Connect with us

Entertainment

La pandemia non ferma i trafficanti d’arte, rubato il Giardino della canonica a Nuenen in primavera di Van Gogh

Ylenia Mazzarella

Published

on

Una tela di Vincent Van Gogh, Giardino della canonica a Nuenen in primavera, è stata rubata nella notte tra domenica e lunedì dal museo olandese Singer Laren. Il furto è avvenuto nel giorno del 167esimo compleanno dell’artista, nato a Zundert il 30 marzo del 1853.  I ladri sono riusciti ad accedere nel museo attraverso una porta vetrata, approfittando della chiusura iniziata il 13 marzo a causa dell’emergenza Coronavirus. Gli agenti sono intervenuti grazie all’allarme antifurto, tuttavia, una volta giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatare il furto. L’opera era stata prestata da un altro museo olandese, il Groninger Museum, per una mostra che si sarebbe dovuta tenere da gennaio a maggio, dal titolo Specchio dell’anima, con opere di artisti da Torop a Mondrian, oltre a Van Gogh, in cooperazione con il Rijksmuseum di Amsterdam.

«Sono enormemente arrabbiato e triste – ha detto il direttore del museo, Jan Rudolph de Lorm – Perché specialmente in questi giorni scuri, sento fortemente che l’arte è qui per confortarci, ispirarci e guarirci». Sconcertato anche Andreas Bluhm, direttore del Museo Groninger: «Speriamo che ci venga restituito il prima possibile e integro».

MyZona

Nel 1883 e nel 1884 Van Gogh aveva 30 anni ed era tornato a vivere con i suoi genitori a Nuenen, dove suo padre, pastore protestante, officiava nella chiesa raffigurata nel dipinto. L’artista realizzò il quadro come dono per la madre. Alla morte del padre, nel 1885, Vincent modificò il dipinto. Il giardino dietro la canonica, come egli scisse in una delle lettere al fratello Theo, era un luogo prediletto e vi compose parecchi lavori.

Non è la prima volta che un quadro del pittore viene rubato, nel dicembre del 2002 i due capolavori Vista dalla spiaggia di Scheveningen (1882) e La chiesa riformata di Nuemen (1884) vennero trafugati dal Vincent Van Gogh Museum di Amsterdam. Furono ritrovati una quindicina di anni dopo durante un’operazione anti-camorra e restituiti. Inoltre, nel 2007, dal giardino del Singer Laren Museum erano state rubate sette opere scultoree, tra le quali un bronzo di Rodin, poi recuperato mutilo.

Ylenia Mazzarella nasce in Abruzzo il 21\06\1996. Nel 2019 si laurea in Studi Storico-Artistici presso la Sapienza,Università di Roma, con una tesi dal titolo “La fortuna del Cristo Velato, da Sanmartino a Jago”. Durante il periodo di studi lavora per i Musei del Comune di Roma e collabora alla realizzazione di progetti volti alla promozione delle risorse storico-culturali e naturalistiche abruzzesi. Attualmente è iscritta al corso di Laurea Magistrale in Storia dell’arte

Continue Reading

Entertainment

Non c’è niente che sia per sempre: l’omaggio dello Stato Sociale ai lavoratori dello spettacolo

Antonella Valente

Published

on

Ci siamo anche noi, siamo qui. Siamo tutti quelli che nell’ultimo anno non hanno potuto lavorare, quelli che non si vedono, quelli che hanno cambiato lavoro, quelli che non ce l’hanno fatta a sopportare tutto questo“. Queste le parole condivise sui social dallo Stato Sociale che lo scorso giovedì sera si è presentato sul palco dell’Ariston insieme a Emanuela Fanelli e Francesco Pannofino con il singolo “Non è per sempre” degle Afterhours e rendendo omaggio ai lavoratori e alle lavoratrici dello spettacolo e al loro dramma.

Fiori bianchi in mano per una lista di luoghi di cultura ai margini della crisi pandemica, tra teatri, live club o musei che hanno chiuso o non vedono un futuro certo sulla propria strada. Un anno senza spettacolo live, senza sostegni adeguati per milioni di professionisti fermi da troppi mesi.

MyZona

Leggi anche: Antonella Ferrari emoziona Sanremo: “Sono solo un’attrice, e non un’attrice malata”

Abbiamo scelto un pezzo che ci metteva d’accordo tutti, rappresenta i concerti sudati nei club della nostra adolescenza, dove ci siamo innamorati della musica e dello stare bene assieme. Abbiamo invitato gli unici ospiti senza i quali non sarebbe stata possibile la nostra vita: i lavoratori dello spettacolo. L’unica cosa che possiamo fare è dire a tutti che ci siamo, siamo qui, facciamo il lavoro più bello del mondo e vogliamo continuare a farlo, tutti.

Ma non sarà per sempre, ha cantato Lo Stato Sociale. “Non c’è niente che sia per sempre”.

Continue Reading

Entertainment

Lo sapevi che: sfiga e credenze popolari, dal gatto nero al sale, da dove nascono?

Gaetano Miranda

Published

on

Credenze popolari, miti e modi di dire relativi alla malasorte, alla sfiga e a ciò che – si dice – porti sfortuna, sono argomento evergreen nel dialogo quotidiano. Passano gli anni, ma alcuni retaggi culturali restano. In Italia sono tantissimi, da nord a sud, quelli secondo cui la vita dell’uomo sarebbe in qualche maniera condizionata da alcuni avvenimenti che porterebbero sfortuna. Delle condizioni fattuali che influenzerebbero il modus vivendi di un singolo individuo. Ammesso che questi ci creda davvero.

Perché si dice “è tutto un altro paio di maniche”?

MyZona

Gli italiani, lo sappiamo, sono spesso superstiziosi o credono alla sfiga, specialmente nel meridione. Spesso queste credenze strappano un sorriso, ma l’origine di alcuni costumi non la conosciamo fino in fondo. Ed esplorando più in profondità, scalfendo quella patina di superficialità che potrebbe spuntare la volontà di approfondimento, invece, troviamo delle risposte spesso inaspettate.

Lo sapevi che: perché biciclette e moto hanno il cavalletto sul lato sinistro?

La parola, come ogni altra forma di energia, influisce e crea, ma qui dovremmo andare poi nel campo della fisica quantistica. Insomma, ce ne parla il dottor Gaetano Miranda, antropologo fisico, che fa luce su alcuni credenze popolari.

Per l’uomo sarà più complesso vivere su Marte oppure affrontare il viaggio di andata?

Leggi anche: 4/3/1943: mezzo secolo del capolavoro di Lucio Dalla

Continue Reading

Entertainment

Andy Warhol, le sue opere cinematografiche arrivano su Amazon Prime Video

Redazione

Published

on

Minerva Pictures è orgogliosa di annunciare che, in seguito all’accordo stipulato con la Andy Warhol Foundation-Europa, le opere cinematografiche dirette e prodotte dall’iconico padre della Pop-Art, saranno  a disposizione dei tantissimi amanti e cinefili, su RaroVideo Channel a partire dal 1 marzo. Il canale, in abbonamento su Amazon Prime Video, consente la visione, in un unico luogo, di tutto il prestigioso catalogo di immagini in movimento offerto da RaroVideo.

Leggi anche: Andy Warhol, curiosità e aneddoti di uno degli artisti più influenti del XX secolo

MyZona

Leggi anche: “The Dark Side of the Moon”: 48 anni fa l’album che cambiò la storia della musica

Tra i capolavori che fanno parte dell’accordo, troviamo le storie di vita dal sapore intimo e nascosto di The Chelsea Girls, opera monumentale della durata di 4 ore girata in doppio schermo, Vinyl, il film che forse può essere definito il più punk tra le opere di Warhol e ancora, la lunga e libera improvvisazione di The Velvet Underground&Nico, che ci riporta in quella meravigliosa e indimenticabile atmosfera newyorkese alla corte di Nico, Lou Reed e soci. Saranno editati e proposti anche i capolavori degli inizi come Blow Job e Kiss e non mancherà nemmeno la trilogia prodotta da Warhol e diretta dal suo antico amico e sodale Paul Morrissey, Flesh/Trash/Heat, con una delle icone della factory warholiana qual è Joe Dallessandro.

Leggi anche: Come Jim Morrison venne arrestato per aver mostrato i genitali durante un concerto

Un accordo, quello con la Andy Warhol Foundation, che assume i tratti di un vero e proprio evento dal grande valore artistico, dato che le opere saranno ospitate da RaroVideo Channel su Amazon Prime Video in esclusiva mondiale.

Leggi anche: Il Boss a Sanremo, quando Springsteen portò in paradiso la classe operaia del rock

Continue Reading

In evidenza