Stop ai concerti per John Mayall: suonerò solo in California

John Mayall dice basta con i concerti. Non del tutto, suonerà solo in California e, sporadicamente, altrove. La decisione l’ha comunicata lui stesso tramite i propri social network e, a quanto si apprende, è definitiva. Dunque, non vedremo più il bluesman inglese esibirsi sui palchi italiani.

A causa dei rischi dovuti alla pandemia e alla mia età avanzata, ho deciso che arrivato per me il momento di appendere le “scarpe da strada” al chiodo. Di conseguenza, ridurrò drasticamente il programma delle mie tournée e limiterò le mie esibizioni a spettacoli vicino a casa mia in California, e a qualche occasionale concerto più lontano. I miei epici giorni da cane randagio sono quindi giunti al termine“, ha scritto.

MyZona

“Voglio ringraziare il mio pubblico per tutti i meravigliosi decenni di spettacoli, il suo entusiasmo contagioso per la mia musica e per il suo sostegno attraverso le mie numerose incarnazioni musicali. Aver trascorso la mia vita a fare ciò che amo e avervi insieme a me è stato un privilegio. Non sarò in viaggio verso la vostra città, ma voglio continuare a condividere il mio amore per il Blues con voi. Ho nuova musica in arrivo sotto forma del mio album “The Sun is Shining Down“, che sarà pubblicato da Forty Below Records il 21 gennaio 2022, insieme alla mia sezione ritmica di lunga data composta da Greg Rzab e Jay Davenport e alcuni straordinari ospiti speciali”.

“Sono orgoglioso di ciò che abbiamo creato ed entusiasta di condividerlo con voi. Non vedo l’ora di incontrare chi di voi potrà assistere ai miei spettacoli locali, e mi mancheranno tutti voi che non potrete, ma come sempre, continuate ad amare il Blues!”. Firmato, John Mayall.

Leggi anche: Born in the Usa, l’inno del Boss che non invecchia mai

Al messaggio di Mayall ha fatto seguito quello della Barley Arts che ha dato indicazioni sui rimborsi per i biglietti delle date italiane del tour previste a Trento, Trezzo sull’Adda (MI), Bologna, Roma e Padova ad aprile 2022. Queste le modalità:

I biglietti acquistati online sui circuiti di vendita ufficiali: il rimborso sarà erogato automaticamente sul metodo di pagamento scelto in fase d’acquisto. I biglietti acquistati in punto vendita: il rimborso potrà essere ottenuto riconsegnando il biglietto al medesimo punto vendita presso il quale è stato acquistato entro e non oltre il 15 ottobre 2021.

“È stato un privilegio, una benedizione e una grande lezione di vita poter lavorare in Italia così tanti anni con un gigante della Musica quale è John Mayall. La sua etica del lavoro, il grande e poliedrico talento e la sua statura umana e professionale ci sono state di grande ispirazione e motivo di crescita e l’augurio per le nuove generazioni è di studiare ed emulare il suo percorso. A noi rimane e rimarrà sempre la memoria di centinaia di concerti organizzati per lui e con lui. Grazie Mr. Mayall. Riconoscenti forever and ever”. Il messaggio porta la firma di Claudio Trotta insieme alla Barley e a tutti quei professionisti e promoter che hanno lavorato con lui.

Leggi anche: Claudio Trotta (Barley Arts): dopo la pandemia auspico un rinascimento musicale. Ecco le mie proposte

Da leggere anche

Federico Falcone
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli