Connect with us

Musica

“La canzone che scrivo per te” dei Marlene Kuntz non è (solo) una canzone d’amore

Michela Moramarco

Published

on

La canzone che scrivo per te”, non è solo una canzone. È una dedica viscerale, sentita e da ascoltare.

Stiamo parlando della quinta traccia dell’album che cosa vedi della rock band italiana Marlene Kuntz. Il brano vede la collaborazione della front-woman degli Skunk Anansie, Skin. Non è una banale canzone d’amore.

È un singolarissimo racconto di una relazione viscerale e forse irreversibile, quella con la musica. Sofferta e consumata, come un amore profondo, come le sonorità del brano che quest’anno compie 20 anni. La passione che si vuole trasmettere è comunicata da chitarre soffuse e voci quasi sussurrate. Come a voler dare l’immagine di una fiamma che resiste al vento.

Una passione che etimologicamente racchiude dolore e dedizione, ma che spiega anche una necessaria reciprocità.

“La canzone che scrivo per te” è la colonna sonora di un percorso che conduce due entità ad un incontro, atteso, sperato ed esasperato. La sensazione che si ha ascoltando questo brano è probabilmente la stessa che si prova quando per una congiunzione astrale qualsiasi ci si ritrova a poter guardare il sole e la Luna contemporaneamente nel cielo.

In ogni caso, un testo e delle note così potenti dedicate alla musica sono un contratto inscindibile con la volontà di imparare ad ascoltare e a sentirsi sempre più – vivi.

Se non la conoscete, andate ad ascoltarla.

Scrivo di musica e di letteratura. Studentessa di Lettere Moderne, copywriter all’occorrenza, sono appassionata di comunicazione e marketing digitale. Dopo un intenso corso di giornalismo ho iniziato a organizzare interviste e non mi sono più fermata. Scrivo per suscitare reazioni propositive nelle persone che arrivano a leggere fin qui.

Musica

In uscita il nuovo album dei Fenisia, The Spectator

Sophia Melfi

Published

on

Il nuovo album dei Fenisia, The Spectator, sarà pubblicato il 30 ottobre 2020.

Si tratta del terzo concept album della band italiana, fondata a Roma nel 2009, la quale si ispira apertamente al rinomato southern rock statunitense.

L’album è stato prodotto da Ray Sperlonga (American Idol) al Rosary Lane Studio per l’etichetta Eclipse Records.

Continue Reading

Musica

La rabbia di Piero Pelù: chi ci governa non crede che musica e cultura vadano tutelate

redazione

Published

on

“A dicembre sarei dovuto tornare in tour insieme a voi, chiaramente in totale sicurezza, così come sono stati organizzati in sicurezza tutti gli eventi musicali autorizzati degli ultimi mesi. Ma a quanto pare chi ci governa non pensa che musica e cultura siano utili e debbano essere tutelati, se prima era chiaro ora è evidente”, scrive Piero Pelù su Facebook

“È vero che stiamo affrontando una situazione senza precedenti, ma è anche vero che cultura, spettacolo, musica nutrono la nostra anima, e forse mai come in questo momento ce ne sarebbe bisogno. Ma questi nuovi provvedimenti rischiano di portare un intero sistema al punto di non ritorno. Vedo locali e teatri che chiudono perché non riescono più a sopravvivere“.

“Cosa succederà tra qualche mese? Cosa succederà quando avremo meno posti dove fare cultura, meno professionisti al lavoro, perché si saranno dovuti reinventare facendo altro, meno persone affamate di cultura? La cultura è quello che ci tiene lontani dalla barbarie, dall’ignoranza e dalla violenza di cui abbiamo sempre più esempi davanti. Noi dello spettacolo siamo stati tra i più controllati, distanziati e responsabili in F1, F2 ed F3, lo dicono i numeri”.

“Vista l’innegabile importanza sociale della Cultura contro la violenza che esplode sempre più nelle strade e nelle piazze chiediamo a gran voce di riaprire cinema e teatri per salvare il Paese dalla barbarie e per far lavorare la categoria dello spettacolo senza gravare ulteriormente sulle casse dello Stato. A questo link trovate l’appello al governo di centinaia di artisti e imprese del settore musicale, teatrale e coreutica, operatori”.

Ph. Simone Di Luca

http://meiweb.it/2020/10/26/ristoro-immediato-per-le-arti-la-musica-la-cultura-e-lo-spettacolo-dal-vivo-appello-al-governo-di-centinaia-di-artisti-e-imprese-del-settore-musicale-teatrale-e-coreutica-operatori/?fbclid=IwAR02p2Ypk2AxotXamJPUCpFNyfnrNFCmGtSTrdjHW2erDQzfyNzzeOul0K8

Continue Reading

Musica

Gli Ac/Dc non deludono mai: guarda il video di Shot in the dark

redazione

Published

on

E’ online il video di “Shot in the dark“, il primo singolo degli AC/DC che anticipa “Power Up”, il nuovo atteso album in uscita il 13 novembre!

Shot In The Dark” vede di nuovo insieme Angus Young (chitarra solista), Brian Johnson (voce), Cliff Williams (basso), Phil Rudd (batteria) e Stevie Young (chitarra ritmica) nella loro forma migliore, come dimostra anche il nuovo video, diretto dal loro storico regista David Mallet, carico di energia rock!

“Power Up” è il diciassettesimo disco della loro leggendaria carriera, a sei anni dall’uscita di “Rock Or Bust” (2014). Per “Power Up”, la band ha richiamato il celebre produttore Brendan O’Brien che aveva già lavorato in “Black Ice” (2008) e “Rock Or Bust” (2014). Gli AC/DC hanno realizzato 12 tracce che mantengono intatto il loro storico e inconfondibile sound e la potenza degli elementi che più li caratterizzano! 

La deluxe – limited edition, unica nel suo genere, è imperdibile per i collezionisti e i fan del gruppo. Premendo un bottone a lato della special box, si illuminerà il logo AC/DC mentre gli altoparlanti integrati faranno partire “Shot In The Dark”. Il cofanetto include il CD con booklet di 20 pagine, che contiene foto esclusive, e un cavo di alimentazione USB che permette di ricaricare la scatola.

TRACKLIST:

1.        Realize
2.        Rejection
3.        Shot In The Dark
4.        Through The Mists Of Time
5.        Kick You When You’re Down
6.        Witch’s Spell
7.        Demon Fire
8.        Wild Reputation
9.        No Man’s Land
10.     Systems Down
11.     Money Shot
12.     Code Red

Continue Reading

In evidenza