In arrivo il film su Lemmy: esordi, follie e scorribande rock del leader dei Motorhead

We are Motorhead and we play rock’n’roll“, era solito affermare Lemmy prima di dare il via a ogni concerto della sua band. E chissà che questo incipit non possa valere anche per il biopic in lavorazione sul cantante e bassista della band autrice di Ace Of Spades. Lemmy, al secolo Ian Fraser Kilmister, non è stato più di un semplice musicista, è stato un’icona, una leggenda del rock’n’roll che, nonostante una vita di eccessi sfrenati, è salito sul palco fino a che ha potuto, dando tutto sé stesso e, a volte anche di più.

Scomparso il 28 dicembre del 2015 a causa di un male incurabile, ha segnato, come pochi altri, un’epoca. La sua vita e la sua carriera adesso diventeranno oggetto di un film. Si partirà dall’infanzia, quella vissuta senza l’amore di un padre nella cittadina gallese di Stone on Trent, fino ad arrivare – step by step – al momento clou della sua esistenza, quella sliding doors che lo ha portato a conoscere Jimi Hendrix (per cui ha fatto anche il roadie) convincendolo a voler dedicare la sua vita alla musica.

MyZona

Da principio fu l’approdo agli Hawkwind a convincerlo a dedicarsi al basso elettrico, ma solo con i Motorhead spiccherà il volo anche come compositore. Diventeranno la sua creatura, forgiata a sua immagine e somiglianza. Un percorso artistico durato più di cinquanta anni, carico di storie e aneddoti che, inevitabilmente, non potranno che essere raccontati. Lemmy, senza quella componente di aneddotica e alone di leggenda che lo contornava, non può essere descritto con sufficienza.

Il biopic, che si chiamerà molto semplicemente “Lemmy”, sarà girato da Greg Olliver, lo stesso regista che, nel 2010, pubblicò un documentario con lo stesso nome. “Tutto ciò che avete sentito su di lui è probabilmente vero, non perché stava seguendo i cliché dello stile rock’n’roll, ma semplicemente perché li stava creando”, ha dichiarato Olliver”, Marlboro rosse e Jack Daniel’s per colazione, speed per cena, era tutto vero. Ma dietro quella facciata di rock’n’roll di ferro c’era anche un uomo coraggioso e complicato che non ha mai smesso di fare la musica che lo rendeva felice. Abbiamo sviluppato questo biopic sin dal 2013 cercando di essere fedeli alla figura di Lemmy, agli altri membri della band e a tutte le persone che hanno svolto un ruolo importante nella sua vita. Sarà un film di cui tutti loro saranno orgogliosi”.

Da leggere anche

Federico Falcone
Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Speciale multimedia

spot_img

Ultimi inseriti

esplora

Altri articoli