Connect with us

Attualità

Hasel: l’arresto del rapper catalano incendia la Spagna

Published

on

L’arresto di Pablo Hasél, il rapper catalano, continua ad incendiare le notti spagnole. Barcellona e altre città catalane, fino addirittura a Madrid, sono da quasi una settimana il teatro di violenti scontri.

Pablo Hasél, nome d’arte di Pablo Rivadulla Duró, è un cantante rap spagnolo condannato a 9 mesi di reclusione più una multa da 30 mila euro per alcuni tweet e soprattutto per i testi di alcune canzoni che secondo la legge spagnola esalterebbero il terrorismo e insulterebbero la famiglia reale.

L’arresto di Hasel

Barricatosi nell’università di Lleida, sua città natale, Hasél è stato inseguito e catturato dai Mossos d’Esquadra, agenti della polizia catalana. Si era barricato nel rettorato dell’università insieme a decine di studenti e attivisti con l’obiettivo di dare risonanza mediatica al suo arresto, che ha definito un “gravissimo attacco” alla libertà d’espressione. “Non ci fermeranno! Non ci piegheranno!”, ha gridato Hasel mentre veniva portato via dagli agenti. 

Il suo arresto ha diviso l’opinione pubblica e la stessa politica che ora deve rispondere alle rivolte popolari che nel nome di Hasél e della libertà di espressione da quasi una settimana tengono in scacco le maggiori città spagnole. Il tentativo di censura ha quindi sortito l’effetto contrario.
Migliaia di giovani hanno dato vita a manifestazioni nate spontaneamente sui social che hanno portato a scene di violenza, culminate con la distruzione della stazione di polizia a Vic, in Catalogna, e la perdita di un occhio per una diciannovenne.

“Si tratta di un amalgama di persone violente e aggressive che, con il pretesto di una legittima manifestazione, causano disordini”, ha dichiarato in conferenza stampa Joan Carles Molinero, capo dei Mossos.

Le frasi incriminate

Trentatrenne, sostenitore dell’indipendenza catalana, Hasél nei suoi testi spiega che non ama essere etichettato ribadendo il suo essere voce degli oppressi schiacciati dal sistema di cui la monarchia spagnola è complice.

Attraverso i social e i suoi video musicali il rapper ha portato avanti per anni la sua lotta contro il “tiranno”. Come nella canzone “Juan Carlos el Bobón”, che senza la “r” fa perdere alla parola tutta la sua regalità trasformandola in “sciocco”. O come l’ultimo video, apparso su YouTube quando Hasél si è barricato all’interno dell’Università, dove si vede l’attuale sovrano Filippo VI inneggiare alla libertà di espressione come fondamento essenziale su cui fondare una democrazia. Un’immagine abbastanza in controtendenza con ciò che sta avvenendo in questi giorni in Spagna. Per questo Hasél canta: Senti tiranno, non ce n’è solo per tuo padre. Che il grido repubblicano trapani il tuo timpano. Amo l’oppresso, odio il regno oppressore”.

Le canzoni sotto processo sono molte di più e sono state pubblicate più di dieci anni fa, dove Hasél inneggiava ai gruppi terroristici del GRAPO e dell’Eta.
La denuncia del rapper riguarda anche la violenza in Spagna soggetta a due pesi e due misure: quella dei prigionieri politici, “trattati peggio degli stupratori”, e quella impunita della monarchia accusando inoltre di ripetute e ingiustificate violenze la polizia.

Al suo fianco si sono schierati personalità di spicco della cultura spagnola. “L’imprigionamento di Pablo Hasél rende ancora più evidente la spada che pende sopra la testa di tutti i personaggi pubblici che osano criticare apertamente le azioni delle istituzioni statali. Siamo consapevoli che se permettiamo a Pablo di essere incarcerato, domani potrebbero venire dietro a chiunque di noi, finché non saranno riusciti a soffocare ogni sussurro di dissidenza”, recita il manifesto firmato da oltre 200 artisti, tra i quali figurano il regista Pedro Almodóvar, l’attore Javier Bardem, il cantautore Joan Manuel Serrat, l’attore Luis Tosar e il rapper Valtony, scappato nel 2018 in Belgio per evitare la fine di Hasel.

La divisione politica

L’arresto del rapper catalano è dunque un elemento di divisione tra le forze politiche. Mentre il ministero della Giustizia non si era ancora mosso per eventuali revisioni della legge sull’anti terrorismo inasprita già nel 2018, la pressione delle piazze ha portato Podemos, appartenente alla minoranza del governo, a dichiarare come stesse completando il proprio “progetto di legge per la protezione della libertà di espressione”. Il ministro della giustizia Juan Carlos Campo ha ammesso la confusione creata da crimini come questo, ma non ha parlato di un’abrogazione totale. “La proposta del ministero considererà che gli eccessi verbali compiuti nell’ambito di manifestazioni artistiche, culturali o intellettuali debbano rimanere al di fuori dell’ambito della punizione penale”, recita una nota del governo. 

Una frattura diventata ancora più profonda dopo che il portavoce di Podemos al Congresso, Pablo Echenique, ha deciso di sostenere apertamente i manifestanti chiedendo di indagare su alcune azioni della polizia, alimentando ancora di più il clima infiammato nelle città spagnole.

Solo pochi giorni fa, nel frattempo, gli indipendentisti hanno trionfato alle elezioni catalane, nel cui parlamento, con 11 seggi si siederanno i radicali di destra del movimento Vox. Un elettorato sempre più distante dal potere centrale di Madrid, cresciuto già dopo il referendum del 2017, che ha portato anche in quell’occasione a scontri cittadini. Un chiaro segno di insofferenza nei confronti della Corona a cui vanno sommate le inchieste di corruzione che riguardano l’ex re Juan Carlos, quello cantato da Pablo Hasél, su cui la magistratura sta indagando e che non possono che aumentare il distacco fra Corona e popolazione.

Nato a Roma grazie alle notti magiche di Italia 90, si laurea in Lettere con indirizzo storico all’Università di Roma “Tor Vergata”. Cresciuto tra la passione per la Roma ed i libri di Harry Potter punta ad una nuova laurea in Filologia. Ancora deve capire se essere un Grifondoro o il nuovo Totti

Attualità

Prima boccata d’ossigeno dopo le restrizioni, ma resta tanta incertezza

Published

on

Photo by Josh Hild on Unsplash

Coprifuoco, ristorazione, casino, parchi tematici, arrivano i primi segnali di apertura da parte della cabina di regia politica, convocata a Palazzo Chigi. Prima boccata d’aria che avrà sicuramente un impatto su chi fa musica, cultura e intrattenimento. Però resta senza data la riapertura di discoteche. Le attività in sale da ballo e simili, all’aperto o al chiuso, restano sospese infatti. Anche se sono stati già programmati alcuni eventi test a Milano e Gallipoli.

“Basta essere trattati come untori, meritiamo rispetto”, commenta furibondo Gianni Indino, presidente del Silb, il sindacato dei locali da ballo dell’Emilia-Romagna, per la mancata indicazione di una data di riapertura delle discoteche, all’aperto e al chiuso. Riapre tutto fuorché le discoteche, è una cosa vergognosa e intollerabile: e non ci vengano a dire che siamo noi la causa della ripresa dei contagi, perché non è vero.

Ci sono centinaia di famiglie che non sanno più come portare a casa la pagnotta. Finora siamo sempre stati buoni, adesso stiamo pensando ad azioni eclatanti. Mi vergogno di vivere in un paese che non tiene nella giusta considerazione tutti i lavoratori e tutte le imprese nello stesso modo. Noi abbiamo sempre voluto cercare una soluzione condivisa, ma così non ci viene data nemmeno una speranza. Ma meritiamo rispetto e non siamo più intenzionati a subire”.

Un clima di incertezza in cui versano anche i grandi eventi musicali, con decine di centinaia di appuntamenti annullati nell’arco di quest’estate. Per quanto riguarda il coprifuoco, dal 19 maggio è previsto l’obbligo di rientro alle 23. Dal 7 giugno si passa alle 24 secondo un principio di gradualità. Dal 21 giugno, invece, nessun obbligo di rientro e libera circolazione anche notturna secondo un principio di gradualità.

Sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò possono ripartire dal 1 luglio. Lo stesso giorno riaprono anche centri culturali, centri sociali e centri ricreativi.

Per i matrimoni, le feste possono essere organizzate dal 15 giugno sia all’aperto sia al chiuso ma gli invitati dovranno avere la certificazione verde per dimostrare di essere stati vaccinati con la seconda dose, oppure di aver avuto il Covid ed essere guariti oppure aver fatto un tampone con esito negativo nelle 48 ore precedenti.

Le palestre riaprono il 24 maggio, dal 1 luglio riaprono le piscine al chiuso e i centri termali. Nelle palestre si potranno utilizzare gli spogliatoi ma sarà vietato fare la doccia.

I centri commerciali possono aprire anche nei weekend a partire dal prossimo, mentre nei bar si potrà consumare al bancone a partire da giugno. A metà del mese prossimo riaprono anche i parchi tematici.

Cambiano finalmente i parametri delle zone rosse, arancioni e gialle: la guida non sarà più l’Rt ma l’incidenza e un altro forte fattore è il tasso di ospedalizzazione, sia in terapia intensiva che in area medica. Arriva una radicale semplificazione – spiegano fonti di governo – dei 21 criteri precedenti, che scendono a 12.

Allo studio, a quanto si apprende da fonti di governo, un possibile nuovo schema dei parametri di validità del Green Pass per chi ha fatto il vaccino. Due, in particolare, i parametri suscettibili di modifiche: la scadenza, a sei mesi dal vaccino, del pass (scadenza che potrebbe essere prolungata) e la valutazione di ottenere il pass già con una prima dose di vaccino

Photo by Josh Hild on Unsplash

Continue Reading

Attualità

Biancaneve val bene un bacio?

Published

on

Biancaneve e il bacio non consensuale

Porre una questione, agire una provocazione, avere un dubbio, formulare una ipotesi. Detto in una parola, ragionare può rappresentare una condotta pericolosa, nel nostro tempo?

Verrebbe da rispondere sì senza perdere troppo tempo. È il caso di Biancaneve, in queste ore sulla bocca di tutti, che riporta in prima istanza questo tema, fra gli altri.

Un altro tema riguarda l’elaborazione della complessità, l’abbandono della polarizzazione o, per capirci meglio, il tifo da stadio e il politicamente corretto.

“Biancaneve dorme e dunque il bacio non è stato consensuale”, questa la questione con cui è posta la provocazione. Il dubbio formulato da due giornaliste del “SFGate” che hanno recensito una delle giostre originali, “Snow White’s Enchanted Wish”, presentata in versione rinnovata al pubblico di un Disneyland appena riaperto dopo 400 giorni di lockdown. Alla riapertura del parco di Anaheim infatti, si è scelto di adottare come finale della corsa lo stesso epilogo del classico cartone del 1938, cioè il bacio dell’eterno amore del Principe per liberare Biancaneve dall’incantesimo. Al posto della morte della matrigna Grimilde con cui si concludeva l’itinerario nella edizione originale del 1955 della giostra.

“Non può essere un bacio di vero amore se solo una persona sa che sta succedendo”, hanno scritto le giornaliste sull’edizione digitale del “San Francisco Chronicle“, per poi incalzare: “Non siamo già tutti d’accordo che quello del consenso nei primi film della Disney è un aspetto problematico? E che insegnare ai bambini che baciare un’altra persona, se entrambe non sono d’accordo, non va bene?”.

Questo come tantissimi altri episodi simili è stato strumentalizzato da una stampa alla continua ricerca del clic, che a discapito di ogni necessario tentativo di confronto e approfondimento, si è limitata a gridare allo scandalo e alla ennesima strenua conseguenza del cosiddetto politicamente corretto.

LA PROVOCAZIONE SUL BACIO A BIANCANEVE

Quella delle due giornaliste non era una denuncia, ma solo un’idea. Ogni qualvolta però che si pone una questione di ragionamento, si tende a far passare come eccessivo ciò che invece era soltanto ipotetico, o tutt’al più problematico. Ma per la società della resilienza a tutti i costi (che diventa a tutti gli effetti performance), per la società della positività che tenta di sbarazzarsi di tutto ciò che è negativo – porre in questione lo status quo delle cose (e anche evidentemente delle favole) è senza senso, o peggio, grave, terrificante, eccessivo, sbagliato. “Furore su Disney” “Bufera” “Polemica” . Queste le categorie scomodate nei titoli dei giornali online che hanno riportato la notizia generando enorme clamore.

La pratica di ingigantire è un espediente classico che si verifica in rete e che in genere provoca una divisione netta fra favorevoli e contrari: un tifo da stadio si alza al di sopra degli eventi senza che, spesso, neanche si conoscano a fondo i termini della questione.

Di fatto non c’è stato nessun attacco alla favola classica e arcinota di Biancaneve: certo si è usato un argomento oggi all’ordine del giorno, per via dei numeri sempre sconcertanti di atti di violenza contro le donne e per la messa a tema degli argomenti di fatto costituenti quella cosiddetta cultura dello stupro che ancora oggi è al centro del dibattito publico.

Gridare quindi alla dittatura del politicamente corretto – negli ambiti della vita sociale nella quale sempre di più emergono i temi legati alla messa in minorità di intere categorie del vivente (donne, disabili, omosessuali, non-bianchi) – è di fatto un modo che ha la comunità di rifuggire la complessità con quella che Byung-Chul Han nel suo “La Società senza dolore” appena edito da Einaudi chiama la politica palliativa.

Quella cioè in cui imperversa “una algofobia, una paura generalizzata del dolore” che ha “il compito di modellare l’essere umano nella forma di un soggetto di prestazione il più possibile estraneo al dolore e sempre felice”.

E cosa c’è di più lontano dalla semplicità del porre una domanda scomoda, una questione dubitante, una messa in discussione della ‘tradizione’, fosse anche di una semplice favola?

Sembrerebbe inaudito quindi mettere in discussione l’esito romantico di una favola per bambini alla luce di temi che invece, a mio avviso, andrebbero affrontati, come quello per esempio del consenso nelle relazioni sentimentali e sessuali fra le persone.

Quando una società mette in discussione se stessa, perché la metà dell’umanità – questo sono infatti le donne, la metà degli esseri viventi – reclama il diritto alla libertà e alla autodeterminazione, non ci si può sottrarre dal confronto né dalla discussione.

Il conflitto non si può silenziare, per il semplice fatto che “da che mondo è mondo il mondo funziona così”. Allora bisogna affrontare la paura del dolore che un cambiamento genera, perché “le sofferenze sono un codice: contengono la chiave per comprendere ogni società” (Han).

Tuffarsi nel ripetere che il politicamente corretto non è diventato altro che il modo per ‘non poter dire più niente’ non è che l’ennesimo posizionarsi pro o contro – senza attraversare il dibattito conoscendone la dimensione reale –  per ottenere qualche like tanto facile quanto vuoto e avvelenato, proprio come la famosa mela.

Continue Reading

Attualità

Sensazionale scoperta in Polonia: trovata per la prima volta la mummia di una donna incinta

Published

on

«L’esame radiologico di un’antica mummia che si dice sia stata trovata nelle tombe reali a Tebe, nell’Alto Egitto, ha dimostrato che si tratta del corpo di una donna incinta. Veniva dall’élite della comunità tebana ed era accuratamente mummificata, avvolta in tessuti e dotata di un ricco set di amuleti. Un esame più attento ha rivelato che la donna è morta tra i 20 ei 30 anni insieme al feto in età compresa tra la 26a e la 30a settimana di gravidanza. Questa scoperta è l’unico caso noto di una persona incinta imbalsamata». Questo l’inizio dell’articolo uscito sul Journal Of Archaeological Science.

Autori della sensazionale scoperta sono stati i ricercatori del Warsaw Mummy Project, uno dei più avanzati progetti di analisi che opera con moderne tecniche non invasive. I ricercatori che studiano questi resti dal 2015 già sapevano che la mummia in questione non fosse un uomo- come era stato sempre creduto- ma non avevano idea che l’inumata fosse incinta al momento dell’imbalsamazione.

Non si conoscono le ragioni per cui il feto non è stato rimosso al momento della mummificazione della donna. Un caso forse? Non possiamo saperlo, di sicuro studi approfonditi apriranno nuovi scenari sulle tecniche di sepoltura degli antichi egizi, sul significato della maternità e sul rapporto nascita/morte.

Leggi anche: “Miti e leggende d’Abruzzo: il rito dei “serpari”, San Domenico e la dea Angizia. Perché abbiamo da sempre paura dei serpenti?

Continue Reading

In evidenza