“La storia di Lisey”: Julian Moore nella serie thriller ispirata al romanzo di Stephen King

La storia di Lisey, serie tv ispirata all’omonimo romanzo di Stephen King, è uscita su Apple Tv + il 4 giugno con i primi due episodi. Si tratta di una tra le opere più care a Stephen King che, non a caso, ha scelto di occuparsi personalmente della scrittura e dell’ adattamento della sceneggiatura tratta dal suo scritto, pubblicato nel 2006. Il legame così intenso tra l’autore e il suo lavoro deriva da una componente autobiografica del thriller definita, dallo stesso Re dell’Horror, “profondamente personale”. Proprio King ha inoltre raccontato come nel 2000, a causa di una grave polmonite che lo ha relegato su un letto d’ospedale per diversi mesi, abbia vissuto un’esperienza più che controversa: una volta dimesso e tornato a casa, ha trovato il suo studio personale completamente rivoluzionato con numerosi scatoloni riempiti del materiale da lui prodotto negli anni. Uno shock.

Leggi anche: “Sweet Tooth”, è caccia ai neonati ibridi: debutta la serie Netflix prodotta da Robert Downey Jr

MyZona

La trama racconta la storia di Linsey (Juliane Moore) che a due anni dalla morte del marito Scott (Clive Owen), famoso romanziere, s’imbatte in una serie di eventi che la trascinano in incredibili e irrazionali avvenimenti. La donna si trova davanti a inquietanti verità che riguardano suo marito e che potrebbe aver deciso di rimuovere dalla sua mente inconsciamente. Una storia di amore e coraggio, di una donna disposta a tutto pur di far pace con un passato burrascoso, e con la propria salute mentale, dopo la scomparsa dell’amato compagno.

Diretta dal regista cileno Pablo Larrain (Jackie, Neruda) e prodotta, oltre che dallo stesso Stephen King, da J.J. Abrams, con la Bad Robot Productions, da Ben Stephenson e da Juliane Moore, protagonista della serie insieme a Clive Owen.

Un cast d’eccezione per questo nuovo progetto di Apple, oltre ai due attori candidati al premio oscar troviamo infatti personalità come Joan Allen (Pleasantville) che interpreta Amanda, sorella maggiore di Linsey; Dane Dehaan (Lincoln) che impersona Jim Dooley, grande ammiratore dei romanzi di Scott e alla ricerca di suoi manoscritti inediti. Sung Kang (Fast and Furious) interpreta invece l’agente Dan Beckman, poliziotto assegnato alla sorveglianza della casa di Linsey.

Leggi anche: “L’attimo fuggente”: la poesia della vita sulla cattedra del tempo

L’immaginario della serie è costellato da episodi che proiettano la storia dell’elaborazione del lutto di Linsey, e del suo matrimonio con Scott, nei meandri più reconditi della nostra mente, prima di percorrere il filone fantastico. Proprio l’introspezione mentale è uno dei cardini del lavoro di King, che si addentra in un territorio forse più pauroso e pericoloso dei tanti mostri creati dalla sua fantasia: dopo tutto non c’è nulla di più oscuro e raccapricciante di quello che orchestra la nostra mente.

La storia di Linsey è una miniserie di otto episodi, che saranno rilasciati con cadenza settimanale a partire dal 4 giugno, sulla piattaforma Apple tv +.

Da leggere anche

Federica Prato
Sono Federica, ho 33 anni e ho frequentato il Dams di Torino con indirizzo cinema. Da sempre appassionata di libri, fumetti, film e serie tv, sono cresciuta disegnando e scrivendo storie fin da quando ero piccola. Non appena ci sarà la possibilità non vedo l'ora di poter tornare a visitare il salone del libro e il Lucca Comics, appuntamenti da sempre segnati nella mia agenda.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli