Connect with us

Musica

Grammy Awards 2020, una cerimonia segnata dalla morte di Bryant. Ecco i vincitori

Federico Falcone

Published

on

Si è svolta in un clima surreale, fortemente segnata e condizionata dalla tragica scomparsa di Kobe Bryant, la 62esima edizione dei Grammy Awards. La cerimonia, andata in scena all’interno dello Staples Center di Los Angeles, dove la stella dei LA Lakers ha brillato di luce propria, trionfando e stravincendo praticamente in tutto, ha vissuto momenti di grande intensità e trasporto. Kobe, qui, nella città degli angeli, è un semi Dio. Per alcuni lo è proprio.

Una tragedia in cui ha perso la vita anche la figlia Gianna, 13 anni, giovane promessa del basket femminile. A bordo dell’elicottero, precipitato a causa della nebbia che ne ha condizionato la visibilità del tragitto, c’erano anche altre sette persone. “Kobe era un eroe“, ha dichiarato Alicia Keys.

Trionfo per Billie Eilish, giovanissima stella del pop mondiale il cui destino sembra già segnato da successi e trionfi in successione. Ha vinto in cinque categorie su sei in cui era candidata. Ecco l’elenco completo dei premiati: 

Record of the Year
“Bad Guy” — Billie Eilish 


Album of the Year
“When We All Fall Asleep, Where Do We Go?” — Billie Eilish


Best New Artist
Billie Eilish 

Best Rap/Sung Performance
“Higher” — DJ Khaled ft. Nipsey Hussle & John Legend 

Song of the Year
“Bad Guy” — Billie Eilish O’Connell & Finneas O’Connell, songwriters (Billie Eilish) 

Best Rap Album
IGOR — Tyler, The Creator 

Best Comedy Album
Sticks & Stones — Dave Chappelle 

Best Country Duo/Group Performance
 “Speechless” — Dan & Shay 

Best Pop Solo Performance
“Truth Hurts” — Lizzo 

POP FIELD
Best Pop Duo/Group Performance:
“Old Town Road” — Lil Nas X & Billy Ray Cyrus 

Best Traditional Pop Vocal Album:
Look Now — Elvis Costello & The Imposters 

Best Pop Vocal Album:
When We All Fall Asleep, Where Do We Go — Billie Eilish 

DANCE/ELECTRONIC FIELD
Best Dance Recording:
“Got To Keep On” — The Chemical Brothers 

Best Dance/Electronic Album:
No Geography — The Chemical Brothers 

CONTEMPORARY INSTRUMENTAL MUSIC
Best Contemporary Instrumental Album:
Mettavolution — Rodrigo y Gabriela 

ROCK
Best Rock Performance:
“This Land” — Gary Clark Jr. 

Best Metal Performance:
“7empest” — Tool 

Best Rock Song:
“This Land” — Gary Clark Jr., Songwriter (Gary Clark Jr.)

Best Rock Album:
Social Cues — Cage The Elephant 

ALTERNATIVE
Best Alternative Music Album:
Father of the Bride — Vampire Weekend 

R&B
Best R&B Performance:
“Come Home” — Anderson .Paak & André 300 

Best Traditional R&B Performance:
“Jerome” — Lizzo

Best R&B Song:
“Say So” — Pj Morton, Songwriter (Pj Morton Ft. Jojo) 

Best Urban Contemporary Album:
Cuz I Love You (Deluxe) — Lizzo

Best R&B Album:
Venture — Anderson .Paak

RAP
Best Rap Performance:
“Racks In The Middle” — Nipsey Hussle ft. Roddy Ricch & Hit-boy 

Best Rap Song:
“A Lot” — Jermaine Cole, Dacoury Natche, 21 Savage & Anthony White, songwriters (21 Savage ft. J. Cole) 

COUNTRY
Best Country Solo Performance:
“Ride Me Back Home” — Willie Nelson 

Best Country Song:
“Bring My Flowers Now” — Brandi Carlile, Phil Hanseroth, Tim Hanseroth & Tanya Tucker, Songwriters (Tanya Tucker) 

Best Country Album:
While I’m Livin’ — Tanya Tucker 

NEW AGE
Best New Age Album:

Wings — Peter Kater 

JAZZ

Best Improvised Jazz Solo:

“Sozinho” — Randy Brecker, soloist

Best Jazz Vocal Album:

12 Little Spells — Esperanza Spalding

Best Jazz Instrumental Album:

Finding Gabriel — Brad Mehldau 

Best Jazz Ensemble Album:

The Omni-american Book Club — Brian Lynch Big Band 

Best Latin Jazz Album:

Antidote — Chick Corea & The Spanish Heart Band 

GOSPEL/CONTEMPORARY CHRISTIAN MUSIC

Best Gospel Performance/Song:

“Love Theory”– Kirk Franklin; Kirk Franklin, Songwriter


Best Contemporary Christian Music Performance/Song:

“God Only Knows” — for King & Country & Dolly Parton; Josh Kerr, Jordan Reynolds, Joel Smallbone, Luke Smallbone & Tedd Tjornhom, songwriters 

Best Gospel Album:

Long Live Love — Kirk Franklin 

Best Contemporary Christian Music Album:

Burn The Ships — for King & Country 

Best Roots Gospel Album:

Testimony — Gloria Gaynor

LATIN

Best Latin Pop Album:

#ELDISCO — Alejandro Sanz 

Best Latin Rock, Urban or Alternative Album:

El Mal Querer – Rosalía 

Best Regional Mexican Music Album (Including Tejano):

De Ayer Para Siempre — Mariachi Los Camperos 

Best Tropical Latin Album:

Opus — Marc Anthony (WINNER – TIE)
A Journey Through Cuban Music — Aymée Nuviola (WINNER – TIE)


AMERICAN ROOTS MUSIC

Best American Roots Performance:

“Saint Honesty” — Sara Bareilles 

Best American Roots Song:

“Call My Name” — Sarah Jarosz, Aoife O’donovan & Sara Watkins, songwriters (I’m With Her)

Best Americana Album:

Oklahoma — Keb’ Mo’ 

Best Bluegrass Album:

Tall Fiddler — Michael Cleveland

Best Traditional Blues Album:

Tall, Dark & Handsome — Delbert McClinton & Self-made Men

Best Contemporary Blues Album:

This Land — Gary Clark Jr. 

Best Folk Album:

Patty Griffin — Patty Griffin 

Best Regional Roots Music Album:

Good Time — Ranky Tanky 

REGGAE

Best Reggae Album:

Rapture — Koffee

WORLD MUSIC

Best World Music Album:

Celia — Angelique Kidjo

CHILDREN’S

Best Children’s Music Album:

Ageless Songs For The Child Archetype — Jon Samson 

SPOKEN WORD

Best Spoken Word Album (Includes Poetry, Audio Books & Storytelling):

Becoming — Michelle Obama

MUSICAL THEATER

Best Musical Theater Album:

Hadestown — Reeve Carney, André De Shields, Amber Gray, Eva Noblezada & Patrick Page, principal soloists; Mara Isaacs, David Lai, Anaïs Mitchell & Todd Sickafoose, producers (Anaïs Mitchell, composer & lyricist) (Original Broadway Cast)

MUSIC FOR VISUAL MEDIA

Best Compilation Soundtrack For Visual Media:

A Star Is Born — Lady Gaga & Bradley Cooper

Best Score Soundtrack For Visual Media:

Chernobyl — Hildur Guðnadóttir, composer

Best Song Written For Visual Media:

“I’ll Never Love Again (Film Version)” — Natalie Hemby, Lady Gaga, Hillary Lindsey & Aaron Raitiere, songwriters (Lady Gaga & Bradley Cooper); Track from: A Star Is Born 

COMPOSING/ARRANGING

Best Instrumental Composition:

“Star Wars: Galaxy’s Edge Symphonic Suite” — John Williams, composer (John Williams) 

Best Arrangement, Instrumental or A Cappella:

“Moon River” — Jacob Collier, arranger (Jacob Collier) 

Best Arrangement, Instruments and Vocals:

“All Night Long” — Jacob Collier, arranger (Jacob Collier Featuring Jules Buckley, Take 6 & Metropole Orkest) 

PACKAGE

Best Recording Package:

Chris Cornell — Barry Ament, Jeff Ament, Jeff Fura & Joe Spix, art directors (Chris Cornell) 

Best Boxed or Special Limited Edition Package:

Woodstock: Back To The Garden – The Definitive 50th Anniversary Archive — Masaki Koike, art director (Various Artists)

NOTES

Best Album Notes:

Stax ’68: A Memphis Story — Steve Greenberg, album notes writer (Various Artists)

HISTORICAL

Best Historical Album:

Pete Seeger: The Smithsonian Folkways Collection — Jeff Place & Robert Santelli, compilation producers; Pete Reiniger, mastering engineer (Pete Seeger)

PRODUCTION, NON-CLASSICAL

Best Engineered Album, Non-Classical:

When We All Fall Asleep, Where Do We Go? — Rob Kinelski & Finneas O’Connell, engineers; John Greenham, mastering engineer (Billie Eilish) 

Producer Of The Year, Non-Classical:

Finneas 


Best Remixed Recording:

“I Rise (Tracy Young’s Pride Intro Radio Remix)” — Tracy Young, remixer (Madonna) 

PRODUCTION, IMMERSIVE AUDIO

Best Immersive Audio Album:

Lux — Morten Lindberg, immersive audio engineer; Morten Lindberg, immersive audio mastering engineer; Morten Lindberg, immersive audio producer (Anita Brevik, Trondheimsolistene & Nidarosdomens Jentekor) 

PRODUCTION, CLASSICAL

Best Engineered Album, Classical:

Riley: Sun Rings — Leslie Ann Jones, engineer; Robert C. Ludwig, mastering engineer (Kronos Quartet) 

Producer Of The Year, Classical:

Blanton Alspaugh

CLASSICAL

Best Orchestral Performance:

“Norman: Sustain” — Gustavo Dudamel, conductor (Los Angeles Philharmonic) 

Best Opera Recording:

“Picker: Fantastic Mr. Fox” — Gil Rose, conductor; John Brancy, Andrew Craig Brown, Gabriel Preisser, Krista River & Edwin Vega; Gil Rose, producer (Boston Modern Orchestra Project; Boston Children’s Chorus) 

Best Choral Performance:

“Duruflé: Complete Choral Works” — Robert Simpson, conductor (Ken Cowan; Houston Chamber Choir) 

Best Chamber Music/Small Ensemble Performance:

“Shaw: Orange” — Attacca Quartet 
Best Classical Instrumental Solo:

“Marsalis: Violin Concerto; Fiddle Dance Suite” — Nicola Benedetti; Cristian Măcelaru, conductor (Philadelphia Orchestra)

Best Classical Solo Vocal Album:

Songplay — Joyce Didonato; Chuck Israels, Jimmy Madison, Charlie Porter & Craig Terry, accompanists (Steve Barnett & Lautaro Greco) 

Best Classical Compendium:

The Poetry Of Places — Nadia Shpachenko; Marina A. Ledin & Victor Ledin, producers 

Best Contemporary Classical Composition:

Higdon: Harp Concerto — Jennifer Higdon, composer (Yolanda Kondonassis, Ward Stare & The Rochester Philharmonic Orchestra)
MUSIC VIDEO/FILM

Best Music Video:

“Old Town Road (Official Movie)” — Lil Nas X & Billy Ray Cyrus, Calmatic, video director; Candice Dragonas, Melissa Larsen & Saul Levitz, video producers 
Best Music Film:

HOMECOMING — Beyoncé, Beyoncé Knowles-Carter & Ed Burke, video directors; Dora Melissa Vargas, video producer 

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Musica

Sanremo, la Rai cerca con urgenza coppie di figuranti per riempire la platea dell’Ariston

Redazione

Published

on

In vista di Sanremo, la Rai è alla ricerca, con urgenza, di coppie di figuranti conviventi, disponibili per le cinque serate in diretta dal Teatro Ariston del 71esimo festival: una notizia che conferma l’intenzione nei giorni scorsi di procedere con il Festival dal 2 al 6 marzo, con pubblico ridotto e composto, appunto, da figuranti.

Leggi anche: Sanremo, l’eccezione che ignora la regola

Nell’avviso circolato si segnala che l’impegno è previsto dal 2 al 6 marzo 2021: “È fondamentale avere il requisito di convivente – viene precisato – che permetterà di occupare due poltrone ravvicinate, distanziate dalle altre almeno di un metro. Sarà richiesta un’autodichiarazione di convivenza e inoltre sarà richiesto un tampone (rimborsato da Rai) nei giorni precedenti la prima convocazione”.

Continue Reading

Musica

Di Cioccio-Campanelli: atmosfere in stile Kraftwerk per il nuovo “Zaumberspiegel”

Redazione

Published

on

“Zauberspiegel” è il primo singolo firmato dal duo Di Cioccio/Campanelli. La musica digitale che incontro gli strumenti elettronici analogici, così potremmo definire i lavori firmati dai due musicisti. Gli artisti, prendendo a piene mani dalla lezione dei Kraftwerk, ripropongono una musica fatta di elettronica 80’stechno e industrial.

“Zauberspiegel” è il primo singolo di questa loro nuova avventura musicale insieme, dopo la militanza di entrambi all’interno dei Le Borg: «“Zauberspiegel” è romantica e rievocativa di un’era analogica che appariva foriera di conquiste. Per il titolo abbiamo quindi pensato al nome di un antico televisore, quelli in bianco e nero, enormi, da salotto. Nella parte centrale del brano abbiamo scelto suoni che richiamassero impulsi ed ingranaggi, sovrapponendoli ad un tappeto di basso molto marcato, per sintetizzare l’evolversi dinamico del progresso».

Leggi anche: Alla scoperta della casa museo di Louis Armstrong

In uscita per Aventino Music, il brano è stato interamente registrato dai due presso lo studio di Paolo Di Cioccio: «“Zauberspiegel”, come tutto l’album da cui è tratta, è stata registrata presso la nostra “caverna del suono”, ovvero lo studio privato di Paolo Di Cioccio, con componentistica e strumenti digitali. Unici strumenti analogici, i sintetizzatori Doepfer, utilizzati per creare effetti e rumoristica in generale. Il nostro lavoro iniziale è stato poi raffinato ed impreziosito presso gli studi della Aventino Music, con una non comune ed immediata sintonia».

Leggi anche: “Brigata Bianca”: Samuel rilascia il suo secondo album da solista

“Zauberspiegel” è il primo estratto da “The Last Odyssey”, album dedicato alla memoria di Florian Schneider dei Kraftwerk, in uscita il 3 febbraio: «“The Last Odyssey” è dedicato alla memoria di Florian Schneider e dei suoi Kraftwerk. Abbiamo provato a ricreare quegli stati d’animo dell’elettronica strumentale anni ‘80, cercando una visione moderna del lascito artistico del compianto compositore. Abbiamo così trovato sonorità che fossero contemporaneamente rievocative di quegli anni e, nello stesso, tempo richiamassero qualche eco della prima techno. Di fondo, il nostro lavoro vuole essere ispirato alla gradevolezza dell’ascolto, nel richiamo della tecnologia analogica. Proprio in questa prospettiva ci siamo ispirati ai vecchi 45 giri per la durata dei brani, tutti attorno ai tre minuti».

Leggi anche: Energia e groove, “Beyond Thuderdome” è il nuovo singolo dei Death of a Legend

Continue Reading

Musica

Energia e groove, “Beyond Thuderdome” è il nuovo singolo dei Death of a Legend

Redazione

Published

on

Dopo il successo del primo singolo Faceman, che ha superato i 27k streams in poco più di un mese dalla sua uscita, i Death of a Legend sono pronti a farvi ascoltare Beyond Thunderdome. Il brano è un concentrato di energia e ironia, marchio distintivo della band.

Trippy, il cantante, dichiara: “nessuna città morta che tace in una terra desolata radioattiva e nessuna muscle-car corazzata piena di punte e motoseghe. Ci hanno detto che la cosa più preziosa rimasta era il carburante e si sbagliavano. Poi ci hanno detto che la cosa più preziosa rimasta era l’acqua e di nuovo si sono sbagliati. Tutto sbagliato. È carta igienica… ed è finita”.

Leggi anche: Gli Aborym svelano Hostile: “Per la prima volta abbiamo scritto il disco da band”

Beyond Thunderdome è la prima canzone su cui abbiamo lavorato insieme all’inizio del 2020. La formazione non era completa e stavamo ancora cercando di trovare il nostro modo di fare le cose, quindi la prima versione sembrava più una traccia thrash metal. All’inizio, è stato difficile dare a tutto un senso, ma dopo… fanculo, ci siamo lasciati andare, non l’abbiamo più fatto e tutto è fluito naturalmente. Enjoy”.

Death of a Legend, band rock’n’roll formata da membri della scena hardcore punk milanese, schierano: Trippy alla voce, Mark alle chitarre, Zane al basso e Don Malasorte alla batteria. Lo stile della band mescola le iconici beat del rocker blues Danko Jones, sfaccettature grezze di band come Maylene and the sons of Disaster e The Bronx ed un groove tipico dei primi Volbeat.

Leggi anche: Malu Signu: la ballata di Federico Stabile che fonde il Funk alla lingua siciliana

Continue Reading

In evidenza