Connect with us

Teatro

La risata come bene di prima necessità: la Brigata Brighella porta il teatro nei quartieri popolari di Milano

Le Brigate Volontarie, oltre alla cura del corpo e la distribuzione del cibo, hanno deciso di occuparsi anche dell’anima delle persone più fragili

Antonella Valente

Published

on

Dall’8 marzo scorso, ragazze e ragazzi, studenti, lavoratori, disoccupati e cittadini si sono attivati per dare sostegno alle persone impossibilitate a uscire di casa: è nato così il progetto delle Brigate Volontarie per l’Emergenza a Milano, volontari che si sono organizzati per assistere la popolazione in stato di necessità. Solidarietà, cura e comunità sono le parole d’ordine delle Brigate che non lasciano nessuno abbandonato a sé stesso.

I volontari operano con il supporto di Emergency e si inseriscono all’interno del progetto Milano Aiuta, rete di numerosi servizi che il Comune di Milano ha attivato nella fase di emergenza dovuta al Coronavirus, chiamando a raccolta volontari a supporto dei cittadini. 

ph. Paolo Marelli

“Il progetto nasce dall’idea di molte persone che l’8 marzo si sono ritrovate sotto il carcere di San Vittore in rivolta – racconta Valerio Ferrandi del coordinamento delle Brigate Volontarie – Ci siamo resi conto che la situazione era esplosiva e molto grave e che non sarebbe stato possibile affrontarla con i mezzi ordinari. Ci siamo chiesti come potessimo aiutare quelle fasce della popolazione che rischiavano di essere travolti da questa crisi e che si trovavano già in una condizione di fragilità e che la quarantena avrebbe aggravato. In quattro giorni siamo riusciti a trovare 150 volontari. Ora siamo più di 1000 e le Brigate sono diventate 15”.

Ma oltre alla cura del corpo e la distribuzione del cibo, i volontari delle Brigate hanno deciso di occuparsi anche dell’anima delle persone più fragili. E’ nata così una sezione specializzata, la “Brigata Brighella” che grazie al supporto formativo dell’attore Paolo Rossi e dell’officina teatrale del Dopolavoro Stadera sta portando in giro per i quartieri e le case popolari di Milano lietezza, gioia e divertimento. Una riscoperta del teatro delle origini, quello nomade e dei cantastorie che ha debuttato lo scorso maggio nei cortili della case popolari di Porta Genova.

Panem et circenses, dicevano i latini. In effetti ci siamo resi conto che i bisogni delle persone non erano solo quelli connessi al riempire un frigorifero – continua Valerio – Abbiamo quindi pensato di portare il teatro, il sorriso e la fantasia dentro le corti delle persone mentre distribuivamo il cibo. Siamo arrivati già a circa cinque repliche e la gente è rimasta entusiasta, soprattutto nella fase più critica. E’ stato un onore per noi avere come ‘coach’ Paolo Rossi che, venuto a sapere dell’iniziativa, ci ha contattati per darci una mano e aiutare gli attori, soprattutto dilettanti, nell’arte dell’improvvisazione. Ci ha seguiti in quasi tutte le rappresentazioni. Siamo partiti dalle Fiabe Italiane di Italo Calvino che sono state riadattate alla contemporaneità e riscritte. Storie di circa venti minuti fatte da una o due maschere. Gli attori hanno partecipato quindi ad un corso accelerato di teatro popolare”.

“Poi in un periodo in cui i teatri, ma come tanti altri settori dello spettacolo e della cultura, soffrono molto la chiusura, la mancanza di risorse e molte persone sono rimaste a case con contratti atipici senza vedere un centesimo, è stato anche un modo per ricominciare a praticare l’arte e la cultura, in forme sicure, da un punto di vista sanitario. Piccolo spoiler: stiamo pensando anche di creare una Brigata Musicale, con i mezzi più semplici possibili”, conclude il volontario.

Per contribuire a sostenere le Brigate Volontarie potete consultare la pagina Facebook: https://www.facebook.com/brigatevolontarieMilano/

ph. Profilo Facebook Ufficiale

Laureata in Giurisprudenza e Giornalista Pubblicista dal 2018, ama il teatro, il cinema, l'arte e la musica. Appassionata di recitazione, si diletta a salire su un palco di tanto in tanto. In altre sedi, anche Avvocato.

Teatro

Conciliare il mondo del teatro con il video: la sfida del Teatro Trastevere

Redazione

Published

on

Con la chiusura dei luoghi della cultura, l’arte ed il teatro stanno trovando sempre più spesso sbocco attraverso l’audiovisivo. Il Teatro Trastevere in questo difficile contesto propone Lumière  – Nuovi Contenuti, stesso… contenitore”. 

“Lumière è la nostra personale sfida di conciliare il mondo del teatro con il video” – si legge -“Senza presunzione e pregiudizi ci poniamo con la modalità della scoperta e della sperimentazione, ponendo al centro del progetto però il luogo fisico dove si fa arte: cambiano i contenuti, ma il contenitore rimane lo stesso.”

Leggi anche: Bon Jovi: 37 anni fa lo storico debutto con l’album omonimo

Quindi non solamente lo streaming sic et simpliciter degli spettacoli in cartellone, ma incontri, interviste, virtual tour artistici e narrazione del territorio che progressivamente saranno pubblicati in video nelle pagine social attive, attraverso il nuovo canale Youtube del Teatro Trastevere, per tenere accesi gli spazi culturali e non acconsentire alla smaterializzazione come conseguenza della digitalizzazione.

“Perché l’arte è incontro e relazione tra persone, e uno dei compiti dei luoghi della cultura è mantenere i mattoni uno sopra l’altro per tenere in piedi le mura dentro le quali creare cultura.”

“E’ un periodo artistico sicuramente complicato quello che stiamo vivendo, al di là della giustizia oppure no di queste misure restrittive: ma noi prendiamo spunto dalle capacità dell’artigianato teatrale per fare di necessità…virtù, e proviamo a lavorare su quei pochi spazi d’azione che questa pandemia ci concede. Direttore Artistico Marco Zordan


Continue Reading

Teatro

Valorizzare, tutelare e sostenere lo spettacolo dal vivo, nasce il Patto per le Arti performative

Redazione

Published

on

Il mondo dello spettacolo dal vivo, nelle sue diverse espressioni e attività, messo nelle condizioni giuste per operare, contribuirà alla ripresa culturale, economica e morale del nostro Paese. Ciò anche attraverso un fortissimo rilancio della fruizione dell’immenso patrimonio culturale e artistico d’Italia, ponendo in primo piano il suo ruolo aggregativo, formativo, creatore di benessere, distensivo e sociale.

“Come abbiamo ampiamente compreso e purtroppo constatato, il 2021 sarà ancora un anno fuori dall’ordinario e quindi il nostro impegno dovrà essere straordinario nella costruzione del prossimo futuro delle arti performative, nell’ambito di una nuova visione per lo sviluppo culturale, sociale ed economico del nostro Paese”. Lo sostengono unitariamente i responsabili delle organizzazioni firmatarie del Patto per le Arti Performative che lanciano un manifesto al MIBACT.

Leggi anche: La cultura resiste e non si ferma: il ruolo sociale dell’arte è più vivo che mai

In sintesi alcuni punti del Manifesto:

– Allineare l’investimento culturale dello stato italiano alla media della spesa europea;

– Valorizzare la creatività artistica e l’utilità sociale, culturale, formativa ed economica dello spettacolo dal vivo e delle arti performative;

– Identificare le imprese culturali e tutte le categorie dei lavoratori del settore con uno specifico registro; abolire il Fus e creare un nuovo Fondo Unico per le Arti Performative in accordo con le Regioni.

Il manifesto integrale:

In qualità di Federazioni, Associazioni e Formazioni indipendenti di Teatro, Musica, Danza e Circo che sottoscrivono il presente Manifesto con il nome di Patto per le Arti Performative, ci siamo riuniti con l’intento di proporre un intervento costruttivo per collaborare alla realizzazione di una nuova politica culturale del Paese, portando e rappresentando istanze in grado di produrre mutamenti e trasformazioni necessari al bene comune dello Spettacolo dal Vivo e, di conseguenza, alla coesione sociale e al benessere collettivo.

Come abbiamo ampiamente compreso e purtroppo constatato, il 2021 sarà ancora un anno fuori dall’ordinario e quindi il nostro impegno dovrà essere straordinario nella costruzione del prossimo futuro delle arti performative, nell’ambito di una nuova visione per lo sviluppo culturale, sociale ed economico del nostro Paese.  

Leggi anche: Elvis, “The rock n’roll matador”. Una carriera segnata dalla chiamata alle armi

Abbiamo l’occasione di gettare le basi per una autentica politica culturale, che porti al superamento delle tante lacune, discrezionalità e anacronismi presenti nell’ordinamento del comparto dello Spettacolo dal Vivo, problematiche che sono presenti da molto tempo e che la pandemia ha messo ancor più in chiara luce.

Questa è un’opportunità che abbiamo il dovere di cogliere a favore di tutto il settore dei lavoratori e degli operatori dello spettacolo e, ripetiamo, per quello che questo comparto rappresenta, per il nostro Paese e nell’interesse di tutti i cittadini.

Pertanto, in questo anno di transizione, dobbiamo proporre e realizzare azioni condivise, per adeguare l’approccio e l’impianto normativo del comparto a una realtà ormai evoluta. Riteniamo che l’attuale Tavolo Permanente per lo Spettacolo dal Vivo presso il Mibact sia una iniziativa veramente lodevole, che vada sostenuta come luogo di ascolto, confronto, realizzazione di istanze e proposte anche per la ripartenza di tutto il settore. 

Qualora questo Tavolo di confronto non dovesse rivelarsi realmente efficace e operativo, il Patto per le Arti Performative, composto da organizzazioni appartenenti a tutti i settori dello Spettacolo dal Vivo – Teatro, Musica, Danza e Circo – richiederà incontri diretti sia con il Ministro, sia con i dirigenti responsabili del Mibact per un confronto trasparente.

Considerata la natura di sintesi di questo documento, evidenziamo di seguito i temi per una nuova politica culturale che verranno articolati e illustrati successivamente in documenti dettagliati, per esplicare motivazioni e modalità delle azioni da portare avanti, anche in previsione della nascita degli Stati Generali per lo spettacolo dal vivo:

  1. valorizzazione della creatività artistica e dello Spettacolo dal Vivo come strumento formativo ed educativo
  2. considerazione dell’utilità sociale e culturale dello Spettacolo e delle Arti Performative
  3. necessità di allineare l’investimento culturale dello Stato italiano alla media della spesa europea (pur riconoscendo gli incrementi già adottati dal MIBACT)
  4. definizione delle Imprese Culturali e creazione di uno specifico registro
  5. identificazione e riconoscimento di tutte le categorie dei lavoratori dello spettacolo con un apposito registro di identificazione
  6. ridefinizione dei princìpi e delle relative norme che regolano l’intervento economico delle Istituzioni a favore dello Spettacolo dal Vivo, abbandonando l’attuale FUS, per creare un nuovo Fondo Unico per le Arti Performative in accordo con le Regioni
  7. attuazione di una reale semplificazione amministrativa e un modus agendi unificato e comune per tutti gli enti pubblici (Ministero, Regioni, Comuni) ed enti pubblici economici e non.

Il mondo dello spettacolo dal vivo, nelle sue diverse espressioni e attività, messo nelle condizioni giuste per operare, contribuirà alla ripresa culturale, economica e morale del nostro Paese, anche attraverso un fortissimo rilancio della fruizione dell’immenso patrimonio culturale e artistico d’Italia, ponendo in primo piano il suo ruolo aggregativo, formativo, creatore di benessere, distensivo e sociale.

Leggi anche: Michael Moore durissimo: Trump traditore, deve essere arrestato, nessuna pietà

I FIRMATARI:

ANAP (Associazione Nazionale Arti Performative), APS (Libera Associazione Lavoratori Spettacolo); CeNDIC (Centro Nazionale di Drammaturgia Italiana Contemporanea); Fed.It.Art. (Federazione Italiana Artisti); Forum Nazionale per l’Educazione Musicale; Indies (La Casa della Musica Indipendente); Movimento Spettacolo dal Vivo; SIEDAS (Società Italiana Esperti di Diritto delle Arti e dello Spettacolo); StaGe! (Stati Generali Musica Indipendente ed Emergente); UTR (Unione Teatri di Roma).

Continue Reading

Teatro

Liborio, il “cocciamatte” di Remo Rapino a difesa dei teatri chiusi

Redazione

Published

on

“Forse non esiste un solo Liborio, ma tanti Liborio quante sono le voci che vogliono e vorranno raccontarlo”. È con questo spirito che nasce, dalla collaborazione tra il poeta e narratore lancianese Remo Rapino e l’Agenzia Scribo di Lanciano, il progetto di coinvolgere attori e scrittori abruzzesi per incarnare il protagonista del libro “Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio”, vincitore del Premio Campiello 2020.

“Ciascuno dei lettori d’eccezione interpreterà, in un breve video, uno stralcio da un capitolo diverso del romanzo, fornendo una versione personalissima e diversificata del folle più amato d’Italia, il “cocciamatte” Bonfiglio Liborio”.

I protagonisti dell’iniziativa, che non a caso viene alla luce in un momento storico tanto difficile per il teatro e per l’arte in genere, sono: Pina Allegrini, Annalica Casasanta, Rolando D’Alonzo, Domenico Galasso, Marcello Marciani, Rossella Mattioli, Edoardo Oliva, Dario Rapino, Gabriele Tinari, Domenico Turchi, Milo Vallone, Giacomo Vallozza, Cristian Zulli e, infine, lo stesso Remo Rapino.

I video saranno proposti nei prossimi giorni sulla pagina facebook dell’Agenzia Scribo, intervallati anche da contributi speciali in altri dialetti, curati rispettivamente da Giuseppe Mascitelli dei Dago Red (Liborio nel dialetto di Casalanguida), Cesare Romani (Liborio nel dialetto del sud delle Marche), Mario Cavallo (Liborio in piemontese) e Fabio Celenza (Liborio nel dialetto vastese).

Non mancherà, naturalmente, un Liborio lancianese, la cui identità sarà rivelata in seguito. I video, poi, saranno mandati in onda all’interno di uno speciale, curato da Rete 8, dedicato interamente a Remo Rapino. “Liborio, insomma, si impone come personaggio capace di sormontare differenze culturali, generazionali e linguistiche e diventa voce universale, leggenda, favola, archetipo e sintesi della follia e della meraviglia, poetico punto di raccordo dell’umanità intera”.

Leggi anche: Teatri e cinema: nessuna certezza sulle riaperture, si pensa ad altro

Continue Reading

In evidenza