciso di essere una donna.”

Leggi anche: I re dell’Africa, una storia raccontata dal soffio del vento

Per interpretare la Reggiani, la regina del pop ha studiato molto per riuscire a parlare in inglese con un inconfondibile accento italiano e per questo ringrazia la sua insegnante Beatrice Pelliccia e Susan Batson.

“House of Gucci”, con Adam Driver, Lady Gaga, Jared Leto, Salma Hayek e Al Pacino, uscirà negli Stati Uniti il 24 novembre ma sarà visibile nelle sale italiane dal 16 dicembre. Nell’attesa di questo imperdibile appuntamento, è possibile acquistare i biglietti per l’anteprima del 15 dicembre sul sito www.houseofgucci.it

Da leggere anche

Sara Paneccasio
Classe 2001 e studentessa di “Letteratura Musica Spettacolo” in Sapienza. Alla continua ricerca di meraviglia, di entusiasmo e di un significato in ogni cosa. Le piace lasciarsi attraversare dalle emozioni davanti ad un film, a una poesia o ad un’opera d’arte, riempire i polmoni di bellezza fino a sentire il bisogno di sospirare. Ama l’arte ai suoi antipodi: sempre con la musica in sottofondo, da Vivaldi a Lady Gaga passando per Queen, Jovanotti, Achille Lauro o Ultimo; perde il fiato davanti alle sculture di Canova, agli stencil di Banksy o alle tele di Perez. Con il cuore diviso tra Abruzzo e nord della Francia, ama viaggiare in treno o in aereo, ma mai senza auricolari o un libro di poesie e una matita tra le mani.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli