Connect with us

Musica

Grammy Awards 2020, una cerimonia segnata dalla morte di Bryant. Ecco i vincitori

Published

on

Si è svolta in un clima surreale, fortemente segnata e condizionata dalla tragica scomparsa di Kobe Bryant, la 62esima edizione dei Grammy Awards. La cerimonia, andata in scena all’interno dello Staples Center di Los Angeles, dove la stella dei LA Lakers ha brillato di luce propria, trionfando e stravincendo praticamente in tutto, ha vissuto momenti di grande intensità e trasporto. Kobe, qui, nella città degli angeli, è un semi Dio. Per alcuni lo è proprio.

Una tragedia in cui ha perso la vita anche la figlia Gianna, 13 anni, giovane promessa del basket femminile. A bordo dell’elicottero, precipitato a causa della nebbia che ne ha condizionato la visibilità del tragitto, c’erano anche altre sette persone. “Kobe era un eroe“, ha dichiarato Alicia Keys.

MyZona

Trionfo per Billie Eilish, giovanissima stella del pop mondiale il cui destino sembra già segnato da successi e trionfi in successione. Ha vinto in cinque categorie su sei in cui era candidata. Ecco l’elenco completo dei premiati: 

Record of the Year
“Bad Guy” — Billie Eilish 


Album of the Year
“When We All Fall Asleep, Where Do We Go?” — Billie Eilish


Best New Artist
Billie Eilish 

Best Rap/Sung Performance
“Higher” — DJ Khaled ft. Nipsey Hussle & John Legend 

Song of the Year
“Bad Guy” — Billie Eilish O’Connell & Finneas O’Connell, songwriters (Billie Eilish) 

Best Rap Album
IGOR — Tyler, The Creator 

Best Comedy Album
Sticks & Stones — Dave Chappelle 

Best Country Duo/Group Performance
 “Speechless” — Dan & Shay 

Best Pop Solo Performance
“Truth Hurts” — Lizzo 

POP FIELD
Best Pop Duo/Group Performance:
“Old Town Road” — Lil Nas X & Billy Ray Cyrus 

Best Traditional Pop Vocal Album:
Look Now — Elvis Costello & The Imposters 

Best Pop Vocal Album:
When We All Fall Asleep, Where Do We Go — Billie Eilish 

DANCE/ELECTRONIC FIELD
Best Dance Recording:
“Got To Keep On” — The Chemical Brothers 

Best Dance/Electronic Album:
No Geography — The Chemical Brothers 

CONTEMPORARY INSTRUMENTAL MUSIC
Best Contemporary Instrumental Album:
Mettavolution — Rodrigo y Gabriela 

ROCK
Best Rock Performance:
“This Land” — Gary Clark Jr. 

Best Metal Performance:
“7empest” — Tool 

Best Rock Song:
“This Land” — Gary Clark Jr., Songwriter (Gary Clark Jr.)

Best Rock Album:
Social Cues — Cage The Elephant 

ALTERNATIVE
Best Alternative Music Album:
Father of the Bride — Vampire Weekend 

R&B
Best R&B Performance:
“Come Home” — Anderson .Paak & André 300 

Best Traditional R&B Performance:
“Jerome” — Lizzo

Best R&B Song:
“Say So” — Pj Morton, Songwriter (Pj Morton Ft. Jojo) 

Best Urban Contemporary Album:
Cuz I Love You (Deluxe) — Lizzo

Best R&B Album:
Venture — Anderson .Paak

RAP
Best Rap Performance:
“Racks In The Middle” — Nipsey Hussle ft. Roddy Ricch & Hit-boy 

Best Rap Song:
“A Lot” — Jermaine Cole, Dacoury Natche, 21 Savage & Anthony White, songwriters (21 Savage ft. J. Cole) 

COUNTRY
Best Country Solo Performance:
“Ride Me Back Home” — Willie Nelson 

Best Country Song:
“Bring My Flowers Now” — Brandi Carlile, Phil Hanseroth, Tim Hanseroth & Tanya Tucker, Songwriters (Tanya Tucker) 

Best Country Album:
While I’m Livin’ — Tanya Tucker 

NEW AGE
Best New Age Album:

Wings — Peter Kater 

JAZZ

Best Improvised Jazz Solo:

“Sozinho” — Randy Brecker, soloist

Best Jazz Vocal Album:

12 Little Spells — Esperanza Spalding

Best Jazz Instrumental Album:

Finding Gabriel — Brad Mehldau 

Best Jazz Ensemble Album:

The Omni-american Book Club — Brian Lynch Big Band 

Best Latin Jazz Album:

Antidote — Chick Corea & The Spanish Heart Band 

GOSPEL/CONTEMPORARY CHRISTIAN MUSIC

Best Gospel Performance/Song:

“Love Theory”– Kirk Franklin; Kirk Franklin, Songwriter


Best Contemporary Christian Music Performance/Song:

“God Only Knows” — for King & Country & Dolly Parton; Josh Kerr, Jordan Reynolds, Joel Smallbone, Luke Smallbone & Tedd Tjornhom, songwriters 

Best Gospel Album:

Long Live Love — Kirk Franklin 

Best Contemporary Christian Music Album:

Burn The Ships — for King & Country 

Best Roots Gospel Album:

Testimony — Gloria Gaynor

LATIN

Best Latin Pop Album:

#ELDISCO — Alejandro Sanz 

Best Latin Rock, Urban or Alternative Album:

El Mal Querer – Rosalía 

Best Regional Mexican Music Album (Including Tejano):

De Ayer Para Siempre — Mariachi Los Camperos 

Best Tropical Latin Album:

Opus — Marc Anthony (WINNER – TIE)
A Journey Through Cuban Music — Aymée Nuviola (WINNER – TIE)


AMERICAN ROOTS MUSIC

Best American Roots Performance:

“Saint Honesty” — Sara Bareilles 

Best American Roots Song:

“Call My Name” — Sarah Jarosz, Aoife O’donovan & Sara Watkins, songwriters (I’m With Her)

Best Americana Album:

Oklahoma — Keb’ Mo’ 

Best Bluegrass Album:

Tall Fiddler — Michael Cleveland

Best Traditional Blues Album:

Tall, Dark & Handsome — Delbert McClinton & Self-made Men

Best Contemporary Blues Album:

This Land — Gary Clark Jr. 

Best Folk Album:

Patty Griffin — Patty Griffin 

Best Regional Roots Music Album:

Good Time — Ranky Tanky 

REGGAE

Best Reggae Album:

Rapture — Koffee

WORLD MUSIC

Best World Music Album:

Celia — Angelique Kidjo

CHILDREN’S

Best Children’s Music Album:

Ageless Songs For The Child Archetype — Jon Samson 

SPOKEN WORD

Best Spoken Word Album (Includes Poetry, Audio Books & Storytelling):

Becoming — Michelle Obama

MUSICAL THEATER

Best Musical Theater Album:

Hadestown — Reeve Carney, André De Shields, Amber Gray, Eva Noblezada & Patrick Page, principal soloists; Mara Isaacs, David Lai, Anaïs Mitchell & Todd Sickafoose, producers (Anaïs Mitchell, composer & lyricist) (Original Broadway Cast)

MUSIC FOR VISUAL MEDIA

Best Compilation Soundtrack For Visual Media:

A Star Is Born — Lady Gaga & Bradley Cooper

Best Score Soundtrack For Visual Media:

Chernobyl — Hildur Guðnadóttir, composer

Best Song Written For Visual Media:

“I’ll Never Love Again (Film Version)” — Natalie Hemby, Lady Gaga, Hillary Lindsey & Aaron Raitiere, songwriters (Lady Gaga & Bradley Cooper); Track from: A Star Is Born 

COMPOSING/ARRANGING

Best Instrumental Composition:

“Star Wars: Galaxy’s Edge Symphonic Suite” — John Williams, composer (John Williams) 

Best Arrangement, Instrumental or A Cappella:

“Moon River” — Jacob Collier, arranger (Jacob Collier) 

Best Arrangement, Instruments and Vocals:

“All Night Long” — Jacob Collier, arranger (Jacob Collier Featuring Jules Buckley, Take 6 & Metropole Orkest) 

PACKAGE

Best Recording Package:

Chris Cornell — Barry Ament, Jeff Ament, Jeff Fura & Joe Spix, art directors (Chris Cornell) 

Best Boxed or Special Limited Edition Package:

Woodstock: Back To The Garden – The Definitive 50th Anniversary Archive — Masaki Koike, art director (Various Artists)

NOTES

Best Album Notes:

Stax ’68: A Memphis Story — Steve Greenberg, album notes writer (Various Artists)

HISTORICAL

Best Historical Album:

Pete Seeger: The Smithsonian Folkways Collection — Jeff Place & Robert Santelli, compilation producers; Pete Reiniger, mastering engineer (Pete Seeger)

PRODUCTION, NON-CLASSICAL

Best Engineered Album, Non-Classical:

When We All Fall Asleep, Where Do We Go? — Rob Kinelski & Finneas O’Connell, engineers; John Greenham, mastering engineer (Billie Eilish) 

Producer Of The Year, Non-Classical:

Finneas 


Best Remixed Recording:

“I Rise (Tracy Young’s Pride Intro Radio Remix)” — Tracy Young, remixer (Madonna) 

PRODUCTION, IMMERSIVE AUDIO

Best Immersive Audio Album:

Lux — Morten Lindberg, immersive audio engineer; Morten Lindberg, immersive audio mastering engineer; Morten Lindberg, immersive audio producer (Anita Brevik, Trondheimsolistene & Nidarosdomens Jentekor) 

PRODUCTION, CLASSICAL

Best Engineered Album, Classical:

Riley: Sun Rings — Leslie Ann Jones, engineer; Robert C. Ludwig, mastering engineer (Kronos Quartet) 

Producer Of The Year, Classical:

Blanton Alspaugh

CLASSICAL

Best Orchestral Performance:

“Norman: Sustain” — Gustavo Dudamel, conductor (Los Angeles Philharmonic) 

Best Opera Recording:

“Picker: Fantastic Mr. Fox” — Gil Rose, conductor; John Brancy, Andrew Craig Brown, Gabriel Preisser, Krista River & Edwin Vega; Gil Rose, producer (Boston Modern Orchestra Project; Boston Children’s Chorus) 

Best Choral Performance:

“Duruflé: Complete Choral Works” — Robert Simpson, conductor (Ken Cowan; Houston Chamber Choir) 

Best Chamber Music/Small Ensemble Performance:

“Shaw: Orange” — Attacca Quartet 
Best Classical Instrumental Solo:

“Marsalis: Violin Concerto; Fiddle Dance Suite” — Nicola Benedetti; Cristian Măcelaru, conductor (Philadelphia Orchestra)

Best Classical Solo Vocal Album:

Songplay — Joyce Didonato; Chuck Israels, Jimmy Madison, Charlie Porter & Craig Terry, accompanists (Steve Barnett & Lautaro Greco) 

Best Classical Compendium:

The Poetry Of Places — Nadia Shpachenko; Marina A. Ledin & Victor Ledin, producers 

Best Contemporary Classical Composition:

Higdon: Harp Concerto — Jennifer Higdon, composer (Yolanda Kondonassis, Ward Stare & The Rochester Philharmonic Orchestra)
MUSIC VIDEO/FILM

Best Music Video:

“Old Town Road (Official Movie)” — Lil Nas X & Billy Ray Cyrus, Calmatic, video director; Candice Dragonas, Melissa Larsen & Saul Levitz, video producers 
Best Music Film:

HOMECOMING — Beyoncé, Beyoncé Knowles-Carter & Ed Burke, video directors; Dora Melissa Vargas, video producer 

Fondatore e direttore responsabile del magazine The Walk Of Fame. Nato e cresciuto in Abruzzo, è diventato giornalista pubblicista dopo aver completato gli studi in Giurisprudenza. Appassionato di musica, cinema e teatro, avrebbe sempre voluto essere il Will Smith di Indipendence Day o, tutt'al più, Aragorn de "Il Signore degli Anelli". Vola basso.

Musica

Summer Revolution: a Bergamo oltre 120 artisti per un’estate ricca di musica dal vivo

Published

on

Selton, Cimini, Niccolò Carnesi, Gio Evan, Cmqmartina, Joan Thiele, Cristina Donà, Lo Stato Sociale, Fulminacci, Finley, Davide Van De Sfroos, Rachele Bastreghi, Psicologi, Colombre, Bianconi, The Zen Circus, Caterina, N.a.i.p., Omar Pedrini, Nada, Cara Calma, Vanarin, Orietta Berti, Calibro 35, Tre Allegri Ragazzi Morti, Modena City Ramblers, Venerus, Savana Funk, Cmqmartina, Melancholia, Riccardo Sinigallia. Ecco la line up aggiornata di “Summer Revolution”, il festival musicale estivo che si terrà a Bergamo (su due location: Spazio Polaresco e Piazzale degli Alpini) e Brescia (Latteria Molloy) fino al 19 settembre.

Oltre 120 i concerti organizzati da Rete Doc e Yollom, che animeranno l’estate bergamasca con parola d’ordine “sicurezza”. Per quanto riguarda Piazzale degli Alpini, il pubblico affluirà grazie ai 4 ingressi sui lati della piazza, con misurazione temperatura e sedute distanziate fronte palco, nel rispetto delle normative anti Covid vigenti. L’area live avrà una capienza di 400 persone. Due saranno anche i poli di somministrazione cibi e bevande caratterizzati da proposte tematiche: paella e sangria, polpette, pizza, Fiorentina, arrosticini e un particolare Festival British.

MyZona

Il Summer Revolution, con la direzione artistica di Luca Borsetti, gestore anche di Latteria Molloy a Brescia e organizzatore di noti festival sul territorio come Albori e Indiecativamente, animerà il più grande spazio aperto del centro di Bergamo, recuperando il significato originale di “agorà”. 

Con uno sguardo rivolto al 2023, quando Bergamo e Brescia saranno capitali della cultura, il piano progettuale triennale “Bergamo 1000” prevede, oltre ai concerti, spettacoli di danza e stand up comedy, cinema anche workshop, dibattiti e laboratori, per famiglie e per i più piccoli. Inoltre, due Capodanni in piazza con il coinvolgimento di artisti di calibro nazionale, il tutto raccontato day by day attraverso un portale web con contenuti video, podcast, articoli, interviste, inchieste e webdocumentary.
Doc Servizi metterà a disposizione tutto il know how maturato in oltre 30 anni di esperienza in termini di sicurezza e gestione dei grandi eventi. La rete DocNet (oltre 10 le aziende aderenti) vanta un portfolio di oltre 11000 clienti; partecipazione a più di 5.500 eventi in tutta Italia con 235 mila giornate di lavoro, 5.000 cantieri e luoghi di lavoro gestiti in sicurezza.

Continue Reading

Musica

Concerti ed eventi estivi: ancora incertezza e domande mentre il CTS si riunisce

Published

on

Normalità. Un concetto che in questo periodo sta cominciando a fare nuovamente capolino nella vita di tutti. Che si tratti di andare al mare, godersi un aperitivo in compagnia o poter uscire la sera senza coprifuoco. Insomma, tornare a tutte quelle cose che facevano parte della quotidianità di cui la pandemia ci ha ampiamente privato. Ma in particolare sono gli eventi dal vivo e i concerti a segnare un ritorno vero e proprio alla normalità.

Dall’annullamento dei maggiori festival, posticipati al 2022, agli annunci inaspettati dell’ultimo minuto, fino agli stadi di nuovo gremiti di spettatori. Non c’è evento che non sia stato in qualche modo influenzato dalle varie chiusure e restrizioni del caso. Ma, come tutti speravamo, questa estate si dovrebbe ripartire, seppur con delle accortezze che, nel bene e nel male, faranno ancora parte di quella che possiamo definire “nuova normalità“.

MyZona

Proprio in questo fatidico 21 giugno si dovrebbe decidere sul destino delle norme anti covid. Alle 18:30 il CTS si riusnisce per discutere sull’obbligo della mascherina e se dal 28 si potrà quindi optare per un ulteriore allentamento delle misure di sicurezza. Imprescindibili due fattori: trovarsi all’aperto ed evitare assembramenti. Che ne sarà, quindi, dei concerti e degli eventi dal vivo? Certamente la riapertura dello stadio Olimpico al pubblico in occasione degli Europei ha segnato un importante salto in avanti per un settore, quello dell’intrattenimento, fin troppo colpito da silenzi e restrizioni. I lavoratori, soprattutto chi gestisce discoteche e sale da ballo, senza escludere tutti coloro impegnati in questo senso, chiedono a gran voce ulteriori risposte.

Risposte che dovrebbero arrivare dopo l’esito della discussione di oggi. Tuttavia la data in cui l’obbligo delle mascherine verrà abolito è incerta, sia perchè all’interno del governo c’è una netta spaccatura tra chi chiede maggiori allentamenti e chi è più scettico. Sia perchè i dati relativi agli andamenti dei contagi e vaccinati saranno disponibili a partire dal 2 luglio. C’è chi parla del 28 giugno, data nella qual anche la Valle d’Aosta sarà zona bianca. Chi, al contrario, ritiene più veritiero il il 1° luglio, se non addirittura il 5. Insomma, è chiaro che l’incertezza sia ancora la costante, seppur la campagna vaccinale stia finalmente dando i suoi primi frutti.

Leggi anche: “Annullata l’edizione 2021 del Rock In Roma. Lo staff: “Ci abbiamo provato in tutti i modi”

Dicevamo come la riapertura dello stadio Olimpico, con circa il 25% della capienza, abbia certamente smosso le acque. Tuttavia la questione risulta più spinosa di quanto si possa pensare, soprattutto per i concerti. Questo perchè per i live non valgono le stesse regole degli eventi sportivi. Lo stesso Enzo Mazza, CEO della Federazione dell’Industria Musicale Italiana, ha espresso all’Adnkronos diverse perplessità in merito. Al punto da dichiarare che:

«È evidente che siamo di fronte ad una farsa. Si dibatte su protocolli stringenti sui quali dovrebbe esprimersi il CTS, per consentire quest’estate eventi musicali con mille o poco più persone all’aperto, e nello stesso momento si approva un piano per l’accesso di oltre 16mila persone all’Olimpico in occasione degli europei di calcio?». Mazza ha poi aggiunto: «Penso che artisti e addetti ai lavori non debbano accettare una discriminazione di tale portata. Deve essere immediatamente aperto un tavolo di confronto per ottenere quanto meno un trattamento equivalente».

Normalità. Con questa parola abbiamo aperto l’articolo, ed è sempre con la stessa che vogliamo concluderlo. Ma che cos’è la normalità? Cosa vuol dire, in ultima analisi, “normale”? Forse un ritorno alla quotidianità? Oppure semplicemente il poter fare nuovamente tutte quelle cose che prima, probabilmente, facevamo anche inconsciamente? Acquistare un biglietto per la partita del cuore, per l’artista preferito o per lo spettacolo teatrale che più ci emoziona. Insomma, non dover assistere più, a ridosso di una data importante come quella di oggi, ad una situazione di ulteriore incertezza ed interrogativi. Concretezza e competenza: gli ingredienti della normalità.

Leggi anche: “Wuhan, dalla militarizzazione per il covid a concerti con 11 mila spettatori. E in Italia?

Continue Reading

Musica

Matthew Lee: “Mi radiarono al conservatorio perchè amavo il Rock’n’Roll. Poi la rivincita”

Published

on

La musica è sempre stata l’elemento dominante nella vita di Matthew Lee, tanto che oggi il performer rappresenta per l’Italia l’orgoglio dello spirito rock’n’roll e swing, nonché, appunto, della canzone d’autore italiana ispirata al mondo degli anni ’50 in perfetto equilibrio tra virtuosismo e sentimento.

Leggi anche: Matthew Lee: le date estive del “BluesRock & Love Tour 2021”

MyZona

Il padre (anch’egli musicista) gli ha trasmesso la passione per il pianoforte e Matthew Lee si è iscritto giovanissimo al Conservatorio Rossini di Pesaro affascinato dall’enorme potenziale dello strumento. Nello stesso periodo ha però scoperto il rock’n’roll ascoltando i dischi di Elvis Presley trovati in casa. Una scoperta folgorante che ha cambiato in maniera radicale il suo approccio al pianoforte e a quella che al Conservatorio è considerata “musica moderna”. Questa influenza non fu granché gradita al punto che all’ottavo anno è arrivata la radiazione per incompatibilità a causa del suo stile “esuberante” rispetto agli studi definiti classici.

Questo evento ha contribuito a delineare inequivocabilmente la strada di Matthew: d’ora in poi la sua vita sarà solo il rock’n’roll.

Nel suo disco “Pianoman” (Universal Music / Decca Black) è presente un emblematico brano dal titolo Rossini’s Tarantella, una composizione dove convivono la musica classica e il rock’n’roll in un caleidoscopio di stili e generi reinventati ed amalgamati dall’inconfondibile tocco di Matthew Lee.
 
Nell’estate il suo Blues, Rock & Love Tour 2021 toccherà diverse piazze in Italia, Francia e Russia. L’inconfondibile crooner è pronto ancora una volta ad incantare il pubblico con la sua rivoluzionaria energia. Per informazioni e biglietti: http://matthewlee.it/it/tour  

Continue Reading

In evidenza